GLI HARE KRISHNA E GLI ALTRI GRUPPI GAUDJIA

kirtan_beach_s.jpeg

ISKCON (Hare Krishna)
– Confederazione Nazionale delle Associazioni per la Coscienza di Krishna
(sede legale nazionale dell’ente morale)
Via S. Maria del Pianto, 15-17
00186 Roma
Tel.: 06-68891540
E-mail: roma@govinda.it
URL: www.harekrsna.it
– Villaggio Hare Krishna
24040 Chignolo d’Isola (Bergamo) 
Tel.: 035-4940705
E-mail: villaggio.hare.krsna@harekrsna.it
URL: www.harekrsna.it
– Villa Vrindavana
Via Scopeti, 108
50026 San Casciano in Val di Pesa (Firenze)
Tel. e fax: 055-820054
E-mail: info@villavrindavana.org
URL: www.villavrindavana.org 
– Prabhupada Desh
Via Roma, 9
36020 Albettone (Vicenza)
Tel.: 0444-790573; 0444-790566
Fax: 0444-790581
E-mail: prabhupadadesh@pamho.net
URL: www.prabhupadadesh.com

Krishna Mahaprabhu Chaitanya (1486-1533), cui si è fatto cenno nell’introduzione generale all’induismo, promuove agli inizi del XVI secolo un importante movimento devozionale in Bengala incentrato sulla devozione a Krishna, il quale diverrà poi noto comegaudiya-vaisnava-sampradaya. I fedeli di Chaitanya si stabiliscono dapprima a Vrindavana (Uttar Pradesh) e poi in Bengala, e la loro tradizione continua pressoché ininterrotta fino ai giorni nostri.

Tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, nel quadro di una generale riscoperta delle tradizioni devozionali induiste, il culto di Krishna (e di Chaitanya, considerato egli stesso un avatar), è rivitalizzato da Thakura Bhaktivinoda (1838-1914) e da suo figlio Bhaktisiddhanta Sarasvati (1874-1937), fondatore quest’ultimo della Gaudiya Math. Con Bhaktisiddhanta Sarasvati entra in contatto nel 1920 Abhay Charan De (1896-1977) – in seguito iniziato al samnyasa (ordine di rinuncia) con il nome di Bhaktivedanta Svami, e generalmente più conosciuto con il titolo di Srila Prabhupada (“colui ai cui piedi siedono i maestri”) –, un giovane dirigente industriale di Calcutta che ha ricevuto un’educazione occidentale, ma il cui padre è un devoto di Krishna. Nel 1932 un secondo incontro convince Abhay Charan De a entrare nel Gaudiya Math. Nel 1936, poco prima di morire, Bhaktisiddhanta Sarasvati raccomanda al discepolo di dedicarsi alla predicazione in Occidente.

Fra il 1944 e il 1960 Abhay Charan De cerca di diffondere in India una “Lega dei Devoti”, con un successo limitato. Negli anni 1950, a seguito della chiusura degli affari e della fine del suo matrimonio, si dedica a tempo pieno al culto di Krishna come monaco nella cittadina di Vrindavana. Finalmente nel 1965 – a quasi settant’anni, e con poco denaro – Bhaktivedanta si trasferisce a New York, per diffondere negli Stati Uniti la devozione a Krishna. Nel settembre del 1965, solo e senza conoscenze, cerca dapprima di attirare l’attenzione cantando da solo, in luoghi frequentati di giovani, il nome di Krishna. Sono gli anni della controcultura e della contestazione, e un certo numero di giovani è incuriosito e affascinato dall’anziano maestro indiano. Con un piccolo gruppo di seguaci, nel 1966 fonda a New York la International Society for Krishna Consciousness (“Società Internazionale per la Coscienza di Krishna”, ISKCON), popolarmente conosciuta come movimento Hare Krishna.

Il maestro – ormai noto come Prabhupada – inizia a percorrere l’America, poi anche l’Europa e il mondo intero, con crescente successo, ma anche mettendo a repentaglio la sua salute. Muore a Vrindavana nel 1977, dopo avere avviato un centinaio di sedi in tutto il mondo, iniziato circa cinquemila discepoli e attratto migliaia di simpatizzanti e seguaci. La sua morte dà inizio – come avviene spesso dopo la scomparsa di una figura carismatica – a un periodo di scismi, spaccature e controversie che non può dirsi, a tutt’oggi, concluso. Gli undici amministratori o guru – nominati a seguito di un’interpretazione, successivamente rivelatasi errata, delle volontà di Prabhupada – che avrebbero dovuto assicurare la guida del movimento secondo le intenzioni di Prabhupada si sono divisi su tutta una serie di problematiche. Alcuni – arrecando notevoli danni al movimento – hanno causato scandali per il loro comportamento personale. Nel 1987 la Governing Body Commission è stata ricostituita come autorità centrale collegiale e si è impegnata negli ultimi anni in un difficile quanto coraggioso compito di riforma del movimento, muovendo da una franca ammissione di abusi e deviazioni passate. Questo non ha impedito a uno scismatico ISKCON Revival Movement – le cui attività sono attualmente assai limitate e circoscritte, ma che in un primo momento ha trovato una diffusione in numerosi Paesi – di mettere in discussione l’intero sistema dei guru come successori di Prabhupada; esso conta simpatizzanti anche in Italia e, nonostante le modeste dimensioni, continua a causare problemi agli Hare Krishna diffondendo in tutte le sedi – da quelle accademiche a Internet – ampia documentazione sugli scandali del “periodo dei guru”.

Il movimento Hare Krishna vanta oggi, a quasi cinquant’anni dalla fondazione, circa seicento sedi, centri e templi, un’ottantina di fattorie o comunità rurali, e più di cento ristoranti ufficiali, sparsi in quasi tutti i Paesi del mondo. Per avere un pur sommario censo mondiale dei suoi aderenti occorre distinguere fra circa diecimila devoti residenti interni alle strutture del movimento e un numero di membri laici esterni che si aggira approssimativamente attorno a seicentomila. Fra le molte attività svolte dal movimento, la distribuzione delle opere letterarie del fondatore rimane ancora oggi un’importante e privilegiato mezzo per la diffusione del loro pensiero.

La prima comparsa in Italia di esponenti del movimento Hare Krishna risale ai primi anni 1970, quando si creano le premesse strutturali per il susseguente insediamento. Il primo centro italiano è fondato a Roma nel 1973; nel 1974 lo visita il fondatore. Altri centri sorgono in diverse località d’Italia, fino a quando, negli anni 1980, la crescita nel numero dei fedeli spinge alla costituzione di una comunità più grande a San Casciano Val di Pesa (Firenze), dove nel 1980 una villa cinquecentesca è ribattezzata Villa Vrindavana. Sorgono di seguito diversi centri – e ristoranti vegetariani “Govinda” – nelle grandi città italiane (Roma, Catania, Milano), seguiti tra la fine del decennio e l’inizio degli anni 1990 da altre comunità, fra cui il Villaggio Hare Krishna a Chignolo d’Isola (Bergamo). I problemi internazionali del movimento toccano però – forse più tardi di quanto sia avvenuto in altri Paesi – anche l’Italia, con defezioni di figure di primo piano, scismi, problemi economici e chiusura di diversi centri. Nel frattempo, il 10 settembre 1998, l’associazione italiana ha ottenuto il riconoscimento, perseguito da molti anni, come ente morale, e in seguito ha predisposto la pratica per ottenere il riconoscimento quale ente religioso.

Attualmente il movimento Hare Krishna italiano consta di quattro sedi ufficiali, nelle quali risiedono circa 150-200 monaci iniziati, e che sono frequentate da una più ampia congregazione di fedeli e iniziati esterni; vi sono inoltre una ventina di centri d’incontro e un tempio viaggiante. Sarebbe peraltro sbagliato ridurre la rilevanza culturale degli Hare Krishna al dato demografico costituito dal numero di devoti. In una regione italiana anche uno o due devoti, con la loro opera capillare di diffusione della letteratura e delle idee del movimento, possono esercitare una notevole influenza culturale; così, un movimento tutto sommato piccolo come l’ISKCON ha avuto un ruolo fra i più importanti per la diffusione sia dell’induismo, sia – specificamente – della dottrina della reincarnazione nel nostro Paese.

Il profilo dottrinale e teologico del movimento Hare Krishna può essere storicamente ricondotto, come si è accennato, ai temi chiave elaborati dal fondatore della Gaudiya Math – istituzione avviata nel 1922 – Bhaktisiddhanta Sarasvati, il quale ha concepito questa organizzazione come la continuazione di una più antica corrente di spiritualità inaugurata da Krishna Chaitanya tra il XV e il XVI secolo. L’insegnamento di Bhaktivedanta Svami è comunque il principale costituente della dottrina del movimento, dalla quale possiamo qui estrarre alcuni nuclei tematici primari: la recitazione, svolta privatamente e collettivamente, dei nomi sacri di Krishna (japasamkirtana); la liturgia quotidiana offerta nel tempio all’immagine di Krishna (murti); il servizio al maestro (guru-seva); l’impegno del fedele nell’attività di predicazione; il servizio rivolto agli altri devoti di Krishna (bhakta-seva).

L’ideale che sta alla base della vita spirituale del fedele è stato così sinteticamente riassunto da Bhaktivedanta Svami: “Ogni essere ha, per natura, una relazione col Signore, ma questa relazione individuale, ora perduta, dev’essere ristabilita, e ciò è possibile solo se si raggiunge la perfezione del servizio devozionale”. In quest’ottica le prassi religiose contemplate nella ISKCON sono intese per rimuovere l’atavica dimenticanza dell’eterna relazione col divino, conseguita al momento della caduta nel mondo della temporaneità e dell’illusione (maya). Il fedele intende quindi raggiungere due mete complementari: allontanarsi da un lato dalle spire dell’illusione materiale e dagli attaccamenti terreni, e dall’altro attrarre con la sua devozione l’attenzione di Krishna, l’unico in grado di conferire la definitiva liberazione dal ciclo delle rinascite (samsara), riconducendo a sé il devoto.

Tutta la liturgia mattutina, la preghiera, la meditazione e il servizio che si svolgono sistematicamente nei centri del movimento Hare Krishna, sono intesi per forgiare il pensiero del fedele al ricordo costante di Dio. Al fine di conseguire le suddette mete il fedele deve attenersi all’osservanza di prescrizioni assertive, così come deve astenersi da attività proibite. Proprio per questo, fin dai primi anni di vita della ISKCON, il fondatore ha richiesto ai suoi seguaci di aderire rigidamente alle seguenti regole: “no all’attività sessuale incontrollata, non cibarsi di animali, non assumere sostanze inebrianti o psico-attive, non giocare d’azzardo”. Quella promossa dal movimento Hare Krishna è quindi una dottrina ascetica, a sfondo soteriologico, ma non per questo preclusa ai laici esterni alle comuni, peraltro ai giorni nostri assai più numerosi dei residenti interni.

B.: Per un’introduzione generale cfr. Eugenio Fizzotti – Federico Squarcini, Gli Hare Krishna, Elledici, Leumann (Torino) 2000. Sulla storia dopo la morte del fondatore, i problemi recenti e gli scismi, fondamentale è Edwin F. Bryant – Maria L. Elkstrand (a cura di), The Hare Krishna Movement. The Postcharismatic Fate of a Religious Transplant, Columbia University Press, New York 2004; e Graham Dwyer – Richard J. Cole (a cura di), The Hare Krishna Movement. Forty Years of Chant and Dance, I.B. Tauris, Londra – New York 2007, opera a più mani scritta in gran parte da membri del movimento. Il quadro dottrinale è ampiamente descritto dalle estese note di commento che Bhaktivedanta Svami riporta in La Bhagavad-gïtä così com’è, trad. it., The Bhaktivedänta Book Trust, Firenze 1990. Tra le fonti primarie si vedano inoltre: Satsvarupa Dasa Goswami, Un Santo nel Ventesimo Secolo: Prabhupada, trad. it., Edizioni Bhaktivedanta, Firenze 1985; A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada, Sri Chaitanya: gli insegnamenti di Sri Chaitanya Mahaprabhu, trad. it., Edizioni Bhaktivedanta, Firenze 1985; Idem, Il libro di Krsna, trad. it., The Bhaktivedanta Book Trust, Bergamo 1989; Idem, La scienza della realizzazione spirituale, trad. it., The Bhaktivedanta Book Trust, Bergamo 1989. La ISKCON in Italia pubblica il bimestrale Ritorno a Krishna.

 

Lo Sri Chaitanya Saraswat Math

– Sri Chaitanya Saraswat Math – Villa Govinda Ashram
Via Regondino, 5
23887 Olgiate Molgora (Lecco)
Tel.: 039-9274445
E-mail: villagovinda_ashram@virgilio.it
– Sri Chaitanya Saraswat Sangha

Via del Vescovado, 42
05100 Terni
Tel.: 074-458806
E-mail: tulasi@inwind.it

La Sri Chaitanya Saraswat Math è stata fondata nel 1941 da Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami Maharaja (1895-1988) a Navadvipa, in Bengala (India), ed è poi stata guidata, fino al 2010, dal suo diretto successore Bhakti Sundar Govinda Maharaja (1929-2010) – chiamato dai suoi devoti Srila Bhakti Sundar Govinda Dev-Goswami Maharaj –, al quale ha fatto seguito il suo discepolo e successore scelto, Bhakti Nirmal Acharya Maharaja, assistito da un gruppo internazionale di acharya. La figura e l’insegnamento di Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami devono essere necessariamente inseriti nel contesto dell’attività svolta in India dal suo maestro – Bhaktisiddhanta Sarasvati – per mezzo delle molte branche della Gaudiya Math.

Con la morte del fondatore della Gaudiya Math, molti dei suoi discepoli hanno proseguito separatamente la missione avviata dal maestro, e così è stato per Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami. A oggi la sua istituzione, la Sri Chaitanya Saraswat Math, è diffusa in numerosi Paesi del mondo grazie all’opera del suo discepolo e successore Bhakti Sundar Govinda Maharaja e conta al suo attivo sessantaquattro templi, di varia grandezza, un numero approssimativo di un migliaio di residenti, ai quali si aggiungono circa ventimila seguaci e sostenitori esterni.

La prima comparsa in Italia di esponenti della Sri Chaitanya Saraswat Math risale alla metà degli anni 1980; da quel momento in poi essa ha mantenuto la sua presenza sul territorio italiano, anche se in misura assai contenuta. A partire dal 1996, la Sri Chaitanya Saraswat Math ha intrapreso una nuova stagione di sviluppo, iniziando ad avere un pur minimo organico e un profilo più distinto. Nel 2003 viene inaugurata la sede principale della missione: Villa Govinda Ashram, in provincia di Lecco; un’altra sede locale di riferimento per la zona dell’Umbria è situata a Terni. Attorno a queste sedi gravitano circa una dozzina di membri interni e un centinaio di aderenti esterni, con una varia gradazione di livelli di partecipazione. Oltre agli incontri periodici di studio della letteratura di riferimento e all’insegnamento delle pratiche prescritte dalla dottrina, le sedi della Sri Chaitanya Saraswat Math in Italia servono quali luoghi di traduzione, pubblicazione e diffusione delle opere di Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami e di Bhakti Sundar Govinda Deva Gosvami.

Lasciando qui da parte i particolari e le peculiarità tecniche – le quali possono essere tuttavia evinte dalla lettura diretta delle opere del fondatore –, il profilo dottrinale e teologico della Sri Chaitanya Saraswat Math può essere ricondotto ai grandi temi della predicazione di Chaitanya, per la quale la divina coppia Radha-Krishna riveste il punto di massima attenzione. In particolare il servizio a Srimati Radharani – l’aspetto femminile della divinità – è considerato supremo. Questo servizio è imprescindibile dalla sottomissione al maestro (guru) e di fatto si attua attraverso il maestro spirituale la cui figura è quindi di fondamentale importanza. Con umiltà, tolleranza e rispetto per ogni forma di vita i praticanti recitano i santi nomi di Krishna, ascoltano le sue gesta divine e cantano le sue glorie, e attraverso queste pratiche – svolte come servizio reso al maestro spirituale – e al canto del mantra “Hare Krishna”, il fedele risveglia la sua devozione per Dio, adombrata dall’influenza illusoria del mondo e dalle condizioni sfavorevoli accumulatesi nel corso delle nascite ripetute (samsara). Con lo scopo di compiacere Radha-Krishna nella forma di Mahaprabhu Sri Chaitanya attraverso il maestro spirituale i seguaci della Sri Chaitanya Saraswat Math s’impegnano nella predicazione, pubblicamente e all’interno delle loro sedi.

B.: Per la storia delle tradizioni gaudiya rimane fondamentale la consultazione di Sushil Kumar De, Early History of the Vaishnava Faith and Movement in Bengal, Firma KLM, Calcutta 1986. Sullo specifico della Sri Chaitanya Saraswat Math non vi sono opere pubblicate a carattere scientifico. Fra le pubblicazioni in trad. it. interne all’organizzazione – tutte edite in proprio –, di Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami cfr.: Il piano sottile, 1998; Il vulcano dorato dell’amore divino, 2000; La ricerca di Sri Krishna, 2000; La soddisfazione interiore, 2000; Sri Sri Prema dhama deva stotram, 2004; La Bhagavad-gita. Il tesoro nascosto del Dolce Assoluto, 2005; e di Bhakti Sundar Govinda Deva Gosvami: Il principio originario, 2000; Guida Divina alla terra delle gemme spirituali, 2005.

 

La Sri Krishna Chaitanya Mission

Sri Krishna Chaitanya Mission
Via Mazzanese, 1046
01036 Nepi (Viterbo)
Tel.: 330-617211

La Sri Krishna Chaitanya Mission è stata fondata in India, alla fine degli anni 1950, da Bhakti Vaibhava Puri Gosvami, discepolo di Bhaktisiddhanta Sarasvati (1874-1937). Come nel caso di altre realtà italiane similari, anche per la Sri Krishna Chaitanya Mission si deve rimandare all’operato della Gaudiya Math e del suo fondatore, Bhaktisiddhanta Sarasvati, nonché alla nascita di diverse branche della stessa Gaudiya Math fondate da discepoli indipendenti dopo la morte di Bhaktisiddanta.

La Sri Krishna Chaitanya Mission, che conta oggi circa quindici sedi in India e una dozzina nel resto del mondo, si pone in questo solco. A livello mondiale la Sri Krishna Chaitanya Mission conta un discreto numero di iniziati (approssimativamente 2.500-3.000), e rivolge il suo maggiore impegno all’opera di predicazione. La sua presenza in Italia risale ai primi anni 1990, data delle prime iniziazioni conferite in India da Bhakti Vaibhava Puri Gosvami a discepoli italiani. Tuttavia, il vero operato comincia nel 1997, facendo seguito alla prima visita in Italia del fondatore, quando sono raccolti e motivati un discreto numero di nuovi seguaci. L’anno seguente (1998) è ufficialmente stabilita la prima sede italiana della Sri Krishna Chaitanya Mission in Sardegna – a Quartucciu (Cagliari), dove nel primo decennio del 2000 è stata costruita una struttura adibita al culto di Krishna, poi chiusa; oggi il tempio è allocato presso l’abitazione di un membro, in provincia di Viterbo –, e il numero dei discepoli sulla penisola aumenta. Attualmente si contano circa trecento iniziati (di cui quasi cinquanta in Sardegna), e circa un migliaio di sostenitori e ammiratori.

La dottrina osservata nella Sri Krishna Chaitanya Mission riprende i profili della tradizionegaudiya così come prospettata da Bhaktisiddhanta Sarasvati. Tutta l’attenzione dei fedeli è rivolta alla figura di Krishna, intesa come divinità suprema e sorgente di tutte le forme di vita. Gli esseri viventi sono legati a Krishna da un’intima relazione spirituale, la quale è tuttavia oscurata da una serie di condizioni sfavorevoli, accumulatesi nel corso di ripetute esistenze (samsara), che ne ostacolano il libero procedimento. L’obiettivo delle pratiche e dell’insegnamento è quello di schiarire la coscienza del fedele attraverso la recitazione dei nomi sacri della divinità, permettendo di nuovo il fluire di questa relazione fra l’essere individuale e Dio. Oltre alla meditazione individuale e al canto collettivo dei mantra, sono contemplate una serie di norme etiche e morali che favoriscono il consolidarsi dell’esperienza religiosa: il fedele si dedica con fiducia al maestro (guru), rispetta i voti (come il cibarsi solo di pietanze vegetariane consacrate alla divinità, oppure l’astenersi dal consumo di sostanze inebrianti), studia la letteratura riguardante le gesta e gli insegnamenti di Krishna, si impegna nella predicazione del messaggio religioso.

B.: Fra le pubblicazioni interne, principalmente traduzioni e opere di commento all’impianto dottrinale, si vedano: Bhakti Vaibhava Puri Gosvami (a cura di), Sri Sri Chaitanya Bhagavata, Sri Bhakti Bigyan Nityananda Book Trust, Berhampur 1998; e Raghav Chaitanya Das, The Divine Name, Sri Bhakti Bigyan Nityananda Book Trust, Berhampur 1997 (rist.).

 

L’Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta

Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta 
Cantone Salero, 5
13865 Curino (Biella)
Tel.: 015-928173
E-mail: gaudyait@tin.it
URL: www.gaudiya.it

L’Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta è l’espressione italiana del Gaudiya Vedanta Samiti Trust, l’istituzione fondata in India da Srila Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja (nato nel 1921), già presidente della Gaudiya Vedanta Samiti, a sua volta fondata – nel 1941, a Calcutta – da Bhaktivedanta Vamana Gosvami (1916-2004) e da Bhaktiprajnana Kesava Gosvami (1898-1968), il quale – nella sua qualità di discepolo di Bhaktisiddhanta Sarasvati (1874-1937), fondatore nel 1922 della Gaudiya Math – appartiene a un lignaggio che si pone come moderna continuazione della più antica corrente di spiritualità inaugurata da Chaitanya.

Diverse branche che derivano dall’originaria Gaudiya Math sono molto attive sul fronte della divulgazione del lignaggio Gaudiya Vaisnava nei Paesi extra-indiani. È infatti grazie all’impegno mostrato da Srila Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja nel portare avanti l’ideale missionario da cui era caratterizzata la Gaudiya Math, che il messaggio del Gaudiya Vedanta Samiti Trust ha ricevuto una notevole attenzione internazionale dalla fine degli anni 1980 in avanti, guadagnando progressivamente una precisa presenza in molti Paesi del mondo. Attualmente il Gaudiya Vedanta Samiti Trust conta internazionalmente oltre un centinaio di sedi e un numero di circa centocinquantamila seguaci, sparsi in tutti i continenti.

Una prima presenza in Italia della Gaudiya Vedanta Samiti risale al 1989; si è poi giunti alla fondazione della Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta, occorsa nel 1999. Quali attività principali, l’Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta italiana si impegna nella traduzione, pubblicazione e diffusione della letteratura di riferimento, e organizza occasioni di incontro per la pratica e l’approfondimento dei contenuti della sua tradizione. A queste iniziative italiane collaborano in varia misura circa seicento persone, tra iniziati, membri e sostenitori.

La dottrina della Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta si fonda sulla letteratura generatasi al seguito dell’insegnamento di Chaitanya, raccolto e ampliato dai suoi seguaci. Oltre ai testi classici della spiritualità vaisnava, come la Bhagavad Gita e il Bhagavata Purana, in questo lignaggio è conferita particolare importanza a una sorta di canone (gosvami-grantha), costituito dai testi redatti da alcuni dei principali discepoli di Chaitanya, noti come i “Gosvami di Vrindavana”. In sintesi, questa spiritualità contempla una serie di verità: Dio (Krishna) è uno e le entità viventi sono sue parti infinitesimali, le quali partecipano della sua stessa natura spirituale, eterna, piena di conoscenza e felicità. Attraverso la recitazione e il canto dei nomi contenuti nel mantra Hare Krishna, lo studio regolare delle scritture vediche e una puntuale pratica della devozione a Krishna (bhakti-yoga), la persona riscopre gradualmente la sua natura costitutiva intrinseca di servitrice eterna del Signore, si emancipa dall’energia illusoria (maya), e stabilisce la sua relazione eterna con Dio attraverso uno specifico servizio d’amore. In una graduale ascesa, il seme della bhakti – o devozione a Dio – fruttifica, aprendosi all’esperienza delle successive dimensioni spirituali descritte nella letteratura della scuola. Il fascino che esercitano la natura divina di Krishna e l’ascolto delle sue attività (hari-katha) compiute in compagnia dei suoi cari associati del mondo spirituale, sono i punti di massima forza cui il fedele deve guardare, poiché né ascesi, né rinuncia, né conoscenza empirica sono da sole in grado di colmare interamente l’intima sete di felicità e realizzazione spirituale. La figura del maestro spirituale realizzato e autentico (guru) è perciò centrale, dal momento che egli conferisce al discepolo il seme della devozione e gli fornisce le indicazioni spirituali, grazie alle quali nutrire e gradualmente sviluppare la propria propensione nel servizio e nella relazione personale con Dio. Oltre a queste direttive spirituali sono prescritte delle pratiche etiche e morali, fra le quali si ricorda la concezione per cui il corpo fisico è visto come il “tempio di Dio”; a esso va quindi rivolto un rispetto totale, evitando di compiere qualsiasi tipo di violenza nei confronti di ogni entità vivente.

B.: Non esistono opere a carattere scientifico sull’Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta. L’associazione ha tradotto e reso disponibili in italiano alcune opere di Srila Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja, fra le quali – tutte pubblicate da AVGV, Curino (Biella) – cfr.: Il Nettare della Govinda-lila, 1999; Andare oltre Vaikuntha, 1999; L’essenza di tutte le istruzioni, 2001; La via dell’amore, 2008; e Sri Harinama Maha-Mantra, 2011. Sul sito Internet dell’Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta è possibile consultare il periodicoRaggi di Armonia.

Sri Gauramandala

Sri Gauramandala
Via Mazzanese Km 0,700
01036 Nepi (Viterbo)
Tel.: 0761-527251; 0761- 527038
E-mail: gauramandala@isvara.it 

Gli odierni residenti di Sri Gauramandala riconducono la genesi della loro struttura ai primi mesi del 1974, quando è stato aperto a Roma il primo centro della ISKCON (International Society for Krishna Consciousness) di Via Mistretta, all’inizio della Casilina. Da questa sede romana, peraltro la prima in Italia, la comunità dei fedeli si è trasferita dapprima in una villa in Viale di Porta Ardeatina, poi in un edificio in zona Laurentino, e infine in Via Tor Tre Teste, dove si è venuta a costituire una parte del gruppo dirigente che ancora oggi gestisce Gauramandala. Con gli ulteriori sviluppi legati alle attività della comunità si è ritenuta necessaria l’acquisizione di una proprietà che avesse del terreno coltivabile e consentisse una maggiore libertà operativa: il podere sulla Via Cassia su cui sorge Gauramandala è parso lo spazio adatto a tali fini.

Sebbene nata come sede laziale della ISKCON, dal settembre 1998 la comunità di Gauramandala, per volontà del suo Consiglio Direttivo, ha deciso una sospensione (probabilmente temporanea) della sua appartenenza alla struttura amministrativa e gestionale della ISKCON-Internazionale. La dissociazione è legata a un dissenso di natura teologica, e non implica né un rifiuto della natura più intima della ISKCON, né un allontanamento dalla figura di Bhaktivedanta Svami (Abhay Charan De, 1896-1977), né alcun distanziamento dalla scuola di riferimento. Piuttosto, il dissenso tra i fronti muove attorno all’adozione da parte dei residenti di Gauramandala di una visione più ecumenica e includente, che vede le altre organizzazioni – e i loro maestri – legate e scaturite dall’operato di Bhaktisiddhanta Sarasvati (1874-1937), come appartenenti a una comune “famiglia spirituale”, e per questo le ritiene autentiche fonti di un medesimo messaggio.

Al momento della stesura della presente scheda, quindi, la comunità di Gauramandala si ritiene un’organizzazione gaudiya-vaisnava a sé stante. L’organico di Sri Gauramandala annovera oggi circa quaranta fedeli residenti e una congregazione di devoti laici di proporzioni discrete. Ogni domenica, rispettando una tradizione, la comunità si apre all’accoglienza dei visitatori, i quali possono prendere parte alla “Festa della Domenica”, interessante occasione di incontro e conoscenza. Molte delle attività svolte nella comunità sono rivolte alla predicazione dei contenuti religiosi trasmessi dalla tradizione di riferimento: predicazione svolta attraverso la diffusione di letteratura religiosa, la pratica del canto dei nomi di Krishna per le strade, le conferenze nelle scuole e nei centri di cultura, la distribuzione di cibo a sfondo umanitario e spirituale. In seno a Sri Gauramandala opera l’Accademia Vaisnava, dedita da anni alla ricerca, traduzione e pubblicazione di opere inerenti all’insegnamento del lignaggio gaudiya. Nella sua produzione si contano numerosi testi e periodici.

I contenuti dottrinali cui la comunità di Sri Gauramandala fa riferimento sono quelli della tradizione gaudiya così come prospettata da Bhaktisiddhanta Sarasvati e dai suoi diretti seguaci. In questa spiritualità il ruolo centrale è conferito a Dio, Krishna, qui inteso come fonte primaria di tutti gli esseri viventi. Pur essendo “uno”, Krishna è ricco di infinite qualità interiori che si personalizzano, dando vita ad altrettante infinite “forme” e “incarnazioni” (avatara). Quella di Krishna è una natura che prevede una sua essenza unica e allo stesso tempo molteplice. In accordo a questa esposizione, Krishna non è solo l’origine di ogni cosa – il creatore, mantenitore e distruttore di tutto, l’ordinatore, il legislatore e la ragione dell’esistenza e dell’esistente -, ma è anche la persona divina da amare, proprio grazie alle sue infinite qualità che lo rendono “supremamente attraente”. Il rapporto fra Dio e gli esseri viventi si muove attorno a siffatta relazione di amore devoto. Le anime sono eternamente individuali: mai, neppure allo stato di liberazione ottenuta, perdono la propria personalità distintiva. Quelle che vivono in questo mondo all’interno di corpi fisici temporanei sono condizionate da un’energia, anch’essa di matrice divina, detta maya; una sorta di velo illusorio che offusca la consapevolezza dell’essere vivente, rendendolo dimentico della sua essenza superiore, eterna e reale. Il metodo per ottenere la liberazione da questo condizionamento è quello indicato da Chaitanya Mahaprabhu cinque secoli fa: la recitazione del mantra “Hare Krishna”, sia in forma privata (japa) sia in forma pubblica (kirtana). Attraverso la pratica regolare di questo canto, il servizio reso al maestro (guru), l’osservanza di precetti e norme etiche e alimentari, lo studio e l’ascolto della letteratura riguardante le gesta e gli insegnamenti di Krishna, il fedele progredisce verso la meta ultima: il risveglio dell’amore spontaneo per la divinità.

B.: Essendo di recente costituzione, la struttura della comunità di Sri Gauramandala non è stata ancora oggetto di studi specifici. Mentre, per un inquadramento generale del suo assetto dottrinale, si veda Manonath Dasa (a cura di), Guru-tattva. Tesi che dimostra la correttezza delle posizioni filosofiche assunte dalla Comunità di Gaura-mandala al riguardo del principio del guru e della parampara, Società Vaisnava, Roma 1999.

 

La Shri Chaitanya Sridhara Sangha

Via Dandolo, 24
00153 Roma
Tel.: 06-5899422; 339 1776150
E-mail: info@scsridharasangha.org

La Shri Chaitanya Sridhara Sangha è stata fondata in Italia da Srila Bhakti Madhurya Ban Maharaj, sannyasi (monaco nell’ordine di rinuncia) “pieno discepolo” – ovvero con tutte le tre iniziazioni – di Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami Maharaja, fondatore della già citata Sri Chaitanya Saraswat Math, a sua volta un importante discepolo di Bhaktisiddhanta Sarasvati, fondatore della Gaudiya Math.

Questa giovane missione, con discepoli in India, Canada, Svizzera e in altri Paesi, si propone di continuare la divulgazione degli insegnamenti dei maestri spirituali della tradizione Gaudiya Vaishnava, così come sono stati trasmessi da Krishna Mahaprabhu Chaitanya. Nelle intenzioni del fondatore questo si deve attuare anche con l’armoniosa collaborazione con la Sri Chaitanya Saraswat Math, per rendere così  servizio al suo maestro spirituale.

Il fondatore della Shri Chaitanya Sridhara Sangha, Srila Bhakti Madhurya Ban Maharaj, risiede nella sede centrale di Roma. È nato in Suriname nel 1934 e dopo una lunga ricerca in varie comunità cristiane, nel 1982 è approdato in India ai piedi di Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami Maharaja, che lo ha subito riconosciuto e accettato come suo discepolo. Da allora ha deciso di dedicargli il resto della sua vita, come un semplice monaco Vaishnava, sotto la sua paterna protezione e guida. Con il suo pieno permesso e le sue benedizioni ha potuto così fondare nel 1990 la missione Shri Chaitanya Sridhara Sangha, con questo senza volersi distaccare dalla missione del suo maestro e accettando pienamente anche il successore, Bhakti Sundar Govinda Maharaja e colui che gli è ulteriormente succeduto, Bhakti Nirmal Acharya Maharaja.

Dal punto di vista dottrinale è di assoluta rilevanza per i fedeli di questa missione la figura del guru, o maestro spirituale, inteso come puro devoto di Krishna, che avendo realizzato la verità assoluta e vivendo ogni istante con amorevole attitudine di servizio verso di essa, può trasmetterla a coloro che sono desiderosi di riceverla, in modo naturale e senza alcuna forzatura. Il servizio devozionale a Krishna, considerato la personalità suprema di Dio, è la caratteristica intrinseca, eterna e immutabile di ogni anima spirituale (sanatana dharma) ed è solamente coperta dal velo dell’illusione materiale (maya), in attesa che un puro devoto del Signore venga a risvegliarla. Il puro devoto è quindi da considerarsi come il Signore supremo.

In accordo alla tradizione Gaudiya Vaishnava la Shri Chaitanya Sridhara Sangha asseconda alcuni princìpi etici e morali,  tra cui i principali sono: non mangiare carne, pesce e uova; non assumere né bere intossicanti; non compiere sesso illecito; non praticare il gioco d’azzardo.

La Missione Vrinda

Missione Vrinda
E-mail: vrindaitalia@gmail.com
URL: http://vrindaitalia.blogspot.it
– Vrinda Jarikhanda

“Fattoria della Misericordia”
Via Cà Pepe, 1
47855 Gemmano (Rimini)
Tel.: 338-6874006
E-mail: arjunapatidas@alice.it
– Vrinda Madhuvan

“I Boschetti della Dolcezza”
Via Fontebella, 20
60018 Montemarciano (Ancona)
Tel.: 349-2540805
E-mail: valentinobellucci@virgilio.it
– Centro Culturale Vrinda

Via A. De Filis, 18
05100 Terni
Tel.: 320-9058550; 380-7930918
E-mail: vrindaitaly@gmail.com
URL: http://vrindaterni.blogspot.com

La Missione Vrinda, internazionalmente nota come Vrindavan Institute for Vaisnava Studies and Culture, è una scuola iniziatica Vaishnava fondata nel 1990 a Vrindavana, in India, da Bhakti Aloka Paramadvaiti Swami – Guru Maharaja, come viene chiamato dai suoi discepoli, nato a Osterkappeln, in Germania, nel 1953 – come servizio al suo maestro spirituale Bhaktivedanta Svami, fondatore della International Society for Krishna Consciousness (ISKCON), che gli conferisce l’iniziazione nel 1972.

Ricevuto nel 1984 l’ordine di sannyasi da Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami Maharaja, fondatore della Sri Chaitanya Saraswat Math, alla morte di questi – nel 1988 – Paramadvaiti Swami continua a ricevere istruzioni e ispirazione da Srila Bhakti Pramod Puri Maharaja (1898-1999). Avuto da Bhakti Raksaka Sridhara Deva Gosvami Maharaja l’ordine d’iniziare discepoli assieme al confratello di origine colombiana Bhakti Vimal Harijan Maharaja, Paramadvaiti Swami dà inizio in questo modo alla Missione Vrinda, che conta attualmente più di centocinquanta centri sparsi in tutto il mondo: templi, comunità agricole, monasteri, ristoranti vegetariani, e così via. Paramadvaiti Swami è inoltre particolarmente attivo nella fondazione d’iniziative dedite alla diffusione della scuola Vaishnava nel mondo – fra queste, la World Vaisnava Association, l’Istituto Superiore di Studi Vedici, il Servizio Editoriale dei Vaishnava Acharya – e ha pubblicato diversi libri, particolarmente in lingua spagnola.

La Missione Vrinda inizia le proprie attività in Italia all’inizio degli anni 1990, ma è solo a partire dal 2007 che si realizza l’apertura di alcuni propri centri di diffusione del vaishnavismo nel nostro Paese, nei quali sono organizzati incontri settimanali di approccio ai temi fondamentali del Bhakti Yoga.

GLI HARE KRISHNA E GLI ALTRI GRUPPI GAUDJIAultima modifica: 2012-11-24T16:45:00+00:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

One Response

  1. Giovanni Ioannoni
    at |

    Viaggio nel tempo dove Dio ci ha collocati !

    IL REGNO DI DIO E’ DENTRO DI NOI. ( LEV TOLSOJ )

    L’Umanità mondiale spirituale Universale si trovi unita nelle sue proprie diversità !

    Nessuno è profeta in patria ! IL profeta paga di persona !

    Se è per assurgere – fungere da agnello sacrificale, allora, si compia pure !

    Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere. ( Mahatma Gandhi )

    Bisognerà, che, la vera e totale libertà dalle imposizioni e dal condizionamento si compia, farne a sé, il principio di vita sulla nostra Umana Terrena apparizione.

    Ciò che non si comprende, nemmeno si possiede. ( Johann Wolfgang von Goethe )

    IL riso è il Sole che scaccia l’inverno dal volto umano. ( Victor Hugo )

    Possa la mia Anima rifiorire innamorata per tutta l’esistenza. ( Rudolf Steiner )

    Quando vi rendete che siete Umanità, vi viene una straordinaria energia: avete varcato il solco ristretto dell’individualismo avete superato il cerchio soffocante in cui esistiamo come io e voi, noi e loro. ( juddi krishnamurti )

    Per quale ragione il mondo invisibile non ci avverte in anticipo delle prove che dovremo attraversare?…La risposta a questa domanda è che quando dobbiamo affrontare una situazione imprevista, siamo costretti a rientrare più profondamente in noi stessi e a fare sforzi maggiori.
    ( Omraam Mikhael Aivanhov )

    GESU’ CRISTO NOSTRO SIGNORE, DALL’IMMENSO INFINITO UNIVERSO NEGLI UNIVERSI DEGLI UNIVERSI, PROTEGGE LE SUE ANIME, LE ANIME DI DIO, LE SUE ANIME ! “

    In tale Tempo, Dio nostro Signore Gesù ricorda e richiama le sue Sante Anime, alle nostre Eterne Prerogative !
    MISTICA RELIGIOSA SPIRITUALE, IL MONDO CHE CAMBIA E SI RI-GENERA!
    IN NOME DEL PADRE, IN NOME DELLA MADRE, IN NOME DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO !
    SIGNORE, MI HAI CHIAMATO A QUESTO !
    PER LE IDENTITA’ RELIGIOSE SPIRITUALI !
    “ Dice il Signore degli Eserciti: Ecco, invierò il profeta Elia prima che giunga il Grande e Terribile Giorno di YHWH “.
    Ogni credente ha un importante contributo da dare. E’ scritto nella Bibbia, in 1 Corinzi 12:13 (NR):”Infatti noi tutti siamo stati battezzati mediante un unico Spirito per formare un unico corpo, Giudei e greci, schiavi e liberi, e tutti siamo stati abbeverati di un solo Spirito.”

    MANIFESTO MATERIALE SPIRITUALE PER LA UMANITA’ E PER IL MONDO TERRESTRE DI SUPERFICIE !
    Affidarsi, Rimettersi e Credere Fermamente con tutto il Cuore e l’Anima a Gesù Cristo nostro Signore degli Universi !
    IL Signore Padre Nostro si fa strada tra di noi attraverso Maria Immacolata Madre di Dio con il suo ritorno tra di noi, come Padre. In ComUnione con Gesù Cristo ! Tutto volge al suo compimento Divino !

    Trovo, che noi, manipolati dai manipolatori, non siamo colpevoli, noi, i manipolati dai manipolatori, siamo solo indotti verso colpe non nostre , in pratica, siamo schiavizzati !

    Ricordiamo che la frase finale della Profezia dei Papi è: “Durante l’ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa siederà Pietro il romano, che pascerà il suo gregge tra molte tribolazioni; quando queste saranno terminate, la città dai sette colli sarà distrutta, ed il temibile giudice giudicherà il suo popolo. E così sia”.

    RESTIAMO SULLA VIA DEL SIGNORE NOSTRO DELL’IDDIO UNO L’UNICO !

    Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini che Egli ama, e noi desideriamo essere tra questi.
    IL Signore Padre Nostro si fa strada tra di noi attraverso Maria Immacolata Madre di Dio con il suo ritorno tra di noi, come Padre.

    In Gesù nostro Signore noi siamo votati, conducici nell’alto dei cieli, alla Gerusalemme Celeste Liberata nostro Divino approdo all’origine al Padre nostro, noi umani sue Anime del Signore noi tendiamo ad ambire, lo voglia L’Iddio Uno L’Unico nostro Signore L’Eterno degli Universi.
    CHE OGNUNO TRATTI IL PROPRIO PROSSIMO COME LUI STESSO VUOLE ESSERE CONSIDERATO TRATTATO !

    NEL CUORE, IL SENSO SPIRITUALE EBRAICO, GESU’ E’ EBREO ! IL SIGNORE NOSTRO DIO, E’ L’UNICO DIO !

    RIMETTERSI A GESU’ CRISTO NOSTRO SIGNORE, A GESU’ CRISTO NOSTRO SIGNORE, RIMETTERSI !

    PORTARE , OLTRE IL TEMPO E LO SPAZIO, LA PROPRIA FEDE IN GESU’ CRISTO RE !

    NEL “ CONOSCI TE STESSO “, SI ILLUMINA, LA SACRALITA’ DELL’ESISTENZA !

    IL CORPO DI CRISTO OFFERTO PER NOI !.

    IL SANGUE DI CRISTO VERSATO PER NOI !

    LA FEDE IN NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO, APRE IL CUORE ALLA SUA GRAZIA !

    RINTOCCHI DELLA CAMPANA PER LA NOSTRA SALVEZZA UMANA GIA’ SI ODONO !

    VIVIAMO NELL’ORA DEL SIGNORE SIATE – SIAMO FELICI IN GESU’ CRISTO RE !

    AFFIDIAMOCI COMPLETAMENTE IN DIO E A DIO !

    LA NOSTRA SANTISSIMA ARMA E’ LA CROCE, SI ASCOLTI IL NUOVO LINGUAGGIO UMANO DI PAROLE E DI IMMAGINI !

    Affidiamoci a Gesù Cristo Nostro Signore degli Universi dei cieli, siamo alla fine della Umanità e del Mondo per come conosciuti.

    La presente lettura, nel caso non venisse digerita, andrebbe in alcuni punti non solo letta in modo letterale ma anche letta e interpretata tra le righe con il Cuore.

    In nome del Padre, in nome della Madre quale Principio Generatore Femminile Madre di Dio, in nome del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

    E’ stato detto, chiedi e ti sarà dato, nella Fede, la Ragione delle cose per l’Umanità dei suoi Figli del Signore l’Unico Dio !
    Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede, e ciò non viene da voi, è il dono di Dio (Efesini 2:8)

    Benvenuto sia colui che viene nel nome di Cristo Re Nostro Signore. Attraverso la Fede in Cristo Re noi verremo Salvati.
    Porsi ascoltare e ringraziare chi ci vuole e ci aiuta ! Attingere in noi stessi la Fede in nostro Signore L’Iddio Uno L’Unico !

    Per la Umanità, occorre portarsi alla Religione di Unione Salvifica in Jesus Cristus. Essere Cristiano esige una Fede forte e coraggiosa, il seguace di Cristo non deve aver paura. La forza che alberga in noi è Dio, in ogni uomo semplice sue Anime del Signore siamo al giudizio universale di Dio, al giudizio universale di Dio noi siamo.
    L’ALTARE E’ CRISTO, prima o poi faremo ritorno dalla fine al nuovo inizio del nostro mondo.

    ( pararsi aspettarsi “ Colpi ” in arrivo. )

    Dalla potenza di Dio siamo custoditi mediante la Fede per la nostra salvezza negli ultimi tempi.

    IL BRANO DI MATTEO XXIV 37-39, RIMANDA ALL’APOCALISSE CHE CONCLUDE IL DESTINO DELLE CIVILTA’ NEL DOLORE E NELLA SOFFERENZA, ATTRAVERSO UNA ROTTURA DEL TEMPO E DELLA STORIA.

    Chi accoglie uno di questi bambini, accoglie me, ma chi accoglie me, non accoglie me, ma Colui che mi ha mandato’, (Mc. 9, 30-37) (Gesù ).

    ( Come Chiesa di Cristo in me, esprimo la comunione delle Anime con il Signore ).

    Pregare la Sacra Famiglia di Gesù, Giuseppe e Maria Madre di nostro Signore Gesù Cristo.

    Se ha permesso che tu soffra è perche ne scorge un bene che tu oggi non conosci ancora. ( Papa Giovanni XXIII ).

    Rasserenati, Dio è con te. Soffri è vero ma egli ti è vicino, fidati di lui come ti fideresti di tuo Padre.

    La tua serenità è nel fidarti di Dio che non è capace di deludere mai. ( Papa Giovanni XXIII )

    Io, il Signore, sono il tuo Dio, non avrai altri dèi oltre me. ( Es 20,3 ) IL mondo è terreno di prova.

    NON SI PUO’ ANDARE A DIO SENZA PASSARE ATTRAVERSO I FRATELLI ( Papa Paolo vi )

    Gesù esercitò la sua Anima al più severo sacrificio di sè, per ristabilire l’ordine Eterno. (Gesù ) il Signore è la nostra vera Origine e a Dio faremo ritorno per riconsegnarci al Signore nostro Padre.

    Sento di avere, contatto diretto con il Signore l’Iddio Uno l’Unico l’Eterno, che mi protegge e accompagna.

    Il buio non la spunterà, la Luce del Signore dell’Iddio Uno prevarrà sul male, il demiurgo, ambisce a voler passare per il Signore l’Iddio Uno Universo. Gesù derise i discepoli che pregavano l’entità che loro credevano essere il vero Dio, ma che era in vero il malvagio demiurgo satana, che tende, aspira a voler apparire ai nostri occhi umani ad assurgere a Dio stesso, cosa impossibile sacrilega agli occhi del Signore e della Umanità riconosciuti sue Anime di Dio.

    Se non è ancora avvenuta la conversione spirituale in Cristo Re di Israele, la si compia così come nella chiesa in Cristo Re.

    Siamo ostaggio del sistema ingabbiante? Ascolta JERUSALEMME, ascolta Santissima Chiesa Apostolica Romana : IL Signore è il nostro Dio il nostro unico Dio, noi Anime di Dio nel Tabernacolo del Signore posti in noi. Gesù Cristo : Gli ultimi saranno i primi.

    SOLO IL SIGNORE POTRA’ DONARE LA PACE MEDIANTE GESU’.

    Se qualcuno vuole venire dietro di me, “Se uno di voi vuol essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servo di tutti “, (Jesus Cristus ).

    Signori, Cavalchiamo il Fiume della Catarsi Umana della Vita.

    DAL CIELO ALLA TERRA E DALLA TERRA AL NOSTRO RITORNO ALLA GERUSALEMME CELESTE NEI CIELI.
    SIAMO, ALLA NUOVA EXSODUS INTERPLANETARIA, DELLA JERUSALEMME CELESTE NEI CIELI.
    Appartengo quindi sono in Gesù Cristo in me . IL CIELO CI APPARTIENE, NON ABBIATE PAURA.

    Bisognerà tornare dalla fine del mondo all’inizio del mondo per capire il mondo.

    Ci sono diversità di Religiosità e Spiritualità ma uno solo è Dio che opera tutto in tutti. (1) Padre, (2) Madre, (3) Figlio, (4) Spirito Santo, Amen.

    E’ come trovarsi dentro nuove frontiere di Luce del Pensiero Vivente in Gesù Cristo Re, tale Risveglio è già avvenuto, dipendente nella propria appartenenza all’Essere i caduti dal Cielo alla Terra, che ci porterà alla Salvazione e alla Nostra conferma al nostro Amato Salvatore, L’Iddio – Uno L’Unico Gesù.

    Si diviene custoditi nella Potenza di Dio per grazia donataci e trasmessaci.

    Non affanniamoci per il domani, la fede ci salverà ! ABBIATE FEDE !

    Sulla Terra non esistono razze tra gli Umani, esistono Popoli tra gli Umani.

    Tutte le Anime del Signore Ricadono sotto la Protezione del Padre Nostro L’Iddio Uno.

    Si riceve il dono della Salvezza per Grazia del Signore non per meriti propri ma in quanto, sue, Anime di Dio.

    IL Predicatore Giovanni il Battista per mezzo del Battezzo dell’acqua sul Giordano, fece suoi.

    Tutto Giungerà dal Cielo e Tornerà al Cielo, posto nel Santissimo Gesù Cristo Re.

    Rendiamoci appunto conto che siamo sulla soglia della guerra mondiale inevitabile apparecchiata alla bisogna dai malevoli del mondo? Non resta che consumare la pietanza?

    Perdono e salvazione mediante Fede e Grazia ricevuta dal Signore con discesa dello Spirito Santo su di noi.

    Come Cristiano devo diventare operatore di Gesù Cristo in me, a ognuno è data la manifestazione particolare dello Spirito Santo per l’utilità di tutti, se non si fa così non si è Vero Santo di Dio in nostro Signore Gesù Cristo, noi siamo.

    E’ come essere stato Crocifisso con Nostro Signore e non essere più io che vivo in me ma è Cristo Re che vive in me.
    Questo è il tempo del nuovo avvento, e chi ignora l’ultima rivelazione voluta per la salvezza dell’umanità sue Anime del Signore , è posto al giudizio di Dio, al giudizio di Dio è posto.

    Cari Fratelli, non per contraddire chi la pensasse diversamente ma semplicemente per puntualizzare: Sono i segni dei tempi che rimarco e porto a conoscenza e ritrasmetto per renderne viva testimonianza di Risveglio verso l’umanità martoriata e portarla alla cosciente consapevolezza.

    Siamo posti nella dimensione del limite, si abbandoni la gabbia del limite, esso, il limite non è la nostra reale condizione Universale.

    Esistono popoli umani apparentemente differenti, questo si, ma non si possono né si devono definire razze ma popoli.
    Rimarco, porto a conoscenza e ritrasmetto per renderne viva testimonianza di Risveglio verso la Umanità martoriata inconsapevole di esserlo e questo verso il mio Amato prossimo, per renderlo cosciente – consapevole della gravità del tempo dei nostri tempi che corriamo e che inevitabilmente andiamo sparati “incontro”.

    IL Risveglio Totale risiede nella presa Religiosa Spirituale Consapevole in JESUS CRISTUS CHE FA LA DIFFERENZA
    nell’Amore profondo verso le Anime del Signore, vi giunga la mia Benedizione, Dio lo voglia, SIA FATTA SEMPRE LA VOLONTA’ di DIO NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO.

    ( A CHI NON E’ DATO CAPIRE NON POTRA’CAPIRE’. )

    I così detti dèi sono Pianeti non dèi, essi, gli dèi non hanno modo di essere in quanto non esistenti, no al culto degli dèi.

    Siamo alla fine del Tempo Conosciuto, il Tempo è Finito, siamo alla Fine del Mondo e non solo in senso simbolico ma anche in senso reale di nostra vita sulla Superficie della Terra della Santissima nostra Umanità, per come da noi Conosciuto, siate lieti.

    Inizino canti e balli di liberazione per l’Umanità Terrestre, Amate Sorelle e Amati Fratelli si torna a Casa.

    Si tenga, annientato, negli inferi come nello sprofondo del mare dei cieli, il malefico diavolo satana.

    La vita Umana sulla Terra fino ad oggi è stata bella stupenda meravigliosa nello stesso tempo dura atroce e complessa.

    Nel nostro ritorno a casa alla casa del Padre Nostro, noi ci riconsegniamo pacificati, pacificati noi ci riconsegniamo.

    IN FEDE, IN NOMEN PATER ET MATER ET FILI ET SPIRITU SANCTI. AMEN.

    LA DONNA GENERA LA VITA, ESSA E’ STATA RELEGATA DALL’UOMO NELLA FALLACE INFERIORITA’ ESSA LA DONNA E’ IN VERITA’SUPERIORE ALL’UOMO.
    A MOTIVO DELLA REALE NON RICONOSCIUTA E NON ACCETTATA INFERIORIORITA’ DELL’UOMO VERSO LA DONNA, CHE A MOTIVO, L’UOMO, NE DOVRA’ PATIRE.
    L’ESERCITO di GESU’ CRISTO SALVERA’ LE ANIME DEL SIGNORE, LE SUE ANIME.

    La comprensione di seguire oltre il Tempo e lo Spazio resta sempre in atto, dall’inizio alla fine per un suo ricominciamento nel nostro nuovo Mondo Umano.

    Nell’Isola della Rugiada Divina ” I-TAL-YA ” inter – amnes ( tra due fiumi ) Albula et Batinum, ( Tordino e Vezzola ) i fiumi della Città di Teramo, ( oggi purtroppo solo ex fiumi ), dove si forma ( simbolicamente ) il Ponte inter anthropos et Deus Pater Noster Gesù Cristo L’Onnipotente.

    Siamo al giudizio di Dio, noi rientriamo nel suo Divino disegno dove si configura la congiunzione del Ponte tra L’Umanità e il Cielo con le sue Anime del Signore Padre Nostro Gesù Cristo.

    La senilità – vecchiaia più che inevitabile la vedo come situazione momentanea che verrà superata, si torni allo stato primo delle Origini dell’essere Umano di restare in giovinezza, come posto da Dio Nostro Signore alla Origine dell’Umanità nell’Eden.

    Nel Terzo Millennio, L’Umanità nel Mondo prende atto e Coscienza, che il Mondo è cambiato, che L’Uomo di entrambi i sessi è cambiato, che il linguaggio Umano è cambiato, che la Spiritualità si arricchisce di Nuove Valenze Spirituali Umane, che il tutto è Benedetto dallo Spirito Santo in noi.

    Dio è Amore, libertà, giustizia e verità.

    Lo Spirito d’Amore per il prossimo, proviene, dall’Amore in Dio che noi gli portiamo.

    La Chiesa Cambia, eccome se Cambia, la Chiesa con tutti i suoi Santi Credenti – Fedeli e suoi Santi Vescovi e il suo Santissimo Sommo Pontefice Papa Benedetto XVI noi siamo, compreso i Convertiti anche dell’ultimo istante prima del Ritorno alla Casa, alla Casa del Padre Nostro, noi tutti compresi i suoi peccatori Redenti siamo in Cammino verso il Nostro Ritorno alla Casa del Padre Nostro, il Signore L’Onnipotente, lo Spirito Santo ci è Guida e Faro.

    IL rintocco dell’ultima mezzanotte sul nostro Mondo conosciuto, già si ode.

    IL Signore, si rivela in noi e agisce in noi sia in modo visibile che invisibile.

    Avverto in me la Condizione Mistica Umana Spirituale, la Vita di noi Umani è un sogno sognato è il sogno Increato di Dio Eternamente esistente, da fervente peccatore redento Risvegliato in Gesù Cristo Nostro Signore L’Onnipotente.

    Ci saranno prodigi – miracoli ? Mi viene da aggiungere : Quale posto – luogo più bello e libero di questo per celebrare la Divina congiunzione delle Anime, che sia anche oltre la Carne oltre l’immagine nostra visiva che presentiamo al mondo quale espressione illusoria di noi stessi ? Lo sia anche la parte dello SPIRITO SANTO.

    Io sono per Me, non contro gli altri, in quanto gli altri esistono e li considero in Me, ( Gesù ).
    “Siamo giustificati per Fede in Cristo Gesù “. ( Galati 2:16 ).

    In quanto corpo unico totale in nostro Signore, io sarò in voi come voi sarete in me, comunque tutto è nelle nostre possibilità, niente paura noi siamo sue Anime Eterne, sue Anime Eterne di D-o noi siamo.

    Non si muove “ Paglia “ che Dio non Voglia….Mantenere Fede alla schiera di Angeli Celestiali Anime di Dio al seguito di Gesù Cristo.

    Rigettare, tenere a bada e schiacciare sotto i talloni i demoni per rigettarli e sprofondarli definitivamente sia sotto terra che nello sprofondo dei mari dei cieli, le malefiche entità di satana usurpatore vengano definitivamente rigettati nello sprofondo.

    TUTTO NELL’UNIVERSO E’ COSCIENZA ! Io sarò in voi come voi sarete in me….

    Non è modo di nascondermi ma in verità è come sentirmi ed essere nessuno, solo essere nessuno e in un certo qual modo sentirsi nel tutto in Dio Padre nostro che pur restando fuori dal Mondo così da sentirsi ancora nella piena appartenenza al tutto e alla ricongiunzione all’Onnipotente Pater Deus Nostro.

    Fare richiamo alla propria Risonanza Spirituale Umana in noi.

    Affidiamo ogni cosa nelle mani di DIO compreso il non essere nessuno come dissolvenza dal Mondo essendo ancora del Mondo e pur sentirsi fuori dal Mondo.

    IL Signore ci assista, si risveglino le coscienze.

    Portarsi all’accettazione di tutto e di tutti me compreso.

    Pararsi da “COLPI” in arrivo. ( secondo, quanto l’accezione della parola comporta ).

    Non si venga meno alla Propria Coscienza, ci si sollevi, pur di mantenerne Fede.

    Le responsabilità non saranno attribuite ad altri, del tipo, ubbidire ai comandi superiori non equivale al dispensarsi da proprie corresponsabilità e colpe, noi Anime del Signore saremo riconosciuti ugualmente colpevoli, occorrerà rendersi Coscienti di tutto ciò.

    E vi furono scellerati che vollero le tenebre anziché la luce, un lampo, illumini e conservi di nuovo l’Umanità delle sue Anime di Dio nell’Amore Incondizionato.

    Dio è Amore, Libertà, Verità, Giustizia, Solidarietà, Misericordia e Amore Compassionevole Dio è.

    Che ne dite se ci risvegliassimo dall’amnesia collettiva che perdura da svariati millenni ?

    Avverto, di essere folle al mondo e savio alla Gerusalemme Celeste nei Cieli della casa di nostro Signore Jesus Cristus l’unico dei sacri Cieli Universi degli Universi.

    Noi siamo dentro D-O e D-O è dentro di noi così come D-O è in noi, noi siamo in D-O.

    Gesù Cristo e la Madonna Madre di Dio, noi, siamo a loro cura e protezione ! NELLA SACRALITA’ DELLA VITA DELL’UOMO….

    E’ tutto nella presa di coscienza che ci rimuove da paure, noi siamo Eterni, Eterni noi siamo.

    Sentirsi accasati nel cuore dell’Amore Puro in Dio Nostro Signore e non nella condizione illusoria dell’inganno dello strofinar delle carni fine a se stesso del nefasto il demiurgo il diavolo satana.

    I sacrileghi presunti dèi, fattosi passare per veri che a motivo dei loro crimini perpetrati nei millenni passati sulla nostra Sacra Umanità e nella continua loro manipolazione sulla nostra civiltà terrestre, a motivo della loro sacrilega ingerenza verranno rigettati nello sprofondo del mare dei cieli da dove provengono.

    Noi Anime del Signore siamo a cura e protezione di Gesù Cristo e della Beata Vergine Maria Madre di Dio, a loro cura e protezione noi siamo.

    Divenire conformi al Maestro JESUS CRISTUS, TRASFORMATI nello SPIRITO SANTO.

    Per Il Regno di Dio e la sua venuta. ( Ofr. Mat. 24. 15-44 ; 10. 39 ) Interrogato poi dai farisei etc….

    IL Padre Eterno, mano mano nel proseguo del cammino, mi richiama a se, al suo agire in me.

    L’Umanità sia libera, dalle prigioni dell’alcolismo, dalle dipendenze – droghe, dallo schiavismo del sesso fine a se stesso, e contro qualsiasi sacrilego delitto contro l’umanità, si alberghi nell’Amore Puro in Nostro Signore Gesù Cristo.
    DIO voglia, sollevi i suoi popoli Anime di Dio, dalla necessità e dalla miseria, Dio voglia ci consegni alla vita Eterna, Coscienti Rinnovati sia nel Corpo che nella Mente che nell’Anima, Rinnovati nello Spirito Santo.

    L’Umanità si liberi definitivamente una volta per tutte dal demiurgo dal demonio satana.

    DIO SPIRITO PURO E’ NEL VISIBILE COME NELL’INVISIBILE, DIO, IN NOI E’ !

    ( Gesù ) morì per tutti, affinché quelli che vivono non vivano più per se stessi ma per colui che è morto e risuscitato per loro. (2 Corinzi 5: 15)

    Non si venga mai meno al rispetto della propria Coscienza, nel caso ci si sollevi contro pur di tenerne Fede, anche a rischio della propria Vita. Alzati e cammina.

    Tu sei il miracolo dell’uomo nell’uomo in cammino datoci da Gesù Cristo nostro Signore L’Unico L’Eterno.

    La mia carne non è il Mio io, ma solo il Mio Spirito è il Mio io più Vero ( Gesù ).

    Mettete in pratica la Parola e non ascoltatela soltanto illudendo voi stessi. (Giacomo 1:22)

    Mettere l’Amore verso il Padre nostro al primo posto, affidarsi alla sua volontà, è la strada maestra unica giusta, felici nel fare ritorno alla casa del Padre l’Iddio Uno l’Unico. Guardare sovente dalla parte del Sole dietro il Sole per capire.

    La Luce sia sempre in noi, tenere bene a mente che il buio teme sempre la Luce !

    E’ tutto nella presa di Coscienza, essa, rimuove da paure indotte !

    LA CROCE DEL SIGNORE E’ IL PANE DELLA VITA DELL’UOMO, PANE DELLA VITA E’ !

    Noi siamo Eterni ! A noi la scelta del “ Risveglio ” da donare al prossimo inconsapevole di averlo : “ il Risveglio “.

    IL gran dragone, il serpente antico, che è chiamato Diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo fu gettato giù ; fu gettato sulla terra, e con lui furon gettati gli angeli suoi.

    ( richiamo: Apocalisse,12, 1-18 )-( richiamo: Matteo, XXIV, 37-39 ). Ed io udii una gran voce nel cielo che diceva : “ Ora è venuta la salvezza, la potenza del regno dell’Iddio nostro, la podestà del suo Cristo, perché è stato gettato giù l’accusatore dei nostri fratelli che li accusava dinanzi a Dio “.

    Gesù ha detto : Cercate il Regno di Dio e la sua Gloria, il resto vi sarà dato in sovrappiù.

    IL castigo dell’umanità sulla Terra è in arrivo, protesi verso il suo Nuovo Ricominciamento, esso è già sopra di noi.

    IL tempo è adesso, ci troviamo nel pieno del guado ciclico astronomico.

    La Presa di Coscienza farà la differenza, rimuoverà da paure che non avranno modo di essere.

    IL cavalcare simbolico del cavallo di troia, non sta ad essere il cavallo di Troia stesso ma ad esserne, solo, sano portatore simbolico nel cammino Umano in divenire, non essere il cavallo di troia, ma esserne solo portatore simbolico.

    Per la nostra prossima Umana Divina Vita predisposta alla bisogna per sulla Terra di superficie.

    Pace e Amore agli Uomini di Buona Volontà dei Figli del SIGNORE sulla Terra.

    Le Anime del Signore, a protezione dell’Iddio Uno l’unico Padre Nostro, noi Anime del Signore, siamo.

    Dio è anche misericordia Carità e Solidarietà !

    Noi Anime del Signore gli Apparteniamo in quanto sue Anime Eterne, noi, gli Restiamo.

    Nella Consapevolezza Umana delle Anime del Signore, noi Restiamo Difensori e Protettori del Nostro Prossimo.
    Porto avanti, oltre il tempo e lo spazio quello in cui credo, quello in cui credo porto avanti !

    Affidiamoci a Gesù Cristo Nostro Signore degli Universi dei cieli, siamo alla fine della Umanità e del Mondo per come conosciuti, niente paura, noi Anime del Signore siamo Anime Eterne, noi Anime Eterne, siamo !

    La presente lettura, nel caso non venisse digerita, andrebbe in alcuni punti non solo letta in modo letterale ma anche letta e interpretata tra le righe con il Cuore.

    In nome del Padre, in nome della Madre quale Principio Generatore Femminile Madre di Dio, in nome del Figlio e dello Spirito Santo, Amen.

    Per la Umanità, occorre portarsi alla Religione di Unione Salvifica in Jesus Cristus !

    Essere Cristiano esige Fede forte e coraggiosa, il seguace di Cristo non deve aver paura.

    La forza che alberga in noi è Dio, in ogni Uomo Anima del Signore, noi siamo, al giudizio universale di Dio, al giudizio universale di Dio, noi siamo.

    L’ALTARE E’ CRISTO, faremo presto ritorno, dalla fine al nuovo inizio del nostro mondo.

    ( pararsi aspettarsi “ Colpi ” in arrivo ).

    IL PADRE ETERNO, MANO MANO NEL PROSEGUO DEL CAMMINO, MI RICHIAMA A SE’ AL SUO AGIRE IN ME.

    ( tutto secondo, quando l’accezione della parola comporta ).

    A chi non è dato capire non capirà.

    Nell’Amore Incondizionato ” per le Anime del Signore “, il rintocco dell’ultima mezzanotte per la Umanità e per il mondo per come conosciuti, il rintocco, già si ode.

    I popoli umani Figli Anime del Signore, sono sì apparentemente differenti, questo sì, essi sono popoli ma non razze.

    L’Umanità soffre pressante e lacerante assedio economico.

    Quando il sorriso sgorga dalle lacrime il Cielo si spalanca, noi siamo fatti di Cielo.

    Solo il Signore può sconfiggere i nemici, liberare dai dèmoni, guarire dalle infermità psico-fisiche e spirituali, preservare dai pericoli e concedere la Pace nei Cuore, nelle famiglie e nel mondo di tutto il Consorzio Umano.

    Accogliamo l’invito del nostro Dio, espresso nelle parole del Deuteronomio: “Ascolta Israele, il Signore è il nostro Dio; il Signore è uno solo. Tu amerai il Signore con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutte le tue forze. Questi precetti che ora Io ti do, ti stiano fissi nel cuore”, (Deut. 6, 4-6).

    Chi è, l’unico Vero Sacro Mediatore tra Dio e gli Uomini ? L’unico Vero Sacro Mediatore, noi Anime del Signore lo riconosciamo in Gesù Cristo, che condusse gli Uomini dalla mortale miseria alla Beata Immortalità del Padre Nostro L’Assoluto L’Onnipotente.

    Gesù dice che molti cristiani che vivranno durante questo tempo abbandoneranno la fede. (Matteo 24:9-15)

    Sinceramente, a mio avviso, solo la presa di coscienza può fare la differenza con il Rendere Cosciente e partecipe il Nostro Amato Prossimo.

    Per prima perdona te stesso per così poter Per-Dona-Re il tuo Prossimo, Dio lo voglia.

    La Bibbia, dice che le nostre azioni giuste sono come “un abito sporco”. (Isaia 64:5)

    Persino gli apostoli, i profeti e i martiri non sono altro che dei peccatori perdonati, Dio lo voglia.

    Sarà la fine dell’Umanità e del mondo ? Questo forse, ma, inteso solo per come conosciuti, il bello per l’Umanità e per il mondo dovrà ancora venire esso è alle porte, esso, deve ancora venire, restiamone convinti.

    Ho fatto da sveglio un sogno per una Umanità di tutti i mondi possibili nel voler nominare anche le Donne quali Vescovi per tutte le Chiese monoteiste, sarebbe, la vera svolta epocale egalitaria, il vero salto di svolta di tutti i mondi possibili, e se si può, anche dell’oltre, possa tale condizione avverarsi nel vero, Iddio Uno L’Unico di tutti gli Universi lo voglia.

    Per il resto, rimettiamoci a Nostro Signore L’Iddio Uno L’Assoluto L’onnipotente, al momento, non resta altro da fare, restiamo in attesa di sue ( “ di Dio “ Dirette Salvifiche Comunicazioni. )

    Chi volesse ascoltare, legga pure con profonda e viva partecipazione del suo Cuore e della sua Anima, farà la differenza.

    DIO CI HA LASCIATO, CON GESU’ CRISTO, TUTTO QUELLO CHE VUOLE DIRCI, SEMPRE SE SI HA LA GIOIA DI ASCOLTARLO, BASTA VOLERLO ASCOLTARE !

    Pregare Pregare Pregare, noi, sue Anime del Signore Anime Eterne gli Restiamo Protetti.

    Diventare “ Uno “ con la Coscienza d’Amore Universale – il “ Padre “ che Compie l’Opera d’Amore in noi.

    Possa io, trovare perdono per i miei peccati agli occhi di Gesù Cristo, Padre, mondami dei miei immondi peccati e ridonami alla retta Via, alla tua Via.

    Usciamo dai demiurghi e dagli dèi, essi sono i dèmoni dei sistemi schiavitù cucitici addosso, scrolliamoci dai loro avvinghianti schiavizzanti sistemi.

    Fratelli, alberghi in noi sempre la radice dell’Amore, Dio lo voglia.

    La scena di questo mondo passa, “ perciò vi esorto “, non abbiate paura, andiamo verso il Nuovo Cielo e la nuova Terra, Dio lo voglia.

    Sì, ci aspetta tutto al di là dal ponte, sì, la nostra Santa nuova vita Umana, ci attende, per il nostro nuovo umano ricominciamento.
    In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. IL cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre”. (Mc. 13,24-32)
    Si riceve il dono della Salvezza per Grazia ricevuta dal Signore non per meriti propri ma in quanto suoi Figli. “ Guardate che nessuno vi seduca” (Matteo 24:4), e “ nessuno vi inganni in nessun modo“. (Tessalocinesi 2:3)
    Non si venga meno alla libertà di parola e di espressione, alla libertà di culto, alla libertà dal bisogno dalla libertà dalla paura.
    I segni mi si sono benevolmente presentati e donati.
    Non resta che pregare con le parole del Salmo 15: “Il Signore è la mia parte di eredità e mio calice: nelle tue mani è la mia vita.
    lo pongo sempre davanti a me il Signore, sta alla mia destra, non potrò vacillare. Per questo gioisce il mio cuore ed esulta la mia anima; anche il mio corpo riposa al sicuro, perché non abbandonerai la mia vita negli inferi, né lascerai che il tuo fedele veda la fossa.
    Mi indicherai il sentiero della vita, gioia piena alla tua Presenza dolcezza senza fine alla tua destra.
    RIMETTERSI A GESU’ CRISTO NOSTRO SIGNORE, A GESU’ CRISTO, NOSTRO SIGNORE, RIMETTERSI !
    Sono tanti, per il mondo, i cristiani veri che, come ( “ il Cristo “ ), operano seguendo i suoi passi sulla via della povertà e della carità dignitosa consapevole senza fare rumore, Cardinale Angelo Roncalli di sotto il monte, eletto al Soglio Pontificio Giovanni XXIII. Del cielo siamo fatti. ( possa io misero indegno peccatore essere della partita ).
    Amen, Padre di nostro Signore L’Unico L’Eterno; Amen, Madre di Dio nostro Signore; Amen, Gesù suo Figlio; Amen, Spirito Santo, Amen.
    L’Umanità e il mondo per come conosciuti sono alla fine, alla fine sono, L’Umanità e il mondo per come conosciuti sono alla fine, alla fine sono.
    La Luce del Pensiero Vivente la troviamo anche nel Repitio del Verbo – della Parola.
    Perché chi terrà conto della propria vita la perderà, ma chi la perde per causa mia e del Vangelo la troverà. ( Marco 8-34,35 )
    Ti dirò un grande segreto, non aspettare il giudizio universale ha luogo ogni giorno, ( A. Camus )
    IL PIANETA TERRA, PER NOI ESSERI UMANI E’ NOSTRO TERRENO DI PROVA !
    Verrà il tempo in cui per coloro che saranno completamente rigenerati nello spirito, svanirà del tutto il concetto letterale della parola, ed in cui verrà inteso oppure insegnato in modo preciso e chiaro in tutto l’Universo il senso spirituale puro, che, quale voce d’un Padre Amoroso a tutti chiama e a tutti grida : Amatevi !

    Oh, sì Amatevi l’un l’altro ! ( Oh, sì Amiamoci l’un l’altro. )
    Per Amore ho purificato l’umanità con sofferenze e tribolazioni, affinchè le mie parole, le quali stanno impresse negli Evangeli rimangono eternamente vere, e debbano portare i Miei Figlioli ad essere effettivamente quello che finora erano e che sono tuttora soltanto di Nome.
    In tal guisa avverrà che, dopo l’abominazione della desolazione come dopo un’infuriante tempesta, il Sole, di Grazia risplenderà di nuovo su tutti nel suo pieno fulgore, allorquando l’atmosfera spirituale sarà purificata da tutti i miasmi, e tutto, Cielo Terra e Mare rinvigoriti, si disporranno a “ NOVELLA VITA !

    E’ detto, che il soccorso ci verrà dall’alto come manifestazione della Grazia Divina e che parte dell’Umanità subirà mutamento Spirituale che sta ad elevazione ad un piano superiore.

    Getta sul SIGNORE il tuo affanno, ed egli ti sosterrà ; egli non permette che il giusto vacilli ”. ( Salmo 55:22 )

    Si dice, che tutte le religioni saranno fuse in una sola, in una tolleranza perfetta, Dio lo voglia.

    Non abbiate paura ! Aprite, anzi, spalancate le porta a Cristo ! ( Karol Wojtyla ).

    Non resta che Pregare Amare Accettare, non è più il Tempo di negare l’Evidenza.

    Siamo al Tempo della nostra nuova arricchita presa di coscienza che farà la differenza.

    La Potenza di Dio si manifesta anche su di noi sue Anime del Signore !

    Dio ci fece Uomini, altri e gli uomini ci fecero schiavi. Signore, vieni a liberarci, noi siamo sempre più schiavi, vieni Signore.

    IL Signore è il nostro Dio, il Signore è Uno L’Unico !

    Tutti i segni esteriori della fine dei tempi sono presenti, non facciamo come lo struzzo che mette la testa sotto terra per non voler vedere.

    L’ARMONIA, L’ EQUILIBRIO E L’AMORE CI PERVADA.

    L’Evangelo di S. Matteo ci mette in guardia contro i falsi profeti : Se qualcuno vi dice il Cristo è qui o è là, non lo credete, ( Matteo 24.23 ).

    Le parole risultano, spesso, inadeguate per descrivere l’esistenza fondata sull’Armonia, sull’Equilibrio e sull’Amore.

    Siamo alla rinascita interiore del nuovo livello di coscienza, l’intero Universo è l’essenza di tutto ciò che esiste.

    Portiamo Cristo, in noi, quale azione vivente nei cuori, siamo felici, trasmettiamo gioia e Amore all’Umanità e nel Mondo!

    COLUI CHE CREDE DI SAPERE NON CONOSCE NIENTE, COLUI CHE CERCA HA TUTTO PENETRATO, IO NON HO LA PRESUNZIONE DI SAPERE, IO CERCO, IO NON SO’, IO CERCO’ MISERO ME’.

    DIO AVRA’ CURA DI NOI TUTTI SUE ANIME DEL SIGNORE.

    La fede è frutto dell’anima non del corpo, Papa Benedetto XVI. (J. R.)

    Non continui ad essere così ottusa la nostra mente, chiuso il nostro cuore, disperso il nostro agire.

    L’Avvento è Dio ci offre una nuova opportunità di poterlo davvero incontrare personalmente e confrontarci con Lui, attraverso la Sua Parola.

    Ascoltiamola:”Ecco, verranno giorni – oracolo del Signore – nei quali io realizzerò le promesse di bene che ho fatto alla casa d’Israele e alla casa di Giuda.

    In quei giorni e in quel tempo farò germogliare per Davide un germoglio giusto, che eserciterà il giudizio e la giustizia sulla terra.

    In quei giorni Giuda sarà salvato e Gerusalemme vivrà tranquilla, e sarà chiamata: Signore -nostra – giustizia”. ( Ger 33,14-16 )

    Che grande giorno quello in cui il Figlio di Dio fa irruzione nella storia dell’uomo, nella storia di ciascuno di noi. Egli vuole forgiarci a Sua immagine, come eravamo in origine, fino a fare sparire le croste che si sono addensate sulla nostra bellezza, così come è uscita dalle mani, dal Cuore del Padre.
    Ma come in ogni attesa occorre stare vigilanti, con l’animo attento e il cuore pronto, come ci suggerisce Gesù nel Vangelo: “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra.

    Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.

    Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.

    State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra.

    Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo»”. ( Lc 21,25-28.34-6 )

    Noi Umani, siamo giunti al Giudizio Universale, al Giudizio Universale, noi siamo giunti.

    Siamo alla fine dell’Umanità e del Mondo, ma solo, per come conosciuti, trovo alquanto palese per non ravvedersene e rendersene conto, niente paura, noi Anime del Signore siamo Anime Eterne, noi, sue Anime Eterne siamo.
    Non sia turbato il nostro Cuore, come noi sappiamo, a noi umani Anime del Signore non è dato conoscere ne il giorno ne l’ora, ma a noi è dato il conforto di sapere di essere a cura protezione di Nostro SIGNORE e della Santissima Beata Vergine Maria Immacolata Madre di Nostro SIGNORE GESU’ CRISTO.
    Chi Crede non è mai solo. ( Benedetto XVI )
    Brilla Colosseo brilla nella notte in tutte le tue luci, come petali della rosa troverai pace e riposo nel grembo di tua madre, fatti da parte il fiore deve passare, la sposa è in trepidante attesa dello Sposo, essa veglia giorno e notte, brilla Colosseo brilla in tutte le tue luci…

    Invochiamo la Santissima Preghiera con accorato appello al SIGNORE.
    SIGNORE PERDONA NOI, PERCHE NON SAPPIAMO QUELLO CHE FACCIAMO.
    AMATO NOSTRO SIGNORE, SI INVOCHI IN NOI, IL SANGUE DI GESU’ CRISTO.
    Rimettiamoci alla misericordia del Signore Nostro, ritorniamo a casa, alla casa del Padre Nostro !

    Andiamo spediti in Dio con tutto il nostro cuore con tutta la Santissima Anima di Dio in noi !

    Siamo, alla chiave di volta decisiva del nostro ritorno alla casa del Padre Nostro !

    Noi sue Anime del Signore, torniamo alla casa del Padre Nostro pacificati, pacificati noi torniamo.
    “Ecco Io sto per mandare a voi il profeta Elia prima che venga il giorno del Signore, grande e terribile. E farà tornare il cuore dei padri verso i figli ed il cuore dei figli verso i loro padri, in modo che, venendo non abbia a colpire la terra con la distruzione.” (Malachì III : 23,24) (…)

    Dunque Elia è tornato un altra volta prima dell’avvento del Passaggio {Universale} o in alternativa di un Giudizio {sempre Universale} per riportare tutte le Fedi e Religioni alla loro Unica Sorgente, affinché il Mondo non perisca…
    NON AFFANNIAMOCI, TANTO, GESU’ CRISTO CI TROVA E CI SALVA OVUNQUE NOI SIAMO, NOI, SUE ANIME DI DIO.

    VEGLIATE dunque PERCHE’ NON SAPETE NÉ IL GIORNO, NÉ L’ORA. ” (Mt. 25, 113)
    Tutto è in movimento, così come la dottrina che Gesù Cristo ci ha tramandato che viene rapportato alla nostra comprensione mutevole coscienziale che muta appunto e si aggiorna nei millenni come nei secoli, ecco perche a mio avviso Gesù si esprimeva più volte in parabole.
    E’ stato detto, che solo chi sa di essere intermediario del disegno divino porta gioiosamente il peso delle umiliazioni che parte dei propri simili gli riversano, è stato detto, che chi sarà perseguitato lo sia, chi sarà imprigionato lo sia, chi sarà ………
    Questa è la splendida pazienza e forza di chi i cui nomi sono registrati dalla fondazione dell’uomo nel libro della vita dell’agnello immacolato. Chi ha orecchie intenda, è stato detto che…….

    Comprensibile e coraggioso coglierne con audacia le mutazioni che Gesù Cristo ci invita a percepire secondo il voler di DIO.
    SIATE CORAGGIOSI ED AUDACI, NOI SIAMO LA PUNTA DI ICEBERG dei VERI GUERRIERI CHE JESUS CRISTUS HA ATTIVATO IN NOI.
    Siamone degni, nulla è statico e immobile nell’Universo, tanto meno DIO UNIVERSO !
    Mi Rimetto alla Volontà e Verità di NOSTRO SIGNORE L’IDDIO UNO PATER NOSTER.

    SONO GIA’ DA SEMPRE NELLA CHIESA CRISTIANO CATTOLICA DI ROMA DI GESU’CRISTO, QUESTO E’ !
    La Chiesa di Gesù, va oltre la Chiesa esteriore terrena comunemente accettata, essa alberga nel tabernacolo del nostro proprio Cuore.
    DIO in noi, DIO tra di noi in DIO Universo.
    Per mia precisazione, dichiaro di non far parte di nessuna setta, questo è !
    Io non devo entrare nella Chiesa Cristiano Cattolica di Roma, io sono già nella Chiesa Cristiano Cattolica di Roma di Gesù Cristo, e questo da sempre, in quanto IO SONO LA CHIESA CRISTIANO CATTOLICA STESSA IN TERRA DI NOSTRO SIGNORE JESUS CRISTUS, QUESTO E’ !

    NON RESTA CHE ACCETTARE LA VERITA’ REALTA’ DI NOSTRO SIGNORE, QUESTO E’. ECCO, MI SONO DICHIARATO, DOVE NIENTE IN TERRA COME IN CIELO PUO’ COLPIRCI, NOI ANIME FIGLI DI DIO SIAMO ANIME ETERNE, QUESTO E’ !
    A NOI ANIME ETERNE FIGLI DI DIO NULLA PUO ACCADERE, NOI SIAMO A CURA E PROTEZIONE DI NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO, QUESTO E’.

    Benedico ogni Singola Anima in DIO e tutti i suoi Popoli della Terra.

    IN NOME DEL PADRE DELLA MADRE DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO, AMEN.

    IL REGNO DI DIO E’ DENTRO DI NOI, DIO IN NOI, DIO TRA DI NOI IN DIO UNIVERSO !

    Perché dire, a me e non ad altri ? Dire invece, ma perché ad altri e non a me.
    Trovo senza presunzione che noi tutti, si sia ciò che si è, e che la qualcosa non abbisogna di giustificazioni alcune verso altri, accettare se stessi accettando il nostro Amato Prossimo.
    RICHIAMO ACCORATO ALLE ANIME DEL SIGNORE!
    Che bello pensare, che anche la Donna battezzata in Cristo, possa accedere al Soglio Pontificio della Chiesa Romana Cattolica di Roma, così come Preti, Frati, Monaci e anche l’uomo battezzato in Cristo possa accedervi, anche se non dell’apparato Clericale, non che, Monache e Suore, ne possano prendere parte a pieno titolo, compresi gli omosessuali.

    DIO NON CONDANNA, DIO NON GIUDICA, DIO AMA INCONDIZIONATAMENTE !

    Che bello pensare che Preti, Vescovi e Cardinali, di entrambi i sessi, possano contrarre matrimonio “ tra Donna e Uomo “, che bello pensare, che possano anche sperimentare e trasmettere direttamente la Divina esperienza della Famiglia da riversare al mondo intero, sia quella della Famiglia Umana terrena che di quella Religiosa Umana Celeste.
    Che bello pensare, che tutte le Anime del Signore di ogni sesso, possano accedere all’apparato Clericale della Religione a pieno titolo, cosi come anche gli omosessuali, che bello pensare.
    Noi Anime del Signore, Siamo tutti figli di Dio nessuno escluso, noi sue Anime del Signore, noi siamo.
    DOVE PERPETRARE LA PROCREAZIONE SIA COSA DIVINA CHE ANIMI E PERVADA LA UMANITA’ NEL SUO-NOSTRO PROSEGUO NEGLI UNIVERSI DEGLI UNIVERSI CELESTI, OLTRE IL TEMPO E LO SPAZIO, L’ETERNITA’ CI ATTENDE !
    DIO, NON GIUDICA, DIO AMA INCONDIZIONATAMENTE, SIGNORI MIEI, QUESTA E’ LA VIA DA SEGUIRE, PERSEGHIAMOLA INCONDIZIONATAMENTE !
    Non disperdiamo le energie che sono in noi !
    Vivere con leggerezza, evitando di essere catturati dal dramma dei problemi !

    Credi nel Signore Gesù Cristo, e sarai salvato tu e la tua famiglia”, ( Dagli Atti 16 : 29,31 ).
    Ora noi non abbiamo riceduto lo spirito del mondo, ma lo Spirito che viene da Dio, per conoscere le
    cose che Dio ci ha donate. ( 1 Corinzi 2:12 )

    Ritengo, che quello che vi era da dire, sia stato da me ampiamente riportato, secondo quello che l’accezione della parola comporta, niente di più ne di meno.

    Siamo alla completa consapevolezza di noi stessi, ed anche se nulla accadrà, significa che potrebbe sempre accadere di tutto, ma niente paura, noi Anime del Signore siamo Anime Eterne !

    “ Quando Gesù ebbe preso l’aceto, disse : E’ compiuto !
    E, chinato il capo, rese lo spirito”.( Giovanni 19:30 )”

    Non odio non vendetta, ma AMORE IN NOI, TRA DI NOI IN DIO UNIVERSO.

    QUESTO CAMBIERA’ SALVERA’ SANTIFICHERA’ L’UMANITA’ L’UOMO IL MONDO E L’UNIVERSO INTERO !

    QUESTA E’ LA MIA ASCESI ALL’UOMO ALL’UMANITA’ AL MONDO E ALL’UNIVERSO.

    Siamo messi di fronte a noi stessi, affrontiamo la porta dello spavento supremo dove tutto si dissolverà e ci porterà alla nuova RI-NASCITA, facciamolo senza paura tenendoci idealmente tutti mano nella mano DALLA PRIMA ALLA ULTIMA
    ANIMA FIGLI DI DIO NOSTRO SIGNORE SULLA TERRA.

    I demiurghi e gli dèi in senso figurato sono rappresentati nell’albero della vita della tradizione Ebraica.

    Siamo sicuri che la conversione degli Ebrei non sia già cosa fatta-avvenuta ?
    DIO UNO NOSTRO UNICO SIGNORE CREATORE, all’alba del giorno più bello Apporterà il Profetico Rapimento in Estasi nei Cieli dei suoi Figli in Avvenimento Soprannaturale.

    Ciò che dal Creatore viene al Creatore Torna, i figli di DIO facciano ritorno al PADRE.

    La via dell’Ascensione in corpo, mente, Anima e Spirito per L’Umanità in DIO ad opera del Messia Divinità JESUS CRISTUS, sia.

    Ciò che è stato sarà di Nuovo, al Tramonto dei nostri Tempi, al Sorgere di una Nuova Terra in un Nuovo Cielo per una Nuova Umanità Ri – Voluzio – Nata.

    SI FACCIA RITORNO ALL’IDDIO UNO IN SPIRITO di AMORE E VERITA’.

    L’Umanità è pronta nella sua ulteriore Ciclica Ri – genera – azione, si perpetui la Nuova Umanità Purificata e proiettata a Nuova VITA in un Nuovo Cielo e nella Nuova Terra purificata.
    Non affanniamoci per il domani, non abbiate paura, mantenere e infondere calma e pace, a prescindere da quando possa accadere intorno a noi.
    IL giudicare, non è degli uomini !
    QUALE SERVO DEI SERVI DI DIO, IMPLORO, POSSA IO ESSERE POSTO PER GRAZIA RICEVUTA AL SERVIZIO DEI FIGLI DI DIO.
    PER PRIMA, ESSERE AL SERVIZIO DEGLI ULTIMI DELLA TERRA, COME POI, PER I RESTANTI FIGLI DI DIO DI NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO L’IDDIO UNO L’ONNIPOTENTE.
    NON AFFANNIAMOCI, TANTO, GESU’ CRISTO CI TROVA E CI SALVA OVUNQUE NOI SIAMO, NOI, SUE ANIME DEL SIGNORE, ANIME DEL SIGNORE NOI SIAMO.

    VERSO LA SANTA ALLEANZA DELLE RELIGIONI DEI FIGLI DI DIO, NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO, L’IDDIO UNO L’ONNIPOTENTE.
    In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. IL cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre” (Mc. 13,24-32) “ Ma sappiate questo, che se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte il ladro deve venire, veglierebbe e non lascerebbe scassinare la sua casa.

    Ricordiamo la parabola del: Al lupo al lupo, per poi, alla vera venuta del Signore non prendere seriamente la sua Venuta, spero si sia compreso a pieno l’antifona.

    In quei giorni Giuda sarà salvato e Gerusalemme vivrà tranquilla, e sarà chiamata: Signore -nostra – giustizia”. ( Ger 33,14-16 )
    Siamo al compimento verso l’Alba del nuovo Giorno !
    Prendere contezza e coscienza di avere Dio in noi stessi !
    E’ e resta tutto nelle mani e volere di Dio nostro Signore.
    IL Cristianesimo dovrebbe tenersi costantemente allertato all’eventualità di un suo Martirio a livello mondiale, cosa non remota, anzi direi molto probabile non lontano nel tempo.

    Io accettai il mio cammino il mio andare già prima delle antiche origini dei giorni, io accettai.
    E’ detto, che l’uomo non farebbe mai niente se sapesse cosa nel tempo l’aspetta….
    SCOPRI QUELLO CHE SEI E SCOPRIRAI CIO’ CHE HAI !
    Giovanni, non era il discepolo che Gesù amava ? Giovanni , annunciò il Figlio dell’Uomo e l’ultimo Giovanni scrisse l’adempimento, l’Amore di DIO è rimasto ancora in me, per Grazia ricevuta e per disegno Divino.

    Pur consapevole di essere indegno e inadeguato all’immane compito del disegno Divino affidatomi, io Giovanni, mi rimetto nelle mani del Signore Gesù Cristo e della Santissima Vergine Maria Madre di DIO, Giovanni sa di Essere a loro cura e protezione, a loro cura e protezione Giovanni, sa di Essere e si rimette !

    IL proletariato e la borghesia si diano la mano come segno reale nel conseguimento e avvicinamento (appunto come dicevo) avvicinamento reale degli uni verso gli altri, verso la pace e fattiva amorevole collaborazione fra la Umanità intera, Dio lo voglia, per tutti gli Uomini di buona volontà quale ANIME del SIGNORE L’ IDDIO UNO L’ETERNO L’ONNIPOTENTE degli Universi !

    “ Oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo, il Signore. E questo vi servirà di segno : troverete un bambino avvolto in fasce e in una mangiatoia”. (Luca 2 : 11,12)
    Al lupo al lupo, siamo alla nuova vera venuta del Signore, non prendere seriamente il nuovo Avvento del Signore Gesù Cristo, risulterà follia per chi lo negherà.
    “ Ecco l’agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo ! ( Gv 1,29 )
    “ Non sono venuto a portare pace sulla terra, ma una spada” ( Mt 10,34 )
    “ IL Verbo si è fatto carne e venne ad abitare in mezzo noi” ( Gv 1,14 )
    Io sono la via, la verità e la vita, nessuno viene al Padre se non per mezzo di me, (Giovanni 14 : 6). E condussero Gesù al luogo del Colgota… ( Marco 15: 22 )
    Eloi, Eloi Lama sabactani ? Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato ? ( Marco 15 : 33 – 37 )
    NON ANGUSTIATEVI DI NULLA, MA IN OGNI COSA FATE CONOSCERE LE VOSTRE RICHIESTE A DIO IN PREGHIERE E SUPPLICHE, ACCOMPAGNATE DA RINGRAZIAMENTI. ( Filippesi 4 : 6 )
    Il mondo rinuncerà alle guerre solo quando l’amore entrerà di nuovo nel mondo (cit, Osho)
    NON ANGUSTIAMOCI PIU’ DI NULLA, DIO LO VOGLIA ! ACCETTO GESU’ COME SIGNORE E SALVATORE DELLA MIA VITA !
    LO SPIRITO DEL SIGNORE E’ SOPRA DI ME ; PER QUESTO EGLI MI HA UNTO PER PROCLAMARE L’ANNO ACCETTEVOLE. ( Luca 4 : 18, 19 )
    “T’ho soccorso nel giorno della salvezza. Eccolo ora il tempo accettevole; eccolo ora il giorno della salvezza!” (2 Corinzi 6:2) RIPONGO LA MIA FEDE IN GESU’ CRISTO !
    Sacro appunto e richiamo, dell’Arcivescovo Emerito Antonio Riboldi, alle Anime del Signore, le Sue Anime del Signore: Se siamo Cristiani lo dobbiamo al Dono del Battesimo ricevuto indi accettato in noi, e so, che Dio ha Donato a tutti noi una Stella da seguire nella Vita, la Stella della Nostra Vocazione, che sempre ci guida ( e protegge anche da noi stessi ), preghiera dell’Arcivescovo Emerito Antonio Riboldi che ci è continuamente vicino e ci accompagna nel cammino e ritorno alla casa del Padre Nostro l’Iddio Uno l’Unico.
    ELEVATI NELLO SPIRITO, NOI TROVIAMO LA SALVEZZA IN DIO !
    Gesù disse: “Io sono il buon pastore e conosco le mie [pecore] e le mie [pecore]
    conoscono me” (Gv 10,15)
    Ricordate, la storia della moglie di Lot?
    La città di Sodoma dove Lot e la sua famiglia vivevano, era materialmente prospera, ma anche estremamente immorale. Geova mandò i suoi angeli per ridurre in rovina quel luogo. Per quale motivo Gesù ci dice di ricordarci? E’ possibile che questo avvertimento vale anche per noi nei nostri giorni? Non riduciamoci non credendo, anche noi, in una statua di sale.
    “Natanaele gli rispose: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele»” (Giovanni 1:49).
    Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. ( Giovanni 14:6 ).
    Alla seconda venuta di Gesù, sperimenteremo pienamente la concretezza della nostra salvezza.
    E’ scritto nella Bibbia, in 1 Corinzi 1:7,8 (NR): “In modo che non mancate di alcun dono, mentre aspettate la manifestazione del Signore nostro Gesù Cristo. Egli vi renderà saldi sino alla fine, perché siate irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo.
    Restiamo fedeli a nostro Signore che ci chiama alla comunione con Gesù Cristo !
    Ricordo, che per noi Anime Eterne, non sarà mai fine, perche anche se esistesse,essa, la fine comporterebbe incessantemente un nuovo inizio, noi siamo Anime Eterne, Anime Eterne noi siamo!
    SPIRITUALMENTE SIAMO TUTTI SEMITI ! ATTRAVERSO CRISTO E IN CRISTO NOI SIAMO I DISCENDENTI SPIRITUALI DI ABRAMO !
    In vero e in co-scienza di fede in Gesù Cristo, ricordo che noi siamo in Dio e negli uomini, dove auspico che la schiavizzazione terrena indotta manipolativa forzata sull’uomo abbia termine !
    SIGNORE PIETA’, CRISTO PIETA’, CARISSIMO GESU’ RICOPRICI DEL TUO PREZIOSISSIMO SANGUE.
    Sorelle e Fratelli Scopriamo di essere spiritualmente tutti ebrei sue Anime Figlie e Figli di Dio ! La coscienza delle idee del libero pensiero umano, quale devoto servizio a Gesù Cristo nostro Signore L’Iddio Uno L’Onnipotente, cosi sia, Dio lo voglia ! L’uomo chiamò sua moglie Eva, perché è stata la madre di tutti i viventi. ( Libro della Genesi 3,20 )
    “Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà” (Romani 12:2). Voglia Iddio, che ci vengano benevolmente rimosse per grazia ricevuta, le eventuali nostre arroganze e presunzioni, Iddio lo voglia.
    E’ passato il tempo di blindare a se i misteri vincolandoli e custodendoli sia pure nella cerchia dei Santissimi Vescovi tutti della Sacra Cristiano Cattolica Chiesa Romana, date con Amore, tutto ciò che avete ricevuto nell’ambito della Sacra Cristiano Cattolica Chiesa Romana e ridonatelo al vostro prossimo Cristiano Cattolico, misteri compresi, tutto dovrà brillare alla luce del Sole, il tempo dell’occultamento dei misteri dell’umanità e del Mondo ha avuto sì la loro ragione d’essere, ma ora siamo giunti al tempo delle Rivelazioni di tutte le cose nascoste dell’umanità e del Mondo che ci ha traghettato oltre la fascia del Tempo, per meglio dire ora siamo oltre la fascia Temporale.
    DA ADESSO I MISTERI NON HANNO PIU’ MOTIVO DI ESSERE, NOI SIAMO OLTRE LA FASCIA DEL TEMPO PER MEGLIO DIRE, ORA, SIAMO OLTRE LA FASCIA TEMPORALE. L’apparente presente Umano svanirà, protesi come siamo verso il nostro nuovo Umano ricominciamento Universale, dove tutto e ogni cosa verrà rinnovellato a Vita Eterna !
    MI SONO PERMESSO DI INVIARE QUEI SEGNALI DI IMPUT ALL’ASCOLTO, E COMPRENSIONE PER CHI’ FOSSE PRONTO AD ACCOGLIERE….
    Nelle parole che ho proferito, nelle azioni che ho compiuto e nei pensieri che ho emanato, si compia il tutto attraverso la Sacra Parola del Verbo del Signore l’Unico Dio negli Universi degli Universi!
    “Credi nel Signor Gesù e sarai salvato tu e la casa tua”. (Atti 16: 31)
    In Fede e umiltà, Giovanni Ioannoni ( alias ) JURM Ben ISman.

    Preghiera Padre nostro : Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra, dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti,come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.
    Preghiera Ave Maria : Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne, e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

    Il Vero Israele di Dio da Bibleinfo.com
    Qual è l’elemento essenziale per essere un vero Israelita? Non è la discendenza letterale da Abrahamo, ma la fede in Dio. E’ scritto nella Bibbia, in Galati 3:7 (NR): “Riconoscete dunque che quanti hanno fede sono figli d’ Abrahamo.” In Romani 9:6-8 (NR) è scritto: “…… infatti non tutti i discendenti d’Israele sono Israele; né per il fatto di essere stirpe d’Abraamo, sono tutti figli d’Abraamo……. ma i figli della promessa sono considerati come discendenza.”

    ((((“I figli della promessa sono coloro che ripongono la loro fede in Gesù. E’ scritto nella Bibbia, in Galati 3:29 (TILC): “E se appartenete a Cristo, siete discendenti di Abramo: ricevete l’eredità che Dio ha promesso.” Che si tratti di Ebrei o Gentili, Dio considera solamente coloro che hanno rinnovato i propri cuori, proprio come dei veri Israeliti. E’ scritto nella Bibbia, in Romani 2:28,29 (NR): “Giudeo infatti non è colui che è tale all’esterno; e la circoncisione non è quella esterna, nella carne; ma Giudeo è colui che lo è interiormente; e la circoncisione è quella del cuore, nello spirito, non nella lettera; di un tale Giudeo la lode proviene non dagli uomini, ma da Dio.” In Filippesi 3:3 (NR) è scritto: “Perché i veri circoncisi siamo noi, che offriamo il nostro culto per mezzo dello Spirito di Dio, che ci vantiamo in Cristo Gesù, e non mettiamo la nostra fiducia nella carne.”))))

    Dio ha un patto speciale con quelli che fanno parte del vero Israele spirituale. E’ scritto nella Bibbia, in Ebrei 8:10-12 (NR): “Questo è il patto che farò con la casa d’Israele….. dice il Signore: io metterò le mie leggi nelle loro menti, le scriverò sui loro cuori; e sarò il loro Dio, ed essi saranno il mio popolo. Nessuno istruirà più il proprio concittadino e nessuno il proprio fratello, dicendo: ‘Conosci il Signore!’ Perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande di loro. Perché avrò misericordia delle loro iniquità e non mi ricorderò più dei loro peccati.” Confronta con Geremia 31:31-34 ed Ezechiele 36:26-28.
    La Bibbia riporta le caratteristiche spirituali dell’Israele spirituale di Dio. Esso è un popolo moralmente puro. E’ scritto nella Bibbia, nel Salmo 73:1 (NR): “Certo, Dio è buono verso Israele,
    verso quelli che son puri di cuore.” Esso è un popolo che è spiritualmente intimo con Dio. Nel Salmo 148:14 (NR) è scritto: “Egli ha ridato forza al suo popolo, è motivo di lode per tutti i suoi fedeli, per i figli d’Israele, il popolo che gli sta vicino.”
    Esso è un popolo assolutamente onesto. E’ scritto nella Bibbia, in Isaia 63:7,8 (NR): “Io voglio ricordare le bontà del Signore….che ha fatto alla casa d’Israele, secondo la sua misericordia e secondo l’abbondanza della sua bontà. Egli aveva detto: ‘Certo, essi sono il mio popolo, i figli che non m’inganneranno.’ Fu il loro salvatore.” Parlando di Natanaele, Gesù ha dichiarato, in Giovanni 1:47s.p. (NR) è scritto: “Ecco un vero Israelita in cui non c’è frode.” Vedere anche Sofonia 3:13.
    Il vero Israele di Dio è profondamente consapevole del valore salvifico del sangue di Cristo. E’ SCRITTO NELLA BIBBIA, in Efesini 2:11-13, 19 (NR): “Perciò, ricordatevi che un tempo voi, stranieri di nascita, chiamati incirconcisi da quelli che si dicono circoncisi, perché tali sono nella carne per mano d’uomo, voi, dico, ricordatevi che in quel tempo eravate senza Cristo, esclusi dalla cittadinanza d’Israele ed estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio nel mondo…
    Ma ora, in Cristo Gesù, voi che allora eravate lontani siete stati avvicinati mediante sangue di Cristo. Così dunque non siete più né stranieri né ospiti; ma siete concittadini dei santi e membri della famiglia di Dio”, vedere versetti 11-22, e anche Apocalisse 7:1-14.
    Il vero Israele di Dio è stato rigenerato dal potere della croce di Cristo; esso è fermamente sostenuto dal Suo amore e dalla Sua grazia. E’ scritto nella Bibbia, in Galati 6:14-16 (NR): “Ma quanto a me, non sia mai che io mi vanti di altro che della croce del nostro Signore Gesù Cristo, mediante la quale il mondo, per me, è stato crocifisso e io sono stato crocifisso per il mondo. Infatti, tanto la circoncisone che l’incirconcisione non sono nulla; quello che importa è l’essere una nuova creatura. Su quanti cammineranno secondo questa regola siano pace e misericordia, e così siano sull’Israele di Dio.”
    Agli Israeliti spirituali sarà riconosciuta la propria cittadinanza in cielo, nella Nuova Gerusalemme. E’ scritto nella Bibbia, in Ebrei 13:14 (NR): “Perché non abbiamo quaggiù una città stabile, ma cerchiamo quella futura.” In Ebrei 11:10 (NR) è scritto: “Perché aspettava la città che ha le vere fondamenta e il cui architetto e costruttore è Dio.” Ed ancora in Ebrei 12:22 (NR) è scritto: “Voi vi siete invece avvicinati al monte Sion, alla città del Dio vivente, la Gerusalemme celeste, alla festante riunione delle miriadi angeliche.” Questa è la Gerusalemme “….di lassù è libera, ed è nostra madre.” Galati 4:26 (NR).
    Quando Dio creerà un nuovo cielo e una nuova terra, allora il Suo Israele spirituale abiterà la Nuova Gerusalemme. Dio porrà questa città sulla terra e ne farà la capitale spirituale dell’Universo. Sarà una città di pace che non sarà mai toccata da apostasia, conflitto, violenza o empietà di qualsiasi tipo.
    E’ scritto nella Bibbia, in Apocalisse 21:1-4, 27 (NR): “Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra, poiché il primo cielo e la prima terra erano scomparsi… vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, scender giù dal cielo da presso Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii una gran voce dal trono, che diceva: ‘Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini!
    Egli abiterà con loro, essi saranno suoi popoli e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio. Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate ’……E nulla di impuro né chi commetta abominazioni o falsità, vi entrerà; ma soltanto quelli che sono scritti nel libro della vita dell’Agnello.”
    Benché rispettosi delle leggi umane, gli Israeliti spirituali non considerano alcun governo terreno come massimo rappresentante di Dio. La loro cittadinanza spirituale e i loro affetti principali sono in cielo. E’ scritto nella Bibbia, in Filippesi 3:20 (NR): “Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli, da dove aspettiamo anche il Salvatore, Gesù Cristo, il Signore.” In 1 Pietro 2:9 (NR) è scritto: “Ma voi siete una stirpe eletta, un sacerdozio regale, una gente santa, un popolo che Dio si è acquistato, perché proclamiate le virtù di colui che vi ha chiamati dalle tenebre alla sua luce meravigliosa.”
    Ma l’Israele spirituale di Dio non disprezza i governi terreni. E’ scritto nella Bibbia, in Romani 13:1 p.p. (NR): “Ogni persona stia sottomessa alle autorità superiori.” Eppure quando c’è un conflitto tra legge umana e legge divina, sta scritto in Atti 5:29 s.p. (NR): “Bisogna ubbidire a Dio anziché agli uomini.” L’amore per Dio, la fede in Cristo come personale Salvatore, e ricevere un cuore nuovo che dà un’obbedienza serena e spontanea alla Sua legge sono l’essenza dell’essere un Vero Israelita. I nomi di tutti questi sono scritti nel Libro della Vita dell’Agnello.
    Lo abbiamo visto nella Bibbia:
    Il Vero Israele di Dio da Bibleinfo.com

    Viaggio nel tempo dove Dio ci ha collocati !
    L’Umanità mondiale spirituale Universale si trovi unita nelle sue proprie diversità !
    Nessuno è profeta in patria ! Il profeta paga di persona !
    Se è per assurgere – fungere da agnello sacrificale, allora, si compia pure !
    Mantra simbolico spirituale all’Umanità e al mondo !
    GRANDANGOLO SPIRITUALE DEL RISVEGLIO DELL’ESSERE PER IL RISVEGLIO DELLE COSCIENZE ALL’ALBA DEL TERZO MILLENNIO.
    JOHANNES UNIFICATOR RELIGIO MUNDI.
    JURM WORLD RELIGIONS PROJECT MOVEMENT.
    A cura di, Giovanni Ioannoni ( alias ) JURM Ben ISman.
    PREDICATORE DEL TERZO MILLENNIO.
    NELLO SPIRITO DI JOHANNES BAPTIST COME NELLO SPIRITO DEL CRISTO.
    Oggetto: Unificazione unitaria Jurmiana delle religioni del mondo a cura di, JURM Ben ISman.
    Nome spirituale: JURM Ben ISman Interessi: Ricercatore spirituale e libero pensatore.
    Citazioni: Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtude e conoscenza.
    Non ti curar di loro ma guarda e passa.
    Vivere per proiettare il sé cosciente.
    Sono di tutti, appartengo a tutti, quale, povero Cristo in Terra.
    Le cose di Dio al di sopra delle cose del Mondo.
    Descrizione: JURM Ben ISman, con il suo pensiero filosofico religioso spirituale si appella alla profonda integrità interiore dell’essere in quanto tale è e va oltre le sue appartenenze temporali. I presenti scritti che mi curo di presentare a tutte le preziosissime anime della Terra s

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.