Il Corpo di Luce e la Sindone

Tre anni fa scrissi un articolo per Misteri di Hera sulla Sindone e sulla possibilità che l’impressione sindonica fosse causata dalla generazione compiuta del corpo di luce

 

 

La scienza mistica della Cabala parla del Corpo di Luce e offre interessanti relazioni con la fisica dei quanti. La manifestazione energetica presente sulla Sindone è coerente con questa conoscenza remota e appoggia l’idea che Gesù risorse con l’energia di una stella.

 

Dopo la morte e resurrezione del Maestro, il mondo gnostico, in particolare quello gravitante intorno ad Alessandria d’Egitto, erede dei grandi misteri egizi e del mediterraneo, era in pieno fermento. L’eco dell’uomo che aveva vinto la morte non fece altro che confermare la grandezza degli insegnamenti della Tradizione Primordiale sul Corpo di Luce, scienza santa che i sacerdoti israeliti di Melkitzedeq (poi Esseni), già dai tempi di Mosè, ereditarono dai Sacerdoti di Horus-Mezdau (Ahura Mazda) del tempio di Heliopolis. Questi erano i custodi del segreto dell’energia-Zed di Osiride, la liberazione delle energie divine nell’uomo attraverso l’emissione di un fascio di energia elettro-magnetica che fluisce a doppia spirale lungo l’asse dorsale dell’uomo. La corona di spine indossata dal Maestro è una potente allusione all’occulto potere elettromagnetico latente nella spina dorsale umana, potere che, noto come risveglio del doppio serpente kundalini nella tradizione esoterica induista e simboleggiato dal caduceo mercuriale in quella ermetica, è capace di riattivare i sette chakras (vortici eterici) o le 10 sephiroth (potenze di luce) dell’Albero della Vita interiore.

A queste luci animiche accenna persino il Corano, custode della sapienza esoterica sufica, in una delle più belle e misteriose pagine della spiritualità di ogni tempo: Dio è luce dei cieli e della terra, e la sua luce ricorda una nicchia, in cui è una lampada, e la lampada è in un cristallo, e il cristallo è come una stella lucente. Ed è luce su luce (Corano 24:35). Quest’ultima espressione rimanda alle luci sephirotiche (i cieli del Padre Nostro) che corrisponderebbero nella moderna fisica quantistica ai 10 strati quantico-dimensionali del livello sub-atomico compenetrati l’uno nell’altro, una vera e propria Scala di Giacobbe che l’iniziato Gesù percorse in sè stesso al fine di distruggere la morte e far trionfare la Vita Eterna, ritornando ad essere ciò che era sempre stato: un Dio o meglio un Ben ah Elohim (in ebraico Figlio di Elohim-YHWH).

E solo la scienza alchemica poteva consentire al Gesù di riuscire nell’impresa: operare la trasmutazione della materia in energia, dell’anima carnale in anima spirituale e luminosa. Il Cristo insegnò che se lo spirito si trasforma in materia è la meraviglia ma il processo opposto, decisamente più arduo e lungo, è la meraviglia delle meraviglie (Vangelo di Tommaso 34). All’uomo Gesù accadde esattamente questo: trasformò la materia dell’anima in pura ed eterna luce, e la prova è proprio nella scarica plasmica che ha impresso con qualità fotografica il telo sindonico. La riattivazione delle 10 potenze sephirotiche – perchè di riattivazione si tratta –   ridesta il Dio (il Padre) in noi dal suo lunghissimo letargo e la morte è sconfitta per sempre. Gesù divenne il Melkitzedeq, o meglio lo manifest˜ al suo grado più alto, spostandosi su una dimensione (axis mundi) che doveva essere sua fin dalle origini, e alta a tal punto da consentirgli di schiacciare con i suoi piedi il serpente, ossia i poteri immondi che tiranneggiano invisibilmente e subdolamente su questo mondo di materia densa. Il destino superiore vuole che anche altri uomini di buona volontà dovranno pervenire a questa reintegrazione spirituale, secondo la dichiarazione solenne del Cristo: E io manderò su di voi quello che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finchè non siate rivestiti di potenza dall’alto (Luca 24:49).

 

Il Cristo-Stella

merkaba.jpgLa scuola ermetica ha da sempre insegnato che l’uomo, con la morte mistica, possa partorire se stesso, non emettendo il suo spirito (soffio vitale) ma un secondo sè stesso che contenga lo spirito e gli fornisca un corpo simile od uguale all’umano, di materia invisibile, eterna ed indistruttibile. La Luce di questo corpo non è di questo mondo, è una Luce aliena ed eterna, luce generata da se stessa (Vangelo di Tommaso 55). I cabalisti la chiamavano en sof aur (luce senza fine o luce eterna), la quale si manifestò per brevi attimi nel corpo di Gesù allorchè salì su di un monte: Si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti (n.d.r. eteriche) divennero splendenti (Marco 9:2) sfolgoranti (Luca 9:29) il suo volto brillò come il sole. Ma quel giorno, forse per la prima volta nella storia umana, un uomo acquisì il Corpo di Luce a titolo definitivo, e lo fece con una potente emissione di plasma, di natura simile a quello delle stelle. Perchè ciò? Semplicemente perchè l’anima umana, come tramandato dalla Tradizione Primordiale, è segretamente una stella decaduta nella materia corporale, e il cui corpo di luce deve essere reintegrato per vivere in regni più consoni alla sua vera natura. Gesù, come sopra citato, accenna ad una promessa del Padre fatta agli uomini di buona volontà. E’ la promessa del ritorno in stato di stelle fatta a Gesù e a tutto l’Israel spirituale (1) attraverso la Nuova Alleanza espressa da YHWH in Giovanni 12:28: Lo glorificai (come Adam primordiale N.d.A.) e di nuovo lo glorificherò, e che conferma l’antica promessa fatta ad Abramo di ritornare ad essere stelle (esseri di luce): Osserva le stelle, tale sarà la tua discendenza (Genesi 15:5). Ora, in senso mistico, la discendenza non è una generazione carnale ma spirituale, una generazione espletata dall’iniziato stesso, come insegnatoci dal grande Paolo con sufficiente chiarezza: Non dice la Scrittura “e ai tuoi discendenti” come se si trattasse di molti, ma “e alla tua discendenza” come a uno solo, cioè Cristo (Galati 3:16). Quindi il Cristo-Stella è la vera generazione dell’iniziato, ed è per questo che egli era chiamato 2Figlio dell’Uomo”, essendo compito dell’uomo, col sacrificio d’amore al modo di Melkizedek, a rigenerarlo come una madre amorevole e a reinfondergli la vita con la propria morte mistica. Gesù partorì il Cristo ed è merkabaAbril.gifquesta la santa verità cui si deve attenere chiunque voglia avere un minimo di rapporto con la propria divinità interiore. Gesù conosceva bene tutto questo, e poneva spesso l’accento sul concetto di rinascita in vita, affinchè potesse essere confermata la promessa del Padre di manifestare il Melkizedek/Stella (Kokhba, cioè “Stella”, era il messia per gli Esseni): “Il Signore ha giurato e non si pente: tu sarai sacerdote eterno al modo di Melkitzedeq (Salmi 110:4)”. E’ la generazione, o meglio l’autogenerazione del Melkizedek (Lettera agli Ebrei 7:3), Principe di Luce, auto-generatosi come auto-generata è la Luce Eterna. Ciò getta luce su Numeri 24:17 che profetizza il futuro arrivo (o manifestazione) della stella in forma umana, destinata a porsi al di sopra del dominio dei famigerati Arconti Planetari: “Io lo vedo ma non ora, una stella spunterà da Giacobbe, egli dominerà i suoi nemici”. Come a volersi idealmente agganciare a questa profezia, il Cristo dice di essere la Òradiante stella del mattino (Apocalisse 22:16). Il tema della stella intrappolata nella forma umana è molto antico. Leonardo lo espresse attraverso l’uomo vitruviano, una rappresentazione pentalfica a gambe divaricate. Lo si ritrova nelle segretissime Tavole di Smeraldo di Toth che testualmente recitano: “L’Uomo è una stella incatenata ad un corpo fino alla fine, fino a quando si libera attraverso la propria lotta. Colui che conosce il principio di tutte le cose, libera la sua stella dai regni della notte”.

 

 

La Sindone: un’effusione

Ancor oggi, molti studiosi del reperto sindonico ritengono che, se vi fu irradiazione, essa dovesse essere dall’esterno verso l’interno, ma la Pistis Sophia, il vero vangelo del Corpo di Luce e della Luce eterna, rivela il contrario: “In quel giorno, dunque, era uscita, dalla Luce (il Luz ebraico) delle luci, dall’interno verso l’esterno, una grande forza luminosa, molto splendente, la cui luce era al di là di ogni misura”. Quella forza luminosa (n.d.r. Merkaba) scese su Gesù e lo avvolse interamente” (1,2,2-4). La prova dell’effusione cristica, intesa come energia irradiante dall’interno, è in Atti 2:32: “Questo Gesù, Dio l’ha resuscitato e noi tutti siamo testimoni. Innalzato pertanto alla destra di Dio e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo che Egli aveva promesso, lo ha effuso”. Nel sistema esoterico del Corano il simbolismo dellÕeffusione divina si riferisce alle parole del profeta Maometto: “Dio creò il mondo nelle Tenebre, poi effuse su di esso la sua luce”. Di ciò beneficiò proprio il microcosmo Gesù, effuso dal Cristo e pregno di tutte le sue potenze. L’effusione (alla lettera “versare all’esterno”) è sostanzialmente una potentissima irradiazione energetica proveniente dal chakra cardiaco (sacro cuore) che i cabalisti chiamavano “luce in estensione” o

                                                 

MerkabaChakara.jpg

“energia radiante”. Il centro segreto di irradiazione di questa energia è quella indistruttibile particella di luce chiamata Luz o prodigio dell’osso sacro (secondo le rivelazioni del maestro sufi Ibn Arabi), risiedente, nell’uomo dormiente, all’interno dell’osso denominato sacro proprio per siffatto motivo, e necessaria per la reintegrazione dell’essere. Il Cristo in noi è proprio il Luz. L’iniziato deve assolutamente elevare il Luz all’altezza del centro eterico cardiaco affinchè, liberato dalla stretta di Satana e delle influenze nefaste del plesso ventrale, e potenziato dalla pratica alchemica e dalla continenza volontaria, inizi ad irradiare dall’interno verso l’esterno.  La luce-plasma – ciò che è nota come quintessenza e oggi come “quanto (essenza)”, intrappolata nei gusci atomici (klipphoth, sigilli) li spacca e si libera. Si tratta di una folgorazione, un’energia globulare di natura elettro-magnetica che investe come un fulmine (detto “fulmine della creazione”) l’asse cerebro spinale, distruggendo i sigilli, riattivando i sette centri energetici e lacerando il velo dell’illusione. Ovviamente, risulta difficile credere che un uomo possa irradiare energia-plasma, essendo noto che il plasma si produce ad altissime temperature. Eppure il mistico Jacob Bohme disse che “lo Spirito di Dio entra come un lampo” (Tre Principi 11:45), facendo eco alla rivelazione di Gesù in Matteo 24:27 : “Come il fulmine viene da oriente (il 7° chakra, la testa) e brilla fino a occidente (il 1° chakra, il sesso), così sarà la venuta del Figlio dell’Uomo”. Quel fulmine si sprigionò al termine dei simbolici tre giorni e impresse il telo sindonico. Dio lo volle per testimoniare al mondo la sua onnipotenza.

Note

(1)     Non la nazione di Israele. Così è chiamato il popolo della Luce.

Il Corpo di Luce e la Sindoneultima modifica: 2009-02-04T12:28:57+01:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

2 Responses

  1. Laura
    at |

    Vorrei delle delucidazioni sul simbolo del delfino molto presente nella mia città ma anche a Roma
    ho notato che non manca.
    Il delfino può avere una valenza esoterica?….Ti faccio questa domanda in questo post perchè
    il caduceo e l’energia Kundalini di cui parli qui, i due serpenti attorcigliati, mi ricordano due delfini
    attorcigliati per la coda…iconografia molto presente nella mia città.
    L’unica differenza tra questa raffigurazione e il caduceo è la posizione delle teste degli animali, il caduceo
    ha i serpenti con le teste in alto mentre i due delfini attorcigliati hanno le teste in basso e rivolte
    all’esterno.
    Ho fatto una ricerca su internet ma ho trovato ben poco si parla solo del delfino attorcigliato attorno ad
    un tridente che simboleggia il Cristo in croce…cosa potrebbero essere due delfini attorcigliati dato che
    il simbolo dei pesci è legato al Cristo e ai nommo?
    Non mi pare possa avere un connessione col caduceo e le sue forze…anzi parrebbe qualcosa di
    diametralmente opposto visto la posizione delle teste…tu che ne dici?

  2. rosa
    at |

    sono sempre stata convinta che CRISTO sia riuscito a raggiungere nel suo corpo una FUSIONE NUCLEARE che l’ha fatto diventare radioattivo al punto da IMPRESSIONARE la SINDONE.
    è arrivato sulla TERRA per FARCI VEDERE COME SI FA: infatti egli dice: IO SONO LA VIA, LA VERITA’ E LA VITA….
    quando . dopo la resurrezione, la Maddalena si è avvicinata, infatti, non lo ha riconosciuto, perchè era nel suo VERO CORPO, il CORPO DI LUCE e le ha detto, se non sbaglio, di NON TOCCARLO…
    non mi ricordo in quale altra occasione ha detto a qualcuno di non toccarlo………..per forza……altrimenti li avrebbe INCENERITI!!!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.