INTERVISTA A MIKE PLATO

foto paolo.JPG

 

Mike, appartieni a qualche fratellanza, congrega? Da dove derivano le tue conoscenze?

Questa domanda era scontata. Se appartenessi alla Massoneria, ad es., non potrei confessarlo, in forza del vincolo del giuramento che obbligherebbe al silenzio. Ma non appartengo a nessuna organizzazione iniziatica, nè ho ricevuto iniziazioni da alcun maestro. Qualcuno potrebbe dirmi che questo sia il mio limite. Potrebbe esserlo se non raggiungessi un certo livello ma, superatolo, la non-appartenza volge da minaccia ad opportunità. Scrivo per una rivista che ha un certo profilo “iniziatico”, seppur non monotematica, e talvolta qualcuno mi ha chiesto: “appartenete a qualcuno?”. Per la gente, se parli di esoterismo, devi giocoforza appartenere ad una corrente iniziatica

Spirito libero quindi

Sì, assolutamente, spirito completamente libero. In Egitto la via degli spiriti completamente liberi da chiese, parrocchie, istituzioni e fratellanze iniziatiche era chiamata Via di Horus. Il falcone, animale-archetipo legato a Horus, come l’aquila d’altronde, è il simbolo dello spirito che si libra al di sopra della materia, che va al di là del bene e del male di questo mondo. Credo che il distacco sia la condizione cercata dallo spirito libero

Mike, a quale tradizione senti di appartenere?

A tutte e nessuna in particolare. Essendo nato in Italia, paese fortemente e falsamente cattolico,sono stato educato al cristianesimo profano, senza tuttavia appartenere a qualcuno, testimoni di Geova per esempio. Via via che maturavo spiritualmente, ho provato il desiderio di leggere tutti i testi appartenenti alle diverse tradizioni, perchè il solo cristianesimo, ovviamente, non è tutto

Perche? Cosa cercavi?

Il motivo è semplice. Avevo compreso che la Sapienza di Dio è un sole radiante, i cui raggi rappresentano ciascuno una tradizione religiosa. E allora mi son detto: perchè devo offendere il Supremo limitandomi ad una sola tradizione? Diciamo che un nucleo di conoscenza primordiale si è smembrato e continua a farlo. Solo pochi si assumono la responsabilità di divenire Cavalieri della Terra Santa e proteggere l’eredità del passato, riaccorpandola. La Massoneria parlerebbe di riunire ciò che è sparso. Ed è quel che ho fatto

Sarei curioso di sapere cosa pensi di maestri e scuole iniziatiche?

Cosa penso? Ti faccio un esempio, così capisci in che condizioni versa oggi la Tradizione. Qualche anno fa mi capitò fra le mani un libro di Drunvalo Melkizedek sulla geometria sacra. La scheda dello scrittore, posta sul retro-copertina, ci informava del fatto che Drunvalo aveva avuto circa 70 iniziazioni e maestri. Ti saresti aspettato un libro importante. In realtà abbondava di tipici postulati new age, e di invenzioni. Basterebbe una sola iniziazione fatta bene….

Cosa pensi dell’auto-iniziazione?

Credo sia l’obiettivo massimo di una grande anima. Si dice che quando l’allievo è pronto, il maestro arriva. Ciò non è da intendere solo nel senso che conoscerai un maestro iniziatico laddove i tempi sono maturi. Maestro può essere anche un evento, talvolta drammatico; maestro può essere un sogno, o un segno. Maestro, nel più alto senso della parola, è il Sè, l’Io divino, l’Io superiore che dimora in un altro regno pur dimorando in te. Capisco che molte anime non sono pronte al contatto diretto con lo Spirito intimo, per cui abbisognano di un maestro esterno. Un’anima può giungere ad un tale livello di evoluzione, che in una vita sente l’urgenza di scegliere il Maestro interiore, e lo fa senza esitazione. Se farà le cose per bene, inizierà ad avvertire una voce ammaestrante, che gli insegnerà ciò che può digerire. A detta del profeta Mani, capostipite dello gnosticismo manicheo, o del cabalista estatico Abulafia, per non parlare dell’oscuro Eraclito, l’iniziazione diretta dello spirito conduce ad una gnosi superiore rispetto a qualunque scuola o insegnamento umani. Lo Spirito, come diceva Eraclito, non svela nè nasconde, bensì suggerisce. Il che implica un potenziamento della capacità intuitiva per percepire e comprendere segni, perchè non si può pensare che Dio ti parli dall’alba all’alba successiva

Di quali segni parli?

Beh, l’uomo comune vive solo due stati di coscienza e in due regni: la veglia e il sonno. I segni possono affiorare sia nel primo regno che nel secondo, attraverso i sogni. Si tratta di segni a carattere prettamente simbolico, perchè la famosa lingua degli uccelli, ovvero degli angeli, è il simbolo. Tuttavia occorre saper discriminare i segni indirizzati alla collettività da quelli indirizzati alla propria persona. Spesso si può prendere asso per figura

Hai parlato di Dio come Maestro. Può parlarti dentro?

Se noi abbiamo il dono del Verbo, immagina se non ne dispone proprio colui che ce ne ha fatto dono. Era chiamato il Verbo proprio per la sua capacità di parlarti nella coscienza. Giamblico, un neo-platonico, scrisse ne I Misteri degli Egiziani, che Dio parlava nel dormiveglia, in quello stato intermedio tra veglia e sogno, che io considero un terzo stato di coscienza, una terra di mezzo ove accadono molte cose strane. Nella mia esperienza personale, il mio Dio interiore mi ha insegnato e parlato per lo più tra veglia e sonno

Perchè proprio in quella fase, secondo te?

Può accadere, ma di rado, che si possa avvertire il Verbo in fase diurna, ma è raro. Diciamo che nel dormiveglia, la pineale, che riceve la “trasmissione” dello spirito, funziona meglio. La coscienza diurna è spenta, ma non siamo ancora nell’astrale-onirico, per cui la capacità di ascolto è massima. Per ascoltare un suono occorrono due cose: 1) che il suono venga emesso; 2) che si sia capaci di ascoltarlo, ovvero riceverlo. Così è per la Voce di Dio: 1) occorre che Dio parli; 2) occorre saper ricevere il suo Verbo, ovvero occorre avere una ghiandola pineale sufficientemente sviluppata. L’alchimia consente questo sviluppo

C’è un’ora in cui è più semplice “ascoltare” la Voce dell’Oltre?

Sì, era dagli antichi definita l’ora magica: l’alba. Il gallo canta all’alba nel mondo esterno, e altrettanto avviene dentro, perchè il gallo cristico parla all’alba, ossia nelle prime ore mattutine, sempre che ci sia già svegliati ma intorpiditi nel dormiveglia. Lì, il gallo canta più chiaro e forte. Anche per questo il Logos era chiamato Stella del Mattino. Vedi l’ultimo capitolo di Apocalisse

Cos’hai provato la prima volta che lo hai ascoltato?

Il primo messaggio divino della mia vita fu: “non è meraviglioso questo lattante?”. Il mio Spirito mi paragonò ad un lattante, come aveva già fatto Paolo nel primo libro dei Corinzi allorchè parlò di nutrire gli adepti prima col latte, per poi passare alla carne. Metafora per indicare una gradualità nella consegna dei “misteri” da parte dello Spirito. Quando inizia il “contatto” è una sensazione meravgliosa. E’ come se ti sentissi vivo per la prima volta. Finchè Dio no ti parla, è come fossi morto

Cosa pensi della Massoneria?

Oggi come oggi, ne penso davvero male, e alcuni massoni, persino amici, lo sanno. Ne penso male in quanto la Massoneria ha tradito la sua iniziale missione, si è profanizzata, ed è divenuta una nuova Chiesa con tanto di comitato d’affari. Quelli che postulano alle porte del Tempio non lo fanno per una vocazione spirituale, ma per cercare protezione in un comitato d’affari. La qualità di un’organizzazione, iniziatica o meno, dipende dalla qualità dei singoli, e se gli affiliati sono quel che sono, anche l’Istituzione ne soffrirà. Ciò dipende dalla precisa volontà di ammettere non tanto coloro che davvero cercano, ma coloro che hanno denaro e bramano semplice compagnonnage. Ed è meglio che qui mi fermi

E il tuo pensiero sul 2012?

Al Giudizio Finale nessun’anima potrà scampare. Se sia il 2012 o chissà quale altro momento del tempo, non so. So solo che il giudizio è imminente. Non credere nel giudizio significa rinnegare completamente le tre religioni monoteiste che puntano, nelle loro sacre scitture, al momento finale di questa triste umanità. Tutto ciò che ha un inizio ha anche una fine,è un principio assoluto. Qualcuno mi dirà: ma l’apocalisse non è la fine del mondo. Certo, Apocalisse è “rivelazione” in greco antico. Il primo livello di interpretazione di Apocalisse è personale: la fine della nostra vecchia visione delle cose, sul mondo e su noi stessi. Ma c’è un Giudizio Finale, e le parole della Bibbia e del Corano non lasciano adito a dubbi: sarà un giudizio universale, che coinvolgerà tutte le anime, chiamate a mostrare all’Onnipotente la qualità del lavoro sulla “vigna” interiore, sempre che vi sia stato mai un lavoro.

Molti non credono al Giudizio Universale

Certo, la maggior parte. Conosco alcuni massoni che mi prendevano per pazzo se alludevo solo all’ultimo giorno. Non si tratta certo di un giorno solare, ma di un ciclo che stiamo già vivendo. Secondo i miei calcoli, un giorno, secondo il Grande Anno Zodiacale, corrisponde a circa 70-80 anni. E’ semplice. Se ipotizziamo che il Grande Anno Zodiacale sia formato da 12 ére di circa 2160 anni ciascuna, per un totale di 25.600 anni, un grande giorno, ossia un giorno zodiacale equivale a circa 25.600/360, ovvero proprio 70 anni. Ipotizzo che l’ultimo giorno o grado dello zodiaco sia iniziato quasi alla fine del secondo conflitto mondiale e terminerà nel 2012 circa. Si tenga conto che un giorno zodiacale è già di per se un piccolo ciclo cosmico, la cui fine comporta un cambiamento vibrazionale, seppur non paragonabile a quello tipico della fine di un’era precessionale. Ma questo “giorno” in cui siamo si inserisce alla fine di un’era precessionale (era dei Pesci) e alla fine del Grande Anno. Non siamo quindi alla fine di un’era ma alla Mezzanotte dello Zodiaco. E si sa che dopo la Mezzanotte c’è un nuovo giorno. Se utilizziamo il principio delle corrispondenze, ebbene la mezzanotte del Grande Anno Zodiacale corrisponde all’ultimo dell’anno. Quindi un cambiamento che va molto al di là dei cambiamenti tipici delle fini delle ere precessionali. Gli Esseni parlarono dell’ultimo giubileo, e profetizzarono il ritorno di Melkizedek, del cosmico Maestro che avrebbe ingaggiato una guerra astrale contro gli angeli di Mastemoth, ossia le Potenze Immonde che chiamo spesso Arconti. Guenon trattò il tema più volte, e sono sorpreso che molti esoteristi o pseudo-esoteristi ridano al pensiero dell’ultimo giorno. Dovrebbero invocarlo, e invece lo esorcizzano

E cosa dovrebbe accadere?

Mi baso sempre sul principio delle corrispondenze, e in questo modo va anche letta l’Apocalisse di Giovanni: in senso interiore ma anche in senso macrocosmico. Ciascun individuo, attuante un percorso spirituale di guerra a se stessi e di perfezionamento, vive una fase di estremo dolore e sofferenza, ma poi quando giunge il nuovo, si comprende la santità della sofferenza patita. Parti di te se ne vanno, il vecchio muore e tu soffri. Il Cristo paragona questa fase dell’iniziazione, che sia individuale o planetaria, alle doglie del parto. E così sarà anche per questa realtà. Molto probabilmente dovremmo passare per uno sconvolgimento degli elementi, tutti coinvolti: terra-terremoti; acqua-maremoti e inondazioni; aria-tifoni; fuoco-incendi ed eruzioni. Non può che essere così. Ma so che quelli che avranno agito nella giustizia e avranno lavorato bene su stessi, scamperanno a quest’alchimia planetaria, perchè l’avranno già vissuta dentro. Non vivranno la giusta ira di Dio, perchè ne hanno già fatto esperienza, scatenandola dentro di loro. E’ ovvio che quelli che nella materia ci stanno bene, non desiderano il cambiamento o la fine. Tra la sofferenza del deserto e il vitello d’oro, moltissimi avranno scelto quest’ultimo. Con le ovvie conseguenze, perchè l’irruzione della Luce in questo sistema oscuro, cancellerà tutto. Trovo ridicolo che proprio i massoni, legati a Giovanni evangelista, non credano all’aspetto cosmico della sua rivelazione

Quindi dobbiamo prepararci?

Alcuni lo stanno già facendo. Il resto dell’umanità dorme sonni profondissimi, nonostante le gerarchie della luce eterna, attraverso i Cerchi nel Grano, ci dicono a gran voce che dobbiamo lavorare su noi stessi prima che sia tardi. I dormienti, sotto sotto, nel loro inconscio, capiscono che per loro i Cerchi inglesi sono un terribile presagio. Per quelli come me, invece un grande messaggio di speranza

Non credi che quel che stia accadendo o accadrà sia dovuto alle nefaste attività umane, e al loro impatto sull’ambiente?

Noi facciamo tutto secondo un piano divino. Gli Esseni, nella Regola della Comunità, erano categorici su questo punto: tutto avviene secondo il disegno dell’Altissimo, senza alcun mutamento. Quindi l’uomo insozza l’ambiente perchè c’è un fine dietro tutto ciò. Comunque sono convinto che nell’innalzamento termico del pianeta l’incidenza dell’uomo sia minima. C’è ben altro: è l’Anima Mundi che sta aumentando la propria temperatura, forse in previsione di un balzo quantico, o della creazione di un corpo di luce, poichè questo pianeta non è sacro, e quindi lotta per sacralizzarsi. In questo senso va interpretato il messaggio di Paolo: la creazione geme e soffre nell’attesa della rivelazione dei Figli di Dio…brama di essere liberata da colui che l’ha sottomessa. Parole profondissime

Cosa pensi della Chiesa Romana?

Un comitato d’affari, il più sinistro del pianeta. Sfruttano la credulità e la fede cieca della gente per imporre la propria autorità. Questa autorità si è fondata, nel corso dei secoli, sul sangue dei martiri, partendo paradossalmente dal Cristo. Perchè dico ciò? Paolo rivelò che furono le Potenze astrali a crocifiggere Gesù, attraverso gli ebrei e i romani. Gli stessi che uccisero Gesù se ne fecero successori. E’ un vecchio trucco delle Tenebre, utilizzato da sempre. Ricordate il serpente che entra nel giardino e corrompe Adamo? Bene, anche Gesù risorge in un giardino, e viene persino chiamato giardiniere. Le tenebre irruppero in quel giardino, ovvero nel nuovo messaggio salvifico, e lo inquinarono dalla testa ai piedi, svilendone il contenuto esoterico, svuotandolo. La Chiesa ha un ruolo critico nell’impero degli Arconti, poichè è capace di controllare l’ideologia religiosa e la fede, è capace di controllare milioni di persone, e inoltre offre un buon servigio alle Potenze astrali: le nutre da secoli. Il giudizio colpirà soprattutto loro, e tutti coloro che hanno sempre baciato l’anello papale

C’è una religione o una forma di spiritualità che ti attira più di altre?

Dico la verità, ho studiato la spiritualità e il simbolismo egizi, la religione iranica, le religioni monoteiste, il buddismo, il tao e l’induismo, lo sciamanesimo, il catarismo, il manicheismo, il mithraismo, il sufismo, la cabala, l’alchimia, ma nessuna ha avuto un impatto così profondo come lo gnosticismo dei primi secoli e l’ermetismo alessandrino. Credo che le rivelazioni provienienti da questi due raggi siano imponenti. Dico che senza la conoscenza della gnosi e dell’ermetismo, qualunque sentiero è appiedato. Sono stati gli gnostici e gli alchimisti ermetisti a svelare la verità delle Dominazioni astrali. Senza quest’informazione, che ci consente di comprendere i meccanismi delle Tenebre e la nostra natura doppia, non potremmo mai esser certi di fare la cosa giusta, in qualunque direzione andiamo

Ma questi Arconti sono così potenti?

Certo che lo sono, più potentidi quanto possiamo mai immaginare. Ma al di là di essi vi è la Forza, che è di gran lunga più potente degli Arconti, poichè quella Forza agisce nelle dimensioni superiori, inccessibili agli stessi Arconti. I loro piani consentono il dominio heimarmenico della realtà, ma paradossalmente i loro piani sono i piani della Forza

Ne hai mai visto uno?

Certo, basta alzare la testa e guardare il cielo. Sono le stelle dello zodiaco, sono i pianeti. Sono tutte queste luci imperfette che sono lissù a guardarci, a controllare il gregge

Ma l’astronomia dice ben altro…

L’Astronomia, come tutte le scienze di questo mondo, è asservita agli Arconti. Grazie all’Astronomia, gli Arconti si sono nascosti, e stelle e pianeti sono divenuti corpi distanti, insensibili, freddi. Non è così. Diciamo che nel 1666 l’Impero degli Arcontì assesstò un colpo fatale alla consapevolezza, spazzando via la saggia astrologia antica per sostituirla con una scienza morta: l’astronomia. L’astrologia antica conosceva la potente influenza eterico-vibrazionale di stelle e pianeti. Conosceva il famigerato 19: 12 costellazioni zodiacali e 7 pianeti. Gli antichi sapevano che l’anima, nella prima discesa, si insozzò con i veli zodiacali-planetari, si appesantì. La liberazione è un percorso a ritroso

Quindi niente demoni o spiriti?

E chi l’ha detto? Stelle e pianeti sono la parte elevata della gerarchia immonda, ma c’è tutta una schiera di spiriti, di energie immonde, che si nutrono delle emozioni umane, poichè l’uomo carnale fu concepito dagli Arconti come fonte di cibo eterico. Occorre vedere in quest’ottica tutte le attività umane e tutte le dinamiche terrene, solo in quest’ottica

Come possiamo fronteggiare l’invisibile?

Finchè la nostra vista agirà su uno spettro così limitato potremmo solo intuire la presenza degli invisibili. Solo con il terzo occhio compiutamente aperto è possibile osservare le energie. Ma ciò avviene di rado. Credo che una volta aperto l’occhio di Dio, ne vedremo delle belle

Credi nel patto faustiano? E’ possibile il patto col diavolo?

Sì, come d’altronde è possibile stabilire un patto d’acciaio con lo Spirito Santo. Gli esseni erano fedeli al patto, tanto da autodefinirsi “Comunità dei Pattanti”. L’iniziazione mithraica si basava su un patto con la divinità. La religione ebraica e cristiana si basavano su un patto o alleanza con Dio, rinnovata di èra in èra. Credo che il manifesto di questo patto lo si possa reperire in Genesi, nell’episodio della scala di Giacobbe, quando lo stesso Giacobbe esclama: “Se Dio sarà con me e mi proteggerà in questo viaggio che sto facendo e mi darà pane da mangiare e vesti per coprirmi, se ritornerò sano e salvo alla casa di mio padre, il Signore sarà il mio Dio. Questa pietra, che io ho eretta come stele, sarà una casa di Dio; di quanto mi darai io ti offrirò la decima”. Ma anche Abramo contrae un patto con la divinità e gli offre la decima, al pari di Giacobbe. Quella divinità ha nome Melkizedek. Vedi, il fatto che l’intea umanità sia sogiogata dalle Tenebre, non significa che essa serva le Tenebre volontariamente. Se fai un contratto con Dio per servirlo, altrettanto devi contrattualizzarti con i poteri immondi

Conosci qualcuno che ha fatto un patto d’acciaio con le Tenebre?

Di anime vendute in cambio di favori terreni ce ne sono quante ne vuoi. Basta che ti guardi in giro, vedi la Tv e comprendi.Sono i potenti del mondo, i ricchi, i famosi, le star, i divi. Io li chiamo i Kapò, termine che nei campi di concentramento nazisti indicava gli ebrei venduti ai nazisti che in cambio di piccoli favori, ottenevano il diritto a comandare sui propri fratelli, a seviziarli talvolta e a evitare le camere a gas. E’ una splendida metafora, tutto dei lager era una splendida metafora del pianeta-ghetto. I kapò più efficienti sono ovviamente i capi religiosi, i politici, i super-imprenditori, i grandi opinionisti, gli intrattenitori.

E’ un quadro drammatico…

E’ il quadro, da quando è nato questo mondo. E qualcuno di noi deve fare come Atlante o Cristo: portarsi il mondo sulle spalle, evitare di buttare nel cesso questo ciclo esistenziale, e ingaggiare una lotta con le Tenebre, a partire dal proprio intimo. Non puoi pensare di combattere le Tenebre, e al cotempo rimanere quel che si è. Sarebbe contraddittorio. Gli antichi saggi lottavano per morire prima della morte fisica, resistevano asceticamente alle potenti scosse del subconscio, degli istinti animali, delle passioni, delle emozioni umane. Noi siamo molto più di quel che vorremmo credere ma, per diventarlo, è necessario rinunciare ad una parte di se stessi. Questa è l’essenza del patto di fuoco con la divinità interiore: il sacrificio dell’animale e dell’uomo che portiamo dentro. Se non operiamo un taglio netto con la componente animale, l’anima non può risorgere unendosi allo Spirito

Secondo te, i testi sacri sono stati manipolati?

Credo che il problema non sia tanto un’eventuale manipolazione, ma le diverse traduzioni. Prendi l’antico testamento. Scritto originariamente in ebraico, è stato poi tradotto prima in greco, poi in latino. Molte traduzioni sono fatte dal latino e non dall’ebraico. Inoltre le traduzioni sono state fatte da personaggi che non comprendevano le sottigliezze del testo nè il senso nascosto, persone che davano la propria impronta personale alla traduzione. Prendi ad esempio il salmo 110 versetto 3. Vi sono due traduzioni dall’ebraico, entrambe valide, ciò dovuto al fatto che le lettere ebraiche sono unite senza soluzione di continuità. In questo modo, a seconda della scansione che il traduttore scorge, ne emerge una traduzione anzichè un’altra. Dico, tuttavia, che se vi sono due o più traduzioni con senso compiuto, sono tutte valide, e ognuna arricchisce l’altra

Quindi, Dio fa le cose per bene…

Il Logos ha fatto e fa sempre le cose con peso e misura. La ricchezza di significati nascosti del testo biblico non ha eguali in nessun’altro testo partorito da mente umana. L’ispirazione dello spirito è stata formidabile nei libri di Mosè e nei Salmi, ad esempio. Sol che noi non conosciamo neanche la lettera. La gente comune non ha nè voglia nè talento per affrontare quello scrigno di tesori sapienziali che si chiama Bibbia.

Che mi dici dell’ufologia? Come si pone il fenomeno ufo in questo quadro?

Vuoi che ti dica davvero ciò che penso? Gli ufologi sono pazzi, mi fanno ridere. E dire che studiavo il fenomeno anch’io anni fa, ma quando alcune porte della coscienza si sono aperte, ho iniziato a comprendere che si trattava di un fenomeno prettamente astrale. La gente, come diceva Einstein, ha indubbiamente visto qualcosa, ma questo fenomeno è fortemente elusivo. Mi son chiesto perchè lo è. Credo che sia volutamente elusivo perchè chi orchestra questo fenomeno vuol far credere di essere ciò che non è. Se è così, esso non può venire dalla Verità. La Verità o si cela o si manifesta, ma mai inganna. Non è nel suo dna. Sono piuttosto le Tenebre a tentare sempre di far credere ciò che non è e di allontanare da ciò che è. Quindi, per essere più chirurgici, non mi attendo nulla dagli Ufo. Prima credevo nella vita aliena proveniente da un altro punto dello spazio-tempo. Ora so che la vita aliena, che noi stessi siamo, viene dall’interno della coscienza, poichè tutto è mente e il vero universo è mentale, come la cabala ci ha insegnato attraverso lo schema dell’albero delle sephiroth, ovvero la gerarchia degli stati di coscienza

Quindi le sfere di luce sono energie nocive…

Non sempre, ma per la maggior parte credo di sì. Esse emergono in questa dimensione perchè devono fare il pieno…Uso una metafora per indicare la loro esigenza di nutrirsi. Passano dall’astrale al fisico perchè assorbono le correnti emozionali, e per fare anche di peggio…La gente vede ma non comprende.

Miopia…

No, completa e assoluta inconsapevolezza. Gli antichi saggi avrebbero capito. I contemporanei sono ottenebrati da una visione tecnologica, e si sono fatti abbindolare dalle sirene che dicono che il futuro è evoluzione. Il tempo, per quel che mi riguarda, segna l’allontanamento progressivo dalla primordialità, caratterizzata da una perfezione poi perduta. E’ proprio quello che gli ufologi non comprendono. Paradossalmente essi subiscono e poi veicolano un inganno di alto profilo

Puoi citare i nomi di coloro che reputi possano aver dato e ancora dare luce all’umanità?

Citerei Eraclito, i cui frammenti sono assolutamente da contemplare. Henry Corbin il cui merito è stato quello di spendere una vita a cercare, trovare, tradurre e commentare i testi della filosofia della luce del sufismo iranico. Rene Guenon e Julius Evola, i cui testi sono indispensabili per conoscere la Tradizione Spirituale. I pochi testi tradotti di Jacob Bohme e di Louis Claude de Saint Martin. Ma anche Shuon, Scaligero, Steiner. Consiglierei di leggere Magik di Crowley, nonostante l’autore non riuscì a seguire la via della giustizia. Leggerei di cabala e sufismo.

Mediti?

No, non perchè lo ritengo inutile, ma perchè per ora ritengo indispensabile lavorare su me stesso in altro modo, cercando di capire e controllare le pulsioni.Piuttosto, lavoro alchemicamente, ossia bevo me stesso. Inoltre credo che più potente ed efficace della meditazione sia l’uso del verbo, imporre la propria volontà attraverso il verbo, sigillare la volontà con il sacro triplice amen, e accompagnando il tutto con la visualizzazione di ciò che si vuol ottenere. Questò è il vero atto magico, e il risultato è garantito, sempre in proporzione al proprio potere personale

Vuoi spiegarti meglio?

Certo, bevo la mia anima, la divoro ogni giorno, e assimilo sempre di più le sue memorie e il suo sapere. Se bevi il tuo stesso sangue, sarebbe meglio dire distallato del sangue, attivi una trasmutazione potente che investe il tuo impianto genetico. Garantito. I sacerdoti non iniziati sacrificavano animali a Dio. I sacerdoti dell’Ordine di Melkizedek, ovunque essi fossero, sacrificavano la propria animalità sul proprio altare, sacrificavano se stessi e la loro natura non divina

Che pensi di Sai Baba?

Non è affatto un avatar. C’è un arconte dietro di lui, forse in lui. Vedi…la prova che un anima venga dalla luce è data dalla sua natura di “corpo estraneo al sistema”, il che prevede che il sistema lo attacchi, lo perseguiti, lo riduca al nulla, svilisca il suo messaggio. Così è sempre stato per tutti i veri avatara, per i figli della luce. Attenti a questo schema archetipale, applicatelo e capirete chi è chi. Ricordo a tutti la brutta fine di Gesù, di Mani, di Sorawardhi, di Giordano Bruno, dei Catari, dei Templari e di tutti quelli che, rei di portare luce, erano considerati eretici

Appunto, l’eresia. E’ stata un’arma formidabile per la Chiesa Romana…

Formidabile è poco. Hai un’ arma micidiale se ti arroghi il diritto divino di condannare un innocente senza processo, solo per il sospetto di eresia. Potevi far fuori qualunque dissidente. Questa, per amor della verità, è sempre stata una precisa caratteristica della classe pretesca, in qualunque luogo e religione. Oggi non possono più farlo, per cui il loro potere si è apparentemente spuntato. Ma di converso è da molto tempo che non abbiamo grandissimi iniziati che agiscano come quei famosi mosconi che Yhwh mandò in Egitto per punire gli egiziani arroganti. Questo è un periodo di calma apparente, ma che precede una tempesta violentissima. E quelli lo sanno

Quelli? La Chiesa o gli Arconti?

Entrambi, padroni e servi, sanno che la Divina Figliolanza irromperà nel loro mondo. Sapendo questo, stanno unendo tutte le loro componenti, tutte le loro gerarchie e membra. Controllando tutti i gangli vitali dell’economia, della finanza, della politica, della malavita, essi stanno attuando tutta una serie di manovre. Vedo in quest’ottica la crisi economica, creata ad hoc, sfruttando i media per spingere la gente ad avere preoccupazione per il futuro. Vedi, l’economia si basa sulle aspettative e sull’effetto-annuncio. Se tu annunci in Tv che i prezzi saliranno, anche se non è vero, provocherai una reazione nelle masse. Esse si precipiteranno ad acquistare merci prima che i prezzi salgano, con ovvie e ben previste conseguenze inflattive. Se annunci che i tassi sui mutui fra un mese saliranno, tutti si precipiteranno a chiedere mutui, con lo scontato aumento dei tassi a lungo termine. Sapendo questo, i poteri possono ottenere ogni genere di effetto utilizzando i media come moltiplicatore di paura. E’ la paura che spinge la gente ad agire. Ed è facile manipolare il gregge, laddove il grado di consapevolezza è infimo. Ed è infimo attualmente. Anzi, credo che gli Arconti abbiano avuto successo nel condurre l’umanità ad uno stato persino inferiore a quello bestiale. Siamo nella wasteland, nella terra desolata di cui si parlava nei romanzi arturiani. Ciò che è dentro è anche fuori. In realtà ogni uomo attuale è una wasteland

Sei molto critico con l’uomo…

Si lo sono, nonostante l’attenuante dell’ignoranza. Cristo fu molto compassionevole verso i suoi carnefici, dicendo al Padre di perdonarli non sapendo loro ciò che facevano. Ma siamo sinceri…sono tracorsi 2000 anni da quell’evento, e l’umanità è stata passiva, non si è assunta le sue responsabilità, si è rifiutata di capire, ha accettato passivamente e per quieto vivere la minestra che gli veniva propinata. Ora il Logos non potrà avere la stessa compassione, perchè nessuno avrà il diritto di dire: io non sapevo. Come il sottoscritto ha fatto un percorso, lo possono fare anche gli altri. Ma, come diceva il Cristo, mangiavano e bevevano….e la catastrofe li colpì inavvertitamente. L’umanità attuale non può appellarsi a niente e a nessuno. Hanno seguito gli Arconti attraverso Mammona. Hanno inseguito il mondo, per cui vana sarà la loro ricompensa. I profeti bisogna ascoltarli e capirli. Dio non ha parlato a vuoto per il loro tramite

C’è qualcuno o qualcosa che ha consentito il tuo inizio di risveglio?

Un qualcosa e un qualcuno. Tutto è accaduto nel 1999, anno chiave non solo per me. Il qualcosa è il film Matrix. Molto prima di allora, solo la scena dell’istruzione di Joda a Luke nel secondo film della prima saga di Star Wars –L’Impero colpisce ancora- mi aveva profondamente colpito e attratto, ma senza comprenderme il perchè. Poi è stata la volta di Matrix, la cui visione mi ha spinto a farmi quelle domande che non mi ero mai posto. Il qualcuno è Laurence Gardner. Oggi, con la consapevolezza esoterica che ho, non riesco neanche più a leggerlo. Ma nel 1999, le sue interpretazioni del testo biblico mi condussero per la prima volta in un territorio che ritenni affascinante: l’interpretazione esoterica del testo biblico e la meta-storia , la storia segreta. Le sue interpretazioni alchemiche dei testi sumeri mi indussero a vibrare come mai era accaduto prima. Gli archetipi iniziarono a ridestarsi.

Quale pensi sia il tuo futuro?

Non so, ma devo credere a ciò che lo Spirito mi ha a suo tempo rivelato su ciò che farò nel prossimo futuro. Non voglio credere di essere stato istruito da uno spirito di menzogna, e non lo credo

INTERVISTA A MIKE PLATOultima modifica: 2009-07-30T18:09:00+02:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

13 Responses

  1. massimiliano
    at |

    Mi fai Vibrare… Ho paura e gioia, sento la passività e la determinazione, la fragilità e la forza, la solitudine e l’insieme, mi sento tutto e il contrario di tutto. In realtà non mi sento pronto…ed ho paura. Ma so anche che questa paura non esiste, è solo un virus necessario. C’è una canzone salsera che dice “porquè l’Amor como verdad me mueve l’Alma”, per me é così! e se l’Amore come la Verità scuote l’anima … queste mie perplessità non sono altro che Verità che se inascoltate possono solo diventare bugia…. uccidendomi l’Anima. Gracias 🙂

  2. rovigatti
    at |

    Ah, se avessi potuto dire tutto questo a UNOMattina… Magnifica sintesi Mike, GRAZIE! … e, comunque, ricordati che non sei solo in questa Guerra: magari alcuni di noi non saranno così preparati come te ma, nel profondo, credimi, tutto questo è presente.
    Un abbraccio, Chiara

  3. Lleyton
    at |

    Caro Mike,
    quali profonde emozioni nel leggere le tue parole profondissime. Concordo con Chiara, non sei solo in questa guerra: io devo ancora fare moltissimo per raggiungere un livello decente, ma quando la via è indicata si tratta solo di cominciare a percorrerla, ogni giorno con maggiore convinzione del precedente.
    Per quanto concerne Sai Baba, non ne sapevo nulla, andrò a informarmi in questi giorni, lo conosco solo per sentito dire e non è sufficiente.
    Grazie di cuore per tutto ciò che fai.
    Un abbraccio

  4. mike plato
    at |

    Grazie…

    Chiara, a Uno Mattina, ma in generale in TV, si può persino parlare di feti alieni. Con tutto il bene che voglio a Giovanna, questo è per me un evento di produzione arcontica, e Giovanna lo sa. Ma giammai ti consentiranno di farti un’intervista così, impossibile. La Chiesa imperdirebbe un messaggio di questo genere

  5. Lleyton
    at |

    La televisione è strumento di controllo, è esplicazione della matrice, è illusione, un’intervista come questa verrebbe censurata, stravolta e mai messa in onda. Figurarsi se si può dire che “il re è nudo”, poi altro che re, la situazione è ben peggiore, si tratta di dominatori molto più sottili.

  6. rovigatti
    at |

    Caro Mike, desidererei anche esprimerti un paio di pensieri personali su altrettanti argomenti da te trattati nell’intervista:
    1. Manipolazione dei testi sacri
    Pur condividendo quanto da te detto, mi viene comunque da pensare che, con il sorgere della Chiesa psichica (quella di Roma), l’integrità della tradizione cristica originaria è contenuta solo nel suo aspetto pneumatico che, come è noto, non è accettato dalla Chiesa psichica. Il limite di tale Chiesa è quello di ritenere (per ignoranza o peggio opportunità) che le scritture avessero solo un senso psichico e questo portò ad una selezione di quelle scritture che rispecchiassero unicamente questo punto di vista limitato e, per di più, fissandone la linea interpretativa. A fronte di ciò, francamente non me la sento in tutta onestà di asserire che le “diversità” interpretative possano solo essere imputabili a differenti modi di traduzione.
    2. Massoneria
    Per quel che ricordo io del mio passato massonico, al tempo mi fu detto che il giuramento di appartenenza mi obbligava a tacere sull’identità dei fratelli e sull’andamento dei lavori di Loggia, ma non sulla mia appartenenza se io lo avessi considerato opportuno.
    Ciao, Chiara

  7. teresa
    at |

    Mike, grazie grazie, anche io dal 1999 ho avuto, diciamo degli impatti emotivi diversi.
    una voce mi diceva dentro….guarda Dio è uno e non tanti…..La mia perplessità è stata grande, era un principio ovvio, ma non manifesto in me cristiana, romana, cattolica…..Dal confronto con altri ho notato che tutti dicevano….ti sbagli…..cosi sono iniziati i miei cd guai…..
    Andavo alla ricerca di un maestro, ne ho trovati alcuni, ma non mi soddisfacevano, mancava quel quid…..che invece lo scorso anno ho trovato in te GRAZIE GRAZIE non dico di essere pronta per la guerra, ma per qualche battaglia forse si .
    Volevo aggiungere ciò che diceva Gesù NON ABBIATE PAURA, credo che con l’aiuto Divino e con il tuo aiuto terreno Mike tutti riusciremo ad andare in guerra e poi gridare ALLELUIA..ciao teresa.

  8. mikeplato
    at |

    CHIARA,
    HAI RAGIONE, MA INFATTI IL PROBLEMA DELLA SCELTA DEI TESTI DA FAR ENTRARE NEL CANONE E’ UN ALTRO PROBLEMA SCONTATO. TU SAI CHE GLI EBREI FURONO SCELTI DA DIO PER LA LORO OSTINAZIONE NEL CONSERVARE INTATTE LE SCRITTURE, GENTE DI DURA CERVICE LI CHIAMAVA. E COSI’ E’ STATO. E CREDO CHE CIO’ CHE SIA ENTRATO NEL CANONE DOVESSE ENTRARE NEL CANONE, NONOSTANTE TUTTO. TROVO MOLTO PIU’ IMBARAZZANTI LE TRADUZIONI, FRANCAMENTE. QUELLO E’ UN SERIO PROBLEMA.
    PER QUANTO CONCERNE L’AFFILIAZIONE ALLA MASSONERIA O QUANT’ALTRO, UNA VERA ISTITUZIONE INIZIATICA TI INSEGNA A CELARE L’APPARTENENZA AD ESSA. UN VERO MASSONE NON DIRA’ MAI DI ESSERLO. QUESTA E’ UN’ALTRA PROVA del decadimento e della profanizzazione di questa istituzione.
    TI VOGLIO BENE, CIAO

  9. rovigatti
    at |

    Massoneria: eh sì l’ho pensato pure io. Benedetto una volta di più il giorno in cui mi sono messa in sonno!
    Un abbraccione, Chiara

  10. antonlogos
    at |

    Grazie 1000 Mike, le tue parole sono profondissime e toccano le corde della mia anima. Quando ti conobbi nove anni fa ero completamente spaesato, vagavo nell’oscurità, e tu facesti LUCE dentro di me. Come hai detto tu: “Quando l’allievo è pronto il maestro arriva”, ebbene fu così. In quel momento avevo bisogno di un evento, di un “qualcosa” che desse una sterzata alla mia vita, ed arrivasti tu. Cominciavo ad intuire qualcosa, ad incamminarmi in una ricerca spirituale, ma ero ancora senza guida. Così tu risvegliasti degli archetipi seppelliti nel profondo, riattivasti quella scintilla che non aspettava altro che essere smossa e mi stimolasti ad intraprendere un certo lavoro.
    E questo fu l’inizio.
    Ora mi ritengo una persona più consapevole, certo, ma ancora incompleta. Adesso viene la parte più difficile, perchè tu mi hai messo sulla strada, mi hai dato certe chiavi, ma devo essere io, ora, ad aprire la porta per entrare in contatto con il mio Io Spirituale. Senza il Maestro Interiore che ci parla non possiamo comprendere i segni e riempirci della Conoscenza del Logos. Abbiamo bisogno del Cristo, senza di Lui siamo perduti, possiamo acquisire solo conoscenza nozionistica ed erudizione ma non la Verità. Solo l’incontro diretto col Padre può completarmi e riempirmi di Pienezza, in queste condizioni mi sentirò sempre incompleto, mancante. Ma evidentemente ancora non sono pronto per ricevere questo contatto.
    Ciao, un abbraccio da tuo fratello
    Antonio

  11. antonlogos
    at |

    …e come ha detto Chiara, non sarai solo in questa CROCIATA, stanne certo, i tuoi fratelli non ti abbandoneranno.
    M-K-C, vi voglio bene
    Un abbraccio
    Antonio

  12. mauriziox
    at |

    Grazie Mike, sei stato eusastivo.un saluto e un abraccio ad antonlogos!

  13. thanatopsis analysis
    at |

    interessante intervista. e da qualche parte è possibile leggere le sue opere e le traduzioni?

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.