BENZINA SUPER QUALITA’ ORO POTABILE

Sono considerato un pazzo dai miei detrattori, in particolare per la questione dell’Oro Potabile, detto volgarmente URINA. Ho sempre detto che c’è qualcosa di magico nel nostro Oro, e non sono chiacchiere. Ho sperimentato su me stesso, mi auto-divoro da 10 anni e più, e so solo io quel che accade.

Arriverà il giorno in cui un mondo intero sarà svergognato per non aver creduto nell’Oro, il giorno in cui tutti si renderanno conto che la PIETRA SCARTATA DAI COSTRUTTORI, RIFIUTATA DAGLI STOLTI, E’ L’UNICA COSA CHE PUO’ SALVARCI. LA PIETRA DI SCANDALO UNIVERSALE. E NON VEDO L’ORA CHE GIUNGA QUEL GIORNO.

E ora l’ultima notizia. Per me non è nulla di trascendentale, ma per molti è una totale sorpresa. Leggete della nuova scoperta. Ve la riporto da IL BLOG DI FOCUS, fedelmente

 

376,http---a323.yahoofs.com-ymg-focus-focus-90964431-1283418042.jpg

Sapevi che mentre fai pipì stai producendo una fonte di energia alternativa? Dall’urina, infatti, si può ottenere idrogeno a basso costo e carburante per celle a combustibile particolari. A sostenerlo è Gerardine Botte, ingegnere chimico alla Ohio University: dalla pipì, o meglio dall’urea in essa contenuta,è possibile estrarre idrogeno combustibile a costi molto più bassi rispetto a quanto costerebbe estrarlo dall’acqua, operazione che risulta inefficiente in quanto consuma più energia di quanta ne produce. Dall’urea contenuta nella pipì di uomini e animali l’ing. Botte e il suo team di ricercatori sono infatti riusciti ad estrarre idrogeno utilizzando nel processo una corrente di soli 0,37 volt contro gli 1,23 necessari per effettuare l’elettrolisi dell’acqua. Ma che resa energetica può avere la pipì? I ricercatori hanno calcolato che l’urina prodotta da 300 impiegati può produrre l’equivalente di 2 kW di energia elettrica, giusto la corrente necessaria per tenere accesi un paio di aspirapolvere. In effetti un po’ poco. Per cercare di ottimizzare la resa dell’urina Rong Lan e John Irvine dell’Università di St. Andrews (Regno Unito) hanno pensato di utilizzare direttamente la pipì come carburante per una cella a combustibile. É stato stimato da Shanwen Tao, che ha realizzato un progetto simile alla Heriott Watt University di Edinburgo, che un uomo adulto produrrebbe ogni anno pipì sufficiente ad alimentare la cella combustibile di un’auto elettrica per 2700 km (Se l’idea di una macchina che funziona a pipì vi disgusta pensate che gli astronauti della ISS se la bevono…). É  evidente come una cella a pipì possa risultare una soluzione vincente nelle fattorie e negli allevamenti in cui gli animali producono grandi quantità di urina. Non sarà la soluzione a tutti i problemi energetici del pianeta, ma rappresenta comunque un contributo da non buttare nel… WC!

BENZINA SUPER QUALITA’ ORO POTABILEultima modifica: 2010-09-04T13:57:00+02:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.