YEMEN: BOOM VENDITE URINA DI DROMEDARIO: E’ UN TOCCASANA

Edenpics-com_004-099-Dromedario-che-guarda-verso-di-noi-Israele-Negev-Vicinanze-di-Beersheva.jpg

 

da:http://www.assadakah.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1851

Qualcuno ormai la considera un potente cosmetico. Altri le destinano speranze per la cura dei loro mali fisici. Altri ancora arrivano a considerarla una specie di elisirdi lunga vita. I medici minimizzano e spiegano: non serve a nulla, anzi fa male. Ma la gente non li ascolta e ne fa incetta. La portentosa sostanza in questione, cui oggi il sito internet della rete al Arabiya dà rilievo, è nient’altro che urina di dromediario e sta spopolando nei “suq” dello Yemen. “L’urina di dromedario, cura miracolosa di ogni male”, titola al Arabiya, che mette in evidenza l’incredibile boom di vendite della sostanza un tempo considerata semplice scarto e ora ricercata come se fosse oro. Tutto è nato dai parrucchieri, che hanno cominciato a dare la caccia al portentoso liquido su richiesta dei loro clienti. “Ammorbidisce i capelli”, dicono le ragazze. “Ne ferma la caduta”, sostengono i ragazzi. E, intanto, i proprietari dei preziosi quadrupedi gongolano. Gli ulema sono divisi sulla liceità da un punto di vista religioso dell’utilizzo di questo materiale, ma quanto a emettere una sentenza (fatwa) contro l’urina di cammello, per ora, non se ne parla. I medici, invece, la loro sentenza l’hanno già emessa. Ed è una scomunica. “Nello Yemen ultimamente la richiesta di urina di dromedario è raddoppiata: dopo il gran tam tam di voci popolari sui molteplici utilizzi della sostanza per la cura di mali che colpiscono ilfegato, oppure per i suoi formidabili effetti sulla caduta dei capelli, studenti universitari e soprattutto ragazze danno la caccia alla magica bottiglietta, facendo balzare il prezzo alle stelle”, scrive al Arabiya. Il costo dell’urina del camelide sarebbe arrivato, secondo il sito, all’incredibile cifra di 800 riyal, cioè quattro dollari, per una confezione di 0,75 litri. Un boom che ha spinto molti proprietari di frantoi per il sesamo – dove i dromedari vengono utilizzati in gran copia – a ripensare il loro business: oggi più che dall’olio di sesamo, le entrate vengono dall’urina deglianimali che servono per produrlo. E, quindi, i gestori stanno investendo in acqua, per aumentare la dose quotidiana da dare ai dromedari, in modo da favorirne la minzione. Proprio questi frantoi sono diventati la meta principale dei pellegrinaggi dei parrucchieri di Sanaa che, vista la richiesta dei clienti, fanno incetta di bottigliette. Amal, studente universitario di Sanaa, dice di usare il prodotto dagli anni del liceo, e continua a farlo regolarmente “perché ammorbidisce e rende belli i miei capelli”. Il proprietario di un frantoio dellacapitale, dal canto suo, dice che ormai è costretto a recarsi nelle province vicine per rifornirsi dai beduini del posto. “C’è molta richiesta – spiega – e quello che guadagno dalla vendita dell’urina del dromedario è di gran lunga superiore a quello che mi rende il suo latte oppure la vendita dell’olio di sesamo”. I dotti della religione sono perplessi. Alcuni “entusiasti'” sostengono che l’urina del dromedario come cura sarebbe stata addirittura raccomandata dal Profeta e riportano editti attribuiti a Maometto. Altri contestano: “Qualunque cosa che non fa bene , non può essere stata raccomandata dal Sommo Profeta di Allah”. I medici, dal canto loro, sono decisamente contrari.”Sono tutte frottole”, afferma il dottor Mansur al Omrani, docente di medicina presso l’Università di Sanaa e, soprattutto, specialista in malattie del fegato e dell’apparto digestivo.Preoccupato dal fatto che alcuni, credendo nel miracolo, lo bevano per curarsi, ammonisce: “Attenzione! l’urina del dromedario contiene un batterio che provoca la brucellosi: una malattia che porta gravi danni al sistema nervoso e urinario, oltre che al fegato e alla milza”. Sui capelli, invece, il luminare non s’è pronunciato.

YEMEN: BOOM VENDITE URINA DI DROMEDARIO: E’ UN TOCCASANAultima modifica: 2011-04-14T15:08:00+02:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

One Response

  1. picktorrent
    at |

    È davvero questo il modo migliore?

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.