BUON SANGUE NON MENTE

di Alfredo di Prinzio


Il Padre è Sapienza!

Il Figlio è Forza!

Lo Spirito Santo è Bellezza, e queste tre emanazioni fanno dell’uomo la Creatura più perfetta del Creato.

Questi Principi sono lo stesso Dio che si manifesta, bruciando come Fuoco Sacro nel sangue, Liquido-Anima.

Colata lavica: il fuoco nel “sangue” della Terra

Ecco perchè il sangue è qualcosa di personale ed unico per ogni individuo, perchè in lui c’è la mappatura evolutiva e la memoria genetica della razza.

Il lavoro del vero alchimista, la sua operatività, ha per fine la trasmutazione, trasformazione e sublimazione di questo elemento fino a raggiungere lo stato Cristico.

Allora, il Fuoco si trasforma in Luce.

Infatti l’alchimista è paragonabile ad un fabbro che martella con la volontà i propri metalli fino a realizzare la Grande Opera. Ed è proprio utilizzando il sangue-fuoco che il suo argento lunare si trasmuta in oro solare. Il sangue venoso pieno di scorie (vizi) si trasmuta in sangue arterioso che va ad alimentare il proprio Principio Creatore insieme a tutti gli atomi del corpo (angeli).

Il Graal, la coppa del Sangue eucaristico

Il più grande mistero si trova nel sangue:”Bevete il mio sangue” disse Gesù, il Cristo. E disse bene, perchè la sua potenza si trova in questo liquido-anima che “lava i peccati del Mondo”.

Nel sangue, come il Mar Rosso, c’è il passaggio che condurrà gli ebrei schiavi, “forza dell’Eros”, verso la “Terra Promessa”, che si trova nella testa, luogo edenico da dove l’uomo precipitò nei propri Inferi. Perciò questa linfa vitale, sangue-liquido, è il mediatore plastico o anima femminile che unisce la Terra-Inferi, con il Cielo-celato nella testa, per compiere il miracolo della cosa UNA come dice Ermete Trismegisto.

La parola emo-zione deriva da emo-sangue, la sede di questo sentimento, l’anima o Dea che cela i più reconditi segreti. E’ Isis la Dea del Mistero, colei che custodisce la Legge e possiede le chiavi che aprono le porte del santuario dell’Uomo.

Ecco perchè in alcune antiche civiltà le statue delle Dee erano dipinte di rosso, per simbolizzare proprio questi valori.

Ecco perchè in alcune tradizioni è vietata la trasfusione; per non inquinare i propri valori personali rinchiusi nel sangue.

E’ questa anima-liquido che distribuisce il Principio Vitale o Fuoco, che alimenta ed informa ogni atomo del corpo umano-tempio. E’ il Fuoco Sacro che dona vita ed intelligenza alle cellule e l’ordine che dona salute ed armonia a tutto il corpo.

Il sangue è paragonabile all’arca di Noè, che porta con sè il seme o genio di tutte le specie del regno Animale. Così ogni uomo è l’Arca o un arca che prima della nascita, mentre “naviga” nel liquido amniotico, passa attraverso tutte le specie di animali fino ad approdare come uomo sulla terra ferma.

Antica statuetta della Dea Madre, dipinta di rosso

Se analizzate quanto detto, comprenderete i meravigliosi doni che l’uomo ha ricevuto dai suoi creatori, perchè è sufficiente una sola goccia di questo preziosissimo sangue per leggere l’intera mappatura cromosomica e non solo, perchè la saliva, lo sperma, il mestruo femminile, contengono le stesse informazioni in quanto, come fu accennato prima, i liquidi sono il corpo della dea o anima nell’uomo.

Così il sangue determina la nostra crescita spirituale e le infinite relazioni fra gli organi interni e i centri di potere. E poichè il sangue con tutto il suo patrimonio genetico è qualcosa di unico ed irripetibile, ne viene che non esisteranno mai due individui uguali.

Questo lo dimostrano i trapianti d’organo dove l’organismo ricevente rifiuterà sempre la parte invadente, perchè le due parti hanno sangue e frequenze energetiche completamente diverse.

L’iniziato sa che il proprio sangue, purificato, è diventato come l’Agnus Dei che toglie i peccati del Mondo, diventando “Pane di Vita” per il suo Corpo-Tempio, così si auto alimenta e la sua “Fiamma” diviene sempre più potente.

uno dei simboli sacri che rappresenta questo processo è l’Araba Fenice o Ave Fenix , che brucia nel proprio fuoco fino ad incenerirsi completamente, per poi risorgere rinnovata dalle sue stesse ceneri. Sembra che una goccia delle sue lacrime faccia rimarginare e sanare le ferite.

Un altro simbolo che analogicamente rappresenta questo processo del sangue è il “Pellicano Sacro” che si auto ferisce per alimentare col proprio sangue la sua nidiata di sette figli (sette chakras) e che, per i Cristiani, non è altro che il Cristo stesso, che siboleggia l’Eucarestia e, soprattutto, la carità cristiana dove il Salvatore si dona a tutta l’umanità. (Tutte le cellule del corpo-umus)

Il simbolo alchemico del pellicano sacro

Quando il bravo ricercatore com-prende ed opera di conseguenza, si auto inizia alla vera operatività ed è in quel momento che la sua virtù prende il sopravvento sulla passività, trasformandosi in attivo, operativo e solare. Caino simbolicamente ammazza suo fratello passivo, Abele, dominando la situazione.

Allora questa operatività alchemica comincia a fare effetto sul corpo fisico, e il soggetto cambia in meglio e si percepisce l’immanenza di qualcosa che cova nella sua interiorità e che dona un senso di completezza e di serenità solo a stargli accanto.

Per coloro che vogliono “iniziare”, si renderà necessario curare le proprie abitudini alimentari,non fare più uso nè di alcool, nè di nicotina, e limitare l’alimentazione di carne e di altri cibi pesanti, grassi e acidi , perchè il primo lavoro dipende dalla qualità del nostro “combustibile”. Come si può pretendere una spiritualizzazione della materia se questa è appesantita ed impoverita, conseguenza di un’ errata alimentazione?

Tutto va a finire nel sangue e l’energia vitale che muove il corpo è esattamente quello che mangiamo. Infatti, l’uomo è quello che mangia, perchè il cibo diventa energia conservando le proprie caratteristiche.

Per concludere accennerò qualcosa sul sangue mestruale e le sue valenze ermetiche: questo sangue è la manifestazione della Potenza della Dea con tutte le informazioni della Pacha Mama, ossia la Madre Terra.

E’ la “Veram Medicina”, Elisir degli Dei e nel rito Eucaristico non è altro che il vino, principio solare in forma virtuale che dona l’immortalità.

Per la donna è molto importante e necessario recuperare il suo vero potere, stracarico di vita, che la millennaria, falsa educazione maschilista, declassò a cosa sporca e indesiderabile.

L’uomo maschio ha dimenticato che prima di nascere la sua “dimora” era formata con questo elemento puro e santo, dove è cresciuto e si è nutrito riempiendosi di Vita e Salute? Altro che peccato originale o altre invenzioni denigratorie!

Il feto umano nella dimore uterina.

Quando la donna è mestruata si trova in uno stato sacro e di potere, dove la Dea Madre si manifesta energeticamente e potenzialmente.

nell’antichità le donne in quello stato erano rinchiuse in case particolari, gestite da anziane signore; era proibito guardare gli uomini negli occhi, come fare attività per la comunità, perchè considerate inquinanti e portatrici di cattiveria e di male che faceva seccare le piante e appassire i fiori e tante altre cose, lunghe da elencare.

Barbara Marciniak, nel libro “Terra”, consiglia le lettrici di condirne, con alcune gocce, le insalate, per far partecipare al Potere della Dea il proprio consorte. Perciò consiglio vivamente chi vorrebbe approfondire tale argomento di leggere questo magnifico testo.

Questo articolo vuole essere come un detonatore per le vostre coscienze assopite, perchè in questo frangente di tempo è necessario recuperare i valori personali perduti e dimenticati, perchè sono soltanto in letargo.

BUON SANGUE NON MENTEultima modifica: 2012-11-05T23:44:00+01:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.