Protennoia Trimorfica

La Protennoia trimorfica (“Le tre forme del primo pensiero”) è un’opera gnostica in lingua copta ritrovata tra i codici di Nag Hammadi (codice XIII, trattato I). Si tratta di un’opera del gruppo dei Barbelognostici, che fu però successivamente elaborata sia dai Sethiani che da autori cristiani. Fu composto nello stesso periodo dell’Apocrifo di Giovanni. Presenta delle somiglianze con il Vangelo secondo Giovanni. Il testo è suddiviso in tre sotto-trattati, per lo più scritti in prima persona, che descrivono le tre apparizioni della Protennoia, il redentore gnostico, identificabile con Barbelo; i titoli dei tre trattati sono aggiunte successive. Il primo (Il discorso di Protennoia, 35*,1-42*,3) è un trattato cosmologico sulla prima apparizione della Protennoia come pensiero del “Padre”; il secondo trattato (Il Fato, 42*,4-46*,4), di tipo escatologico, riguarda la seconda apparizione, come voce della “Madre”; il terzo trattato (Il discorso dell’Apparizione, 46*,5-50*,21) è di tipo soteriologico e riguarda l’apparizione del Logos del “Figlio”. Questo terzo trattato è stato associato al prologo del Vangelo secondo Giovanni; l’inno al Logos gnostico che sottende al prologo di Giovanni è paragonabile a questo terzo trattato, che all’interno della Protennoia si trova in un contesto più adatto che in Giovanni. La Protennoia fu soggetta ad almeno due rielaborazioni, quella sethiana e quella cristiana. Quest’ultima avvenne per seconda e consistette nell’aggiungere un riferimento a Cristo ogni volta che si citava la divinità o i suoi attributi.[2] Questa manipolazione superficiale fece dell’opera un testo cristiano. La forma del testo originaria era probabilmente composta da quattro aretalogie, le ultime due corrispondenti al secondo e al terzo sub-trattato, in cui la divinità si rivelava parlando di sé in prima persona. È stato anche proposto che la Protennoia trimorfica fosse il secondo di una serie di tre opere: l’Apocrifo di Giovanni, la Protennoia e il Sull’origine del mondo

Il Testo
Io sono la Protennoia, il Pensiero che abita nella Luce. Io sono il movimento che risiede nel Tutto, colei nella quale tutto prende il suo fondamento, la primogenita tra coloro che vengono all’essere, colei che esiste prima di tutto. Ella (Protennoia) è chiamata con tre nomi, nche se lei dimora da sola, poiché è perfetta. Io sono invisibile dentro il Pensiero dell’Uno Invisibile. Io mi rivelo nelle cose incommensurabili, ineffabili. Io sono incomprensibile, abito nell’Incomprensibile. Io muovo ogni creatura. Sono la vita della mia Epinoia che abita in ogni Potenza, in ogni eterno movimento, nelle invisibili Luci e negli Arconti, Angeli e Demoni, ed in ogni anima che abita nel Tartaro, in ogni anima materiale. Io abito in coloro che vengono all’essere. Io muovo ogni cosa e risiedo in tutti loro. Io cammino dritta e sveglio coloro che dormono. Sono la vista di quelli che abitano nel sonno. Io sono quella Invisibile dentro tutti. Sono io che istruisco su ciò che è nascosto perchè conosco tutto e ciò che esiste in esso. Io sono senza numero oltre tutti. Io sono incommensurabile, inaccessibile, tuttavia ogni volta che lo desidero mi rivelerò come voglio. Io comando su tutto. Io esisto prima di tutto e sono in tutto, poichè esisto in ciascuno. Sono la Voce che parla dolcemente. Io esisto da prima. Abito nel silenzio che circonda ciascuno di loro. E sono la Voce nascosta e abito in me stessa, incomprensibile, incommensurabile Pensiero, nell’incommensurabile Silenzio. Discesi nel mezzo del mondo inferiore e brillai nell’oscurità. Sono io colei che versò  l’Acqua. Sono colei che è nascosta nelle acque raggianti. Io sono colei che gradualmente emise tutto dal mio Pensiero. Sono colei che è piena della Voce. Attraverso di me viene fuori la Gnosi. Io abito nell’ineffabile e nell’inconoscibile. Io sono percezione e conoscenza, emetto una Voce per mezzo del Pensiero. Sono la Voce reale. Grido ovunque ed essi riconoscono la mia voce poichè un seme divino abita in loro. Sono il Pensiero del Padre e, attraverso di me procede la Voce che è la Conoscenza delle cose eterne. Io esisto come Pensiero per ogni cosa, e sono unita con l’inconoscibile ed incommensurabile Pensiero … Io mi rivelo…si, Io… a tutti coloro che mi riconoscono. Per questo sono unita con ognuno per virtù del Pensiero nascosto ed una Voce esaltata, alla pari di una Voce dal Pensiero Invisibile. Esso è incommensurabile poichè abita nell’Incommensurabile. È un mistero, è inseparabile dall’Incomprensibile. E’ invisibile a tutti coloro che sono visibili in tutto. E’ la Luce che abita nella Luce. Siamo noi che ci siamo anche separati dal mondo visibile, poichè siamo stati salvati dalla sapienza nascosta, per mezzo della ineffabile ed incommensurabile Voce. E colui chi è nascosto dentro di noi paga il tributo dei suoi frutti all’Acqua della Vita. Poi il figlio che è perfetto in ogni aspetto … cioè la Parola che si è originata dalla Voce; che procedette dall’alto, che contiene il suo Nome; che è una Luce –egli rivelò le cose eterne, e tutto ciò che era sconosciuto fu conosciuto. E le cose difficili da interpretare e segrete, egli le rivelò. E in quanto a coloro che dimorano nel silenzio con il primo pensiero, egli predicò loro. E si è rivelato a coloro che abitano nelle tenebre e si è mostrato a coloro che abitano nell’abisso e a coloro che abitano nei tesori nascosti, ha detto misteri ineffabili, e ha insegnato dottrine irripetibili a tutti coloro che sono diventati Figli della Luce. Ora, la Voce che si origina dal mio pensiero esiste come tre persone: il Padre, la Madre ed il Figlio. Esistendo percettibilmente come Parola, essa (la Voce) ha all’interno una Parola dotata di ogni gloria e ha tre mascolinità, tre potenze e tre nomi. Esse esistono nella forma del Tre … –che sono angeli –segretamente all’interno del Silenzio dell’Ineffabile. Egli è il solo che può venire all’essere, che è il Cristo. E, come per me, egli si consacrò alla gloria dell’Invisibile Spirito con la bontà… Ora i tre, io stabilii che fossero in eterna gloria sopra gli Eoni nell’Acqua Vivente, che è la gloria che lo circonda, che venne fuori dalla Luce di questi Eoni esaltati. Essa è la Luce gloriosa che persevera fermamente. E si fermò nella sua stessa Luce che lo circonda, cioè l’Occhio della Luce che splende gloriosamente su di me. Egli perpetuò il Padre degli Eoni, che sono io, il Pensiero del Padre, Protennoia, che è Barbelo, la gloria perfetta incommensurabile Invisibile che è nascosta. Sono l’Immagine dello Spirito invisibile ed attraverso di me tutti sono definiti. Io sono la Madre, cosi come la luce che è chiamata Vergine, colei che è chiamata Meirothea, il grembo incomprensibile, la voce irrefrenabile e incommensurabile. Poi il Figlio Perfetto si rivelò ai suoi Eoni che erano stato originati da lui, li rivelò e li glorificò e diede troni e li pose in gloria perchè lo glorificassero. Essi benedissero il Figlio Perfetto, il Cristo, il solo originato da Dio. Ed essi lo glorificarono dicendo “Egli! Egli è! Il Figlio di Dio! Il Figlio di Dio! Egli è colui che è! L’Eone degli Eoni, ecco l’Eone che si generò! Egli è nato per due volte secondo il proprio desiderio!! Quindi lo glorifichiamo ma mo o o o eia ei on ei Eone degli Eoni! L’Eone che elargisce! Inoltre il Dio diede loro (agli Eoni) potere di vita sul quale essi possono contare e li stabilì. Il primo Eone che fu stabilito sul primo: Armedon, Nousanios, Armozel; il secondo fu stabilito sul secondo Eone: Phaionios, Ainios, Oroiael; il terzo sul terzo eone: Mellephaneus, Loios, Daveithai; il quarto sul quarto: Mousanios, Amethes, Eleleth; Ora questi eoni furono generati da colui che fu generato, il Cristo, e questi ricevettero così come diedero, gloria. Essi furono i primi ad apparire, esaltati nel loro pensiero, e ciascuno degli Eoni diede miriadi di glorie all’interno della grande rintracciabile Luce, ed essi tutti insieme benedissero il perfetto Figlio di Dio che era stato generato. Poi venne fuori una Parola dalla gran Luce Eleleth e disse: “Io sono il re! Colui che generò il Chaos e generò il mondo di sotto?”. All’istante, la sua Luce apparve, raggiante, e dotata dell’Epinoia. I Poteri dei Poteri non lo supplicarono, ed immediatamente comparve il grande Demone che domina sulle parti basse del mondo inferiore e del Chaos. Egli non aveva nessuna forma e nessuna perfezione, ma al contrario, possedeva la forma della gloria di quelli che erano stati creati nell’oscurità. Ora egli si chiamò “Saklas”, che è “Samael”, “Yaltabaoth”, egli è colui che prese il potere  strappato via dalla innocente (Sofia), che prima aveva sopraffatto colei che è l’Epinoia della Luce che era scesa, da cui proveniva originariamente.. Ora quando l’Epinoia della Luce capì che egli (Yaltabaoth) aveva estratto la Luce da un altro ordine, anche se era più basso di lei, disse: “Dammi un altro ordine così che io possa trovare per me un luogo dove abitare affinché non abiti per sempre nel non-ordine”. E l’ordine della intera casa di gloria concordò su questa parola. E una benedizione fu portata per lei e il più alto ordine fu concesso per lei. Ed il grande Demone comincio a produrre eoni in analogia agli Eoni reali, eccetto per il fatto che li produceva con il suo proprio potere. Allora anche io ho rivelato segretamente la mia voce dicendo: “Cessate! Desistete, voi che vi muovete nella materia. Ecco, Io sto venendo giù nel mondo dei mortali per il bene della mia parte che era in quel luogo dal tempo in cui l’innocente Sophia fu conquistata, colei che discese, in modo da poter contrastare il loro scopo che è quello rivelato dal suo incarico. E tutti furono turbati, tutti quelli che abitano nella casa della luce ignorante e nei terribili abissi. E l’Archigenitor dell’ignoranza regnò sul Caos e sul mondo di sotto, e produsse un uomo simile a me. Ma non sapeva nemmeno che quello sarebbe diventato per lui una condanna di dissoluzione, né riconobbe il potere in lui.  Ma ora io sono venuta giù, sono discesa nel Caos. Ed ero con i miei che erano in quel posto. E io ero con i miei che erano in quel posto. Sono nascosta dentro di loro, conferendo loro potere, dando loro forma. E dal primo giorno fino al giorno in cui conferirò la gloria potente a coloro che sono miei, mi rivelerò a coloro che hanno ascoltato i miei misteri, cioè i Figli della Luce. Io sono il loro Padre e ti esporrò un mistero ineffabile, non divulgabile da alcuna bocca: ho sciolto ogni legame per voi, ho rotto le catene dei demoni del mondo inferiore, le cose cui sono legati i miei membri lasciatele a loro. E le alte mura delle tenebre ho abbattuto, i cancelli sicuri di quei crudeli li ho sfondati e ho rotto le loro sbarre. E la forza del male, e colui che vi schiaccia, e colui che vi ostacola, e il tiranno, e l’avversario, e colui che è il re, e l’attuale nemico, in verità ho rivelato tutto ciò a coloro che sono miei, ai Figli della Luce, in modo che possano annientarli tutti ed essere salvati da tutti quei legami, ed entrare nel luogo in cui erano inizialmente. Io sono la prima che è discesa a causa della mia parte che vi è rimasta, lo Spirito che è nascosto nell’anima, che ha avuto origine dall’acqua della vita e dall’immersione dei misteri. Io parlai con gli Arconti e le Autorità. Poiché ero scesa giù nella loro lingua, parlai dei misteri ai miei, di un mistero nascosto, ed i vincoli dell’eterno oblio furono dissolti. Innestai il frutto in loro che è il pensiero del Padre, l’immutabile Eone, la mia casa ed il loro Padre. Scesi per quelli che sono miei dall’inizio, li ho raggiunti ed ho rotto i fili originari che li hanno asserviti. Quindi ciascuno di quelli che erano presso di me brillò ed ho preparato un modello per queste luci ineffabili che sono presso me. Amen.
Il Discorso di Protoennoia: Primo
Io sono la voce che appare attraverso il mio Pensiero, per questo io sono “Colui che è sizigetico”, per questo sono chiamata ” Il Pensiero dell’Invisibile”. Per questo sono chiamata “La Parola immutabile”, Io sono chiamata “Colei che è sizigetica”. Sono singola poiché sono incorrotta. Io sono la Madre della Voce, parlo in molti modi, completo il Tutto. E’ in me che la conoscenza dimora, la conoscenza delle cose eterne. Io sono colei che parla con ogni creatura e che conosce tutto. Io sono colei che innalzala la Parola della Voce alle orecchie di coloro che mi hanno conosciuto, coloro che sono i Figli della Luce. Ora io sono venuta la seconda volta nelle sembianze di donna e ho parlato con loro. Io dirò loro della fine degli Eoni e insegnerò loro l’inizio dell’Eone, l’uno che non muta, quello in cui la nostra apparenza sarà cambiata. Saremo purificati all’interno di questi Eoni dai quali Io mi rivelerò nel Pensiero nelle sembianze della mia mascolinità. Mi sono depositata fra coloro che sono degni nel pensiero del mio Eone che non cambia. Gli dirò un mistero di questo Eone particolare e ti dirò delle forze che sono in esso. La nascita è salutata, l’ora genera l’ora, il giorno genera il giorni. I mesi fanno conoscere i mesi. Il tempo ha girato intorno al tempo. Questo particolare Eone è stato completato in questo modo ed è stato misurato ed esso era piccolo, dato che era una barretta che ha liberato una barretta e era un giunto che è stato separato da un giunto Allora, quando le grandi Autorità hanno saputo che il periodo dell’adempimento era giunto -così, come nella pancia della partoriente si avvicina il tempo, così si vede avvicinarsi la distruzione -tutti gli elementi tremarono insieme e le fondamenta del mondo inferiore, i soffitti del caos, furono mossi e un fuoco grande brillò nel loro mezzo e le rocce della terra furono agitate come una canna battuta dal vento. Ed i percorsi del destino e colui che assegna le destinazioni furono grandemente sconvolti da un grande tuono. Ed i troni delle potenze furono disturbati, poiché furono invertiti ed il loro re ne rimase impaurito. E coloro che perseguono il destino pagarono il loro affidarsi al suo esame e dissero alle Potenze: “Cos’ê questo disturbo e questa agitazione che è venuta su di noi attraverso una Voce ed una Parola esaltata? La nostra intera abitazione ê stata agitata, l’intero percorso d’ascesa ê stato distrutto ed il percorso su cui viaggiamo, che ci porta fino all’Archigenitore della nostra nascita, ha cessato d’essere stabile per noi”. Allora le Potenze risposero dicendo “Anche Noi siamo smarrite di fronte a quanto accade, poiché non abbiamo capito cosa ê stato responsabile di ciò. Ci siamo alzate e siamo andate dall’Archigenitore chiedendogli” Le Potenze tutte si sono riunite ed si sono recate fino al Archigenitore. E gli hanno detto, “dove ê il vanto di cui possiamo vantarci?” Non lo abbiamo sentito dire” “Sono dio e sono il vostro padre ed sono io che ero prima di voi. E nessuno è più di me? Ora Ecco, ê comparsa una Voce che appartiene a quel Discorso invisibile dell’Eone che non conosciamo. E noi stessi abbiamo riconosciuto a chi apparteniamo, per quella voce che abbiamo ascoltato, noi siamo estranei e non lo abbiamo riconosciuto e non abbiamo saputo dov’era. È venuto e ha messo il timore tra di noi e l’indebolimento nei alleati delle nostre armi. Così ora piangono e si addolorano amaramente! Per quanto riguarda il futuro, facci fare l’intero volo prima d’essere imprigionati con la forza e portati giù nel seno del mondo inferiore. Perché già l’allentamento della nostra schiavitù si è avvicinato a ed i tempi si sono accorciati bruscamente, i giorni si sono ridotti, il nostro tempo è stato compiuto e il pianto per la nostra distruzione si è avvicinato, di modo che possiamo essere presi e condotti nel posto che riconosciamo. Per quanto riguarda il nostro albero da cui ci siamo sviluppati, un frutto dell’ignoranza è ciò che esso possiede, anche per le sue foglie, è la morte che abita in loro e la nerezza abita sotto l’ombra dei rami. Ed era nella frode e nel lussuria che lo abbiamo raccolto, questo (albero) attraverso cui il caos ignaro si è trasformato per noi in un posto da abitare. Ecco persino lui, L’Archigenitore della nostra nascita, del quale ci vantiamo, persino lui non ha compreso questo discorso. Così ora, figli del Pensiero, ascoltate, il Discorso della Madre della vostra misericordia, dato che siete diventati degni del mistero nascosto dagli Eoni, di modo che avete potuto riceverlo. E la consumazione di questo Eone particolare e della vita diabolica, si è avvicinato a ed albeggia l’inizio del Eone che deve venire, che non muterà per sempre. Sono androgina. Sono madre e sono padre, poiché ho copulato con me stessa e con quelli che mi amano ed è attraverso me sola che il tutto si leva in piedi stabilmente. Sono il grembo che dà la figura ai tutti dando vita alla Luce che brilla in splendore. Sono l’Eone che viene Sono l’adempimento dei tutti, cioè Meirothea, la gloria della Madre. Enuncio il discorso negli orecchi di coloro che mi conoscono. Io vi invito nella Luce esaltata e perfetta. Inoltre, (per quanto riguarda) questa (Luce), quando vi entrate, sarete glorificati da coloro che danno la gloria e coloro che vi porranno sul trono. Accetterete gli abiti da coloro che danno gli abiti e i battezzatori vi battezzeranno e diventerete gloriosamente gloriosi, nel modo in cui eravate prima quando vivevate nella Luce. E mi sono nascosta in tutto e mi sono rivelata all’interno di loro, in ogni mente che mi cerca, che mi desidera, dato che sono io che ho dato la figura a tutti loro, quando non avevano forma. Ed ho trasformato le loro forme nelle altre forme, fino al tempo in cui una forma sarà data a tutti. È attraverso me che la Voce è nata ed sono io che metto il soffio all’interno di coloro che sono miei. Ed ho depositato in loro lo Spirito Santo eternamente santo ed sono ascesa ed entrata nella mia Luce. Sono andata sul mio ramo e mi sono seduta là fra i Figli della Luce santa. E mi sono ritirata con loro nel posto della dimora che […] si trasformano in […] glorioso. Amen.
Sul Fato: Secondo
Sono la parola che abita nella Voce ineffabile. Abito dentro la Luce incorrotta e un Pensiero si è rivelato percettibile con il grande Discorso della Madre, anche se è una prole maschia quella che mi sostiene quale mio fondamento. (il Discorso) esiste dall’inizio nei fondamenti del Tutto. Ma c’ê una Luce che abita nascosta nel silenzio ed essa era prima che tutto venisse avanti. Considerando che (la Madre) da sola esiste come Silenzio, io solo la Parola, ineffabile, non inquinata, illimitata, inconcepibile. (La Parola) è una luce nascosta, porta frutto di vita, versa un’acqua vivente dallo zampillo invisibile, non inquinato, illimitato, cioè dalla Voce irriproducibile della gloria della Madre, la gloria della prole di Dio; un vergine del maschio in virtù di un Intelletto nascosto, cioè il Silenzio nascosto da tutti, essendo irriproducibile, una Luce illimitata, la fonte di tutti, la radice di intero Eone. È il fondamento che sostiene ogni movimento dell’Eone che appartiene alla gloria potente.
È il fondamento di ogni fondamento. È il soffio del potere. È l’occhio delle tre permanenze, che esistono come Voce in virtù del Pensiero. E’ una Parola in virtù del Discorso; ê stata inviata per illuminare coloro che abitano nella nerezza. Ora Ecco! Rivelerò a voi i miei misteri, poiché siete i miei fratelli e li conoscerete tutti. (5 li-nee mancano) Ho detto a tutti circa i miei misteri che esistono negli Eoni incomprensibili e indicibili. Ho insegnato loro i misteri con la Voce che esiste all’interno di un Intelletto perfetto e sono divenuta fondamento per il tutti e ho dato loro potere. La seconda volta sono venuta nel discorso della mia Voce. Ho dato la figura a coloro che prendono forma, fino alla loro consumazione. La terza volta mi sono rivelata a loro nelle loro tende come Parola e mi sono rivelata nella somiglianza della loro figura. Ed ho portato l’abito di tutti e mi sono nascosta tra di loro e non mi hanno conosciuto eccetto quelli che ho autorizzato. Per cui abito all’interno di tutti i Sovrani e le Potenze, con gli angeli, in ogni movimento che esiste in tutta la materia. Mi sono nascosta all’interno di loro fino a che non mi rivelassi ai miei fratelli. E nessuno di loro (le Potenze) mi hanno conosciuta, anche se è io operavo in loro. Piuttosto, hanno pensato che il tutto fosse generato da loro, poichè sono ignari, non conoscendo la loro radice, il posto in cui si sono sviluppati. Sono la Luce che illumina il tutti. Sono la Luce che fa gioisce nei miei fratelli, dato che sono scesa nel mondo dei mortali a causa dello Spirito che rimane in quanto è disceso (ed) è venuta avanti dalla Sofia innocente. Sono venuta ed ho trasportato […] e sono andata… (5 linee mancano) … che ha avuto forma precedentemente ed io gli ho dato l’Acqua di Vita, che lo mette a nudo nel caos che è nella nerezza, il massimo che esiste all’interno dell’intero abisso, cioè del pensiero nel corporeo e nello psichico. Tutto questo ho compiuto. E lo ho messo a nudo ed ho messo su lui una Luce brillante, cioè la conoscenza del Pensiero del Padre. Lo ho trasportato verso coloro che danno gli abiti -Yammon, Elasso, Amenai -e lo hanno coperto con un abito tratto dagli abiti della Luce; lo ho trasportato ai battezzanti e lo hanno battezzato -Micheus, Michar, Mnesinous -e lo hanno immerso nello zampillo dell’Acqua di Vita. Lo ho trasportato a coloro pongono sul trono -Bariel, Nouthan, Sabenai – e lo hanno posto sul Trono di Gloria. Lo ho trasportato a coloro che glorificano -Ariom, Elien, Phariel -e lo hanno glorificato con la gloria del Padre. E coloro che strappano -Kamaliel lo hanno strappato via, […] anen, Samblo ed i servi dei luminari santi grandi del -e lo hanno preso nella Luce posto di suo Padre. Ed ha ricevuto i cinque Sigilli della Luce della Madre, Protennoia e lo è stato assegnato a partecipare al mistero di conoscenza e si ê trasformato in una Luce nella luce. Così ora… (5 linee mancano) … Ho abitato in loro sotto la forma di ciascuno. L’Arconte ha pensato che fossi il loro Cristo. Veramente, abito in tutto. Veramente, all’interno di quelli in cui mi sono rivelato come Luce, ho eluso l’Arconte. Sono il loro caro, poiché in quel posto mi sono rivestito come il Figlio del Archigenitore ed ero come lui fino alla fine del suo decreto, che è l’ignoranza del Caos. E fra gli angeli mi sono rivelato nella loro somiglianza e fra le Potenze, come se fossi una di loro; ma fra i Figli dell’Uomo, come se fossi un Figlio dell’Uomo, anche se sono Padre di tutto. Mi sono nascosto presso loro tutti fino a che non mi rivelassi fra i miei membri, che sono miei ed li ho istruiti circa le ordinanze ineffabile e (circa) i fratelli. Ma sono incomprensibile ad ogni Sovranità e ad ogni Potenza regolatrice, tranne ai Figli della Luce, cioè coloro che sono legati al Padre. Queste sono le glorie ch sono superiori ad ogni gloria, cioê i Cinque Sigilli, completi in virtù dell’Intelletto. Colui che possiede i cinque Sigilli di questi nomi particolari ha tolto l’abito dell’ignoranza ed ha messo quello della luce brillante. E niente gli sembrerà che appartenga alle Potenze dell’Arconte. Tra quelli di questa specie, la nerezza si dissolverà e l’ignoranza morirà. Ed il pensiero della creatura, che è diffusa, presenterà un singolo aspetto e il caos scuro si dissolverà e… (6 linee frammentarie). . . fino a che non mi rivelerò a tutti i miei fratelli e fino a che non mi riunirò insieme tutti i miei fratelli all’interno del mio regno eterno. Ed ho comunicato a loro i cinque sigilli ineffabili affinchè possa rimanere in loro ed anche loro possano rimanere in me. Quanto a me, mi sono posta sopra Gesù. Lo ho strappato dal legno della croce e lo ho stabilito nei luoghi della dimora di suo Padre. E coloro che guardano sopra i luoghi della dimora non mi hanno riconosciuto. Perché io sono inafferrabile, insieme al mio seme; ed il mio seme, che è mio, Io lo disporrò nella Luce santa all’interno del Silenzio incomprensibile. Amen.
Il discorso dell’Apparenza in tre parti

Una Scrittura Sacra scritta dal Padre della Conoscenza Perfetta

Protennoia Trimorficaultima modifica: 2016-02-05T10:33:36+01:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.