La Carola della Croce

La Carola della croce, o inno di Gesù, è un canto che si dice insegnato ai discepoli da Gesù stesso prima della crocifissione. Compreso in Atti di Giovanni, il canto è accompagnato da istruzioni di danza liturgica. Questa esposizione dell’inno e della danza è stata inclusa nel romanzo di Marguerite Yourcenar L’Opera al Nero, e nel film La Via Lattea di Luis Bunuel, mentre Gustav Holst la musicò nel suo Hymn of Jesus. L’inno si serve di temi tratti dalla tradizione giovannea: per esempio Gesù è la Parola di Dio che descrive il mistero della sofferenza e forse rispecchia motivi valentiniani (per esempio si riferisce a parola, mente, un regno di otto, sapienza e grazia, grazie danzante). Gesù intona i versi dell’inno, che include locuzioni io sono, alcune delle quali simili a enigmi e paradossali;  i discepoli rispondono antifonicamente cantando Amen, mentre danzano in cerchio attorno a Gesù. Inno e danza si concludono con una spiegazione del significato. La Carola della Croce è incentrata sulla sofferenza: non soltanto quella di Gesù, ma anche quella dei discepoli e di tutti gli altri. La storia testuale degli atti di Giovanni è complessa, ma l’assunto comune è che siano stati composti nella seconda metà del secondo secolo, o forse un po’ più tardi. È probabile che siano stati composti, almeno in gran parte, in greco, ma può darsi che alcune porzioni derivassero dal siriaco. La Siria, infatti, è il probabile luogo di composizione.

Gesù ci disse di formare un cerchio e di tenerci per mano, e si mise al centro e disse: rispondetemi con Amen. Egli prese a intonare un inno e a dichiarare:  Gloria a te padre. Noi girammo in cerchio intorno a lui e rispondemmo: 

Gloria a te parola. Gloria a te, Grazia. Amen. Gloria te spirito, Gloria a te che sei santo. Gloria alla tua gloria, Amen. Noi ti lodiamo, Padre. Noi Ti ringraziamo luce in cui non esiste tenebra, Amen. Io dichiaro perché rendiamo grazie : io sarò salvato e salverò, Amen. Sarò liberato e libererò, Amen. Sarò ferito e ferirò, Amen. Sarò generato e sopporterò, amen. Mangerò e sarò mangiato. Amen. Udrò e sarò udito, Amen. Sarò nella mente, io, puramente, Amen. Sarò un lavato e laverò, Amen. Grazia danza. Suonerò il flauto. Voi tutti, danzate, Amen. Io piangerò voi tutti gemete, Amen. Un regno di otto Canta con noi, amen. Il dodicesimo numero danza di sopra, Amen. L’intero Universo si unisce al danzare, Amen. Se non danzate, non sapete cos’è, Amen. Fuggirò lontano e rimarrò, Amen. Ornerò e sarò ornato, Amen. Sarò unito e unirò. Sono senza casa e possiedo casa, Amen. Non ho luogo e possiedo luoghi, Amen.  Non ho tempio e possiedo templi, Amen. Sono una Lucerna per voi che mi vedete, Amen. Sono uno specchio per voi che mi riconoscete, Amen. Sono una porta per voi che Bussate a me, Amen. Sono una via per voi passanti, Amen.

Comprensione del canto

Se Seguite la mia danza, vedete voi stessi in me allorché parlo. Se avete veduto quel che faccio, state quieti per i miei misteri.  Voi che danzate, pensate a quel che faccio. Vostra è l’umana passione che sto per patire. Mai avresti capito quel che patite se io, la parola, non vi fossi stato mandato dal Padre. Voi che avete visto quel che faccio, mi avete visto come sofferenza, o quando avete visto, non siete rimasti, ma foste completamente mossi a sapienza, e avete il mio aiuto. Riposate in me. Chi sono lo saprete quando vado. Quel che son visto essere ora non sono. Quel che sono lo vedrete quando venite. Se sapeste come soffrire, sareste capaci di non soffrire. Imparate a soffrire e sarete capaci di non  soffrire. Quel che non sapete ve lo insegnerò. Sono il dio vostro, non del traditore. Desidero che le anime sante siano in armonia con me. Conoscete la parola di sapienza. Dite ancora con me: Gloria a te Padre. Gloria a te, Parola. Gloria a te spirito, amen. Se voleste sapere quel che ero, schernìi ogni cosa con la parola e non fui schernito in nulla. Saltai per la gioia. Comprendete ogni cosa, e quando avete capito, dichiarate: Gloria a te, Padre. Amen.

La Carola della Croceultima modifica: 2018-02-26T19:37:55+01:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.