DOCUMENTO DI DAMASCO CD (TESTO INTEGRALE)

obi-wan460.jpg

Capitolo 1 1 Ed ora ascoltate tutti voi che conoscete la giustizia e comprendete le opere di 2 Dio, poiché egli è in lite con tutta la carne ed eserciterà il giudizio su tutti  coloro che lo disprezzano 3  Poiché  a  causa  della  infedeltà  di  coloro  che  lo  avevano  abbandonato  egli  nascose il suo volto a Israele e al suo santuario,  4 e li cons egnò alla spada. Ma nel suo ricordo del patto con gli antenati lasciò un  resto  5  a  Israele  e  non  li  abbandonò  alla  distruzione.  E  nel  tempo  della  collera,  trecento 6 e novant’anni dopo che li aveva consegnati in mano a Nabucodonosor, re di  Babilonia,    7 egli li visitò e da Israele e da Aronne fece germogliare la radice d’una pianta  destinata ad ereditare   8 la sua terra e ad ingrassarsi con i beni del suo suolo. Ed essi compresero la loro  iniquità e riconobbero di essere   9 uomini colpevoli. Erano stati come ciechi e come coloro che cercano la strada a  tastoni,  10 per vent’anni. E Dio considerò, le loro opere perché l’avevano ricercato con  cuore perfetto:  11 suscitò per loro un maestro di giustizia per guidarli sulla via del suo cuore e  per fare conoscere 12 alle ultime generazioni ciò che ha fatto all’ultima generazione, all’assemblea  dei traditori.    13 Costoro hanno deviato dalla via! E‘ il tempo di cui sta scritto: ―Come una  giovenca testarda   14 è divenuto testardo Israele allorché apparve l’uomo dell’arroganza che fece  versare su Israele 15 acque di menzogna, lo fece errare in un deserto senza strada abbassando le  altezze eterne, e deviare   16 dai sentieri della giustizia spostando il confine posto dagli antenati nella loro  eredità. E così 17  attirò  su  di  loro  le  maledizioni  del  suo  patto  consegnandoli  alla  spada  esecutrice della vendetta  18 del patto. Essi avevano, infatti, inseguito cose ingannevoli e scelto illusioni,  verniciato   19 le brecce e scelta la bellezza del collo, dichiarato giusto l’empio e dichiarato  empio il giusto,  20 trasgredito il patto e violato lo statuto, attentato alla vita del giusto; e la loro  anima detestò tutti coloro che camminano  21 nella perfezione; li perseguitarono con la spada e incitarono il popolo alla  discordia. Allora si accese la collera Capitolo 2 1 di Dio contro la loro assemblea devastando tutta la loro moltitudine: le loro  opere furono come un’impurità davanti a lui.    2 Ed ora ascoltatemi voi tutti che siete entrati nel patto ed io rivelerò alle vostre  orecchie le vie     3  degli  empi.  Dio  ama  la  conoscenza  e  pone  davanti  a  sé  la  sapienza  e  la  saggezza;   4 la prudenza e la conoscenza sono suoi ministri, presso di lui è la longanimità e  l’abbondanza di perdoni     5 per espiare i convertiti dal peccato; ma forza, potenza e furore grande con  fiamme di fuoco 6 per mano di tutti gli angeli devastatori, contro tutti coloro che hanno deviato  dalla via e hanno detestato lo statuto: per essi non vi sarà né un resto     7 né uno scampo. Dio infatti non li ha scelti dall’antichità eterna; prima che  fossero formati egli conobbe     8 le loro opere, detestò le generazioni a causa del sangue, nascose il suo volto  dalla faccia della terra,     9 da Israele, fino alla loro distruzione; egli conobbe gli anni della loro esistenza,  il numero e la data esatta dei tempi determinati per tutti     10 gli eventi dei secoli, i fatti futuri, tutto ciò che accade a suo tempo per tutti gli  anni eterni.    11 E in tutti questi (tempi) si è suscitato uomini notabili per lasciare uno scampo  alla terra e riempire 12 la superficie del mondo con la loro discendenza; egli li istruì per mezzo degli  unti del suo spirito di sanità e dei veggenti 13 della verità, e con precisione determinò i loro nomi; ma fece smarrire quelli  che odia.    14 Ed ora, figli, ascoltatemi ed io scoprirò i vostri occhi affinché possiate vedere  e comprendere le opere     15 di Dio, scegliere quanto gli è gradito e respingere ciò che odia, camminare  alla perfezione    16 in tutte le sue vie senza sgarrare secondo i desideri dell’istinto colpevole e  degli occhi lussuriosi. Poiché molti,     17 a causa di essi si sono smarriti, e hanno vacillato, a causa di essi, valenti eroi,  dai tempi antichi ad oggi; avendo camminato nell’ostinazione     18 del loro cuore, caddero i vigilanti del cielo; furono presi, a causa di essi,  perché non avevano osservato gli ordini di Dio,     19 e (a causa di essi) caddero i loro figli la cui altezza uguagliava quella dei cedri  e i cui corpi erano come le montagne; 20 ogni carne che era sulla terra asciutta spirò, essi divennero come se non  fossero mai esistiti, essendosi comportati     21 secondo la loro volontà e non avendo osservato gli ordini del loro fattore, fino  a quando arse contro di essi la sua ira. Capitolo 3 1 A causa di essi si sono smarriti i figli di Noè e le loro famiglie, a causa di essi  furono recisi.  2 Abramo non camminò così e fu fatto amico, avendo osservato gli ordini di Dio  e non avendo scelto  3 la volontà del suo spirito. Egli li trasmise a Isacco e a Giacobbe, i quali li osservarono e furono iscritti come amici   4 di Dio e partecipi del patto per sempre. Ma a causa di essi si sono smarriti i  figli di Giacobbe e furono puniti secondo  5 il loro errore. I loro figli, in Egitto, camminarono nell’ostinazione del loro  cuore, complottando contro  6 gli ordini di Dio e facendo ciascuno ciò che pareva buono ai suoi occhi; essi  mangiarono il sangue e furono recisi,  7 nel deserto, i loro maschi. E allorché disse loro nel deserto di Qadesh: ―Salite a  prendere possesso della terr, essi seguirono il parere del loro spirito, non  ascoltarono     8  la  voce  del  loro  fattore,  (non  osservarono)  gli  ordini  del  loro  maestro  e  mormorarono nelle loro tende: la collera di Dio arse allora 9 contro la loro assemblea. A causa di ciò perirono i loro figli, a causa di cio  furono recisi i loro re, a causa di cio, perirono 10 i loro eroi, a causa di ciò fu devastata la loro terra, a causa di cio, si resero  colpevoli i primi che entrarono nel patto, e furono consegnati 11  alla  spada,  poiché  avevano  abbandonato  il  patto  di  Dio  e  scelto  la  loro  volontà, si erano lasciati trascinare dall’ostinazione 12  del  loro cuore  facendo  ognuno  la  propria  volonta. Ma  con  coloro  che  perseverarono negli ordini di Dio, 13 quelli di loro che erano rimasti, Dio stabilì il suo patto con Israele, per  sempre, rivelando 14 loro le cose nascoste a proposito delle quali si era smarrito tutto Israele: i suoi  sabati santi e i suoi gloriosi tempi stabiliti,  15 le testimonianze della sua giustizia e le vie della sua verità, i desideri del suo  beneplacito che 16 l’uomo deve compiere per vivere grazie ad essi; svelò (tutto questo) davanti a  loro ed essi scavarono un pozzo dalle acque abbondanti: 17  chi  le  disprezza  non  vivra.  Si  erano  contaminati  con  la  trasgressione  dell’uomo e con le vie impure, 18 avevano detto: ―Questo è nostro!. Ma nei suoi meravigliosi misteri, Dio  cancellò la loro iniquità, tolse la loro trasgressione  19 ed edificò per essi una casa sicura in Israele, quale prima non era mai esistita  fino ad ora. 20 Coloro che persevereranno in essa (avranno) vita eterna, e sarà loro tutta la  gloria di Adamo, come  21 Dio aveva stabilito in loro favore per mezzo del profeta Ezechiele, dicendo: ―I  sacerdoti, i leviti e i figli Capitolo 4 1  di  Sadoc,  che  hanno  curato  la  custodia  del  mio  santuario  durante  il  traviamento dei figli di Israele 2 lontano da me, essi mi offriranno grasso e sangue. I sacerdoti sono i convertiti  di Israele     3 usciti dal paese di Giuda, e i leviti sono coloro che si uniscono ad essi; i figli di  Sadoc sono gli eletti  4 di Israele, uomini notabili che si mantengono (al suo servizio) alla fine dei  giorni. Ecco la lista precisa  5 dei loro nomi secondo la loro genealogia, il tempo preciso della loro esistenza,  il numero delle loro prove, gli anni  6 del loro esilio e la lista delle loro opere. Sono gli antenati santi ai quali  7 Dio ha perdonato; essi hanno dichiarato giusto il giusto e hanno dichiarato  empio l’empio; e poi tutti coloro che sono entrati (nel patto) dopo di essi   8 comportandosi secondo il preciso tenore della legge, quel (tenore) nel quale  erano stati provati gli antenati fino al compimento   9 del tempo preciso di quegli anni. Secondo il patto che Dio ha sancito con gli  antenati perdonano 10 le loro iniquità, così Dio perdonerà ad essi. E al compimento del tempo  preciso, in base al numero di quegli anni,  11 non vi sarà più associazione con la casa di Giuda; ognuno se ne stara 12 al suo posto di vedetta. La muraglia è stata eretta, ma la frontiera è̀stata  portata lontano. In tutti quegli anni,  13  Belial  sarà  lasciato  andare  contro  Israele  come  Dio  disse  per  opera  dei  profeta Isaia, figlio 14 di Amos: ―Terrore, trabocchetto e tranello per te, abitante della terra.  L’interpretazione di questo  15 si riferisce alle tre reti di Belial delle quali ha parlato Levi, figlio di Giacobbe;  16 e con esse che ha accalappiato Israele e ha posto davanti a loro come tre  specie   17 di giustizia: la prima è la lussuria, la seconda sono le ricchezze, la terza  18 è la contaminazione del santuario. Chi sfugge a questa incappa in quella, e chi  si salva da quella incappa in questa. 19 I costruttori del muro, quelli che hanno seguito Saw ( illusione ), il Saw vaticinatore  20 del quale egli disse: ―Non fanno che vaticinare, sono stati accalappiati dalla lussuria su due punti: sposando 21 due donne mentre sono (ambedue) viventi, quando invece il principio della  creazione è: ―Maschio e femmina li creo. Capitolo 5 1 E coloro che entrarono nell’arca, ―entrarono a due a due nell’arca. Sul  principe sta scritto:   2 ―Non dovrà moltiplicare le sue donne. David non aveva letto nel libro sigillato  della legge che 3 si trovava nell’arca, non essendo stato aperto, in Israele, dal giorno in cui  morirono Eleazaro, 4 Giosuè e gli anziani, quando si iniziò a servire le Astarot; esso rimase celato 5 (e non) fu manifestato fino all’avvento di Sadoc; così le opere di David salirono  (a Dio), ad eccezione del sangue di Uria, 6 e Dio gliele condonò. Inoltre hanno contaminato il santuario, in quanto 7 non hanno fatto le distinzioni in conformità della legge: giacciono con colei che  vede il sangue del suo flusso, e ognuno sposa 8 la figlia di suo fratello o la figlia di sua sorella. Ma Mosè disse: ―Alla 9 sorella di tua madre non ti avvicinare, è carne di tua madr. La legge contro  gli incesti è per i maschi  10 che fu scritta, ma si applica anche alle donne, e se la figlia di un fratello  scopre la nudità del fratello  11 di suo padre, che è carne… Inoltre hanno profanato il loro spirito santo e con  una lingua  12 blasfema hanno aperto la bocca contro gli statuti del patto di Dio, dicendo: ―Non hanno fondamento! E una abominazione 13 proferiscono contro di essi. Sono tutti attizzatori di fuoco e accenditori di  brace.  14 Tele di ragno sono le loro tele e uova di vipere le loro uova. Chi si avvicina ad  essi 15 non resterà impunito, ogni volta che lo fa si rende colpevole, a meno che sia  costretto. Poiché anche anticamente Dio ha visitato     16 le loro opere e si accese la sua collera contro i loro misfatti. ―Giacché non  sono un popolo intelligente;  17 sono una nazione sprovvista di senno, in essi non v’è intelligenza. Poiché  anticamente sorsero     18 Mosè e Aronne per mezzo del principe delle luci, ma Belial suscitò Jahaneh e  19 suo fratello, nella sua astuzia, quando Israele fu salvato per la prima volta. 20 E  al tempo  determinato della desolazione della  terra, sorsero  coloro che  spostano i confini, e hanno fatto deviare Israele; 21 la terra fu devastata perché predicavano la ribellione contro i precetti di Dio  (dati) per mezzo di Mosè e anche Capitolo 6 1 (per mezzo) degli unti santi, e profetavano menzogne per distogliere Israele dal  seguire Dio.  2 Ma Dio si è ricordato del patto con gli antenati ed ha suscitato da Aronne  uomini intelligenti, e da Israele  3 persone sagge; fece udire loro (la sua voce); ed essi hanno scavato il pozzo:  ―Pozzo scavato dai principi, scavato  4 da nobili del popolo con il bastone. Il pozzo è la legge e quelli che l’hanno scavato 5 sono i convertiti d’Israele, coloro che sono usciti dalla terra di Giuda e si sono  esiliati nella terra di Damasco;   Dio li ha chiamati tutti principi, perché l’hanno cercato e la loro fama, non è  stata contestata  7 dalla bocca di alcuno. Il bastone è l’interprete della legge, del quale  8 Isaia ha detto: ―Ha fabbricato uno strumento per la sua opera. I nobili del  popolo, sono  9 coloro che vengono a scavare il pozzo per mezzo dei precetti, che ha prescritto  il legislatore  10 affinché camminino in essi per tutto il tempo dell’empietà; e senza di essi non  perverranno (a scavare) fino all’avvento  11 di un maestro della giustizia, alla fine dei giorni. E tutti coloro che sono stati  introdotti nel patto 12 non entreranno nel santuario ad accendere, in vano, il suo altare: sarete  coloro che chiudono  13 la porta; dei quali Dio disse: ―Chi di voi chiuderà la sua porta? Non accenderete piu, invano, il mio altare. 14  Certo,  cureranno:  di  agire  secondo  l’esatto  tenore  della  legge  nel  tempo  determinato dell’empieta, di separarsi 15 dai figli della fossa; di preservarsi dalle ricchezze inique e impure a causa di  un voto o di un anatema  16 e dalle ricchezze del santuario, derubando i poveri del suo popolo, facendo  delle vedove la loro preda, 17 assassinando gli orfani; di distinguere tra il puro e l’impuro e di insegnare la  differenza tra 18 il sacro e il profano; di osservare il giorno del sabato, secondo il suo tenore  preciso, i tempi stabiliti     19 e il giorno di digiuno secondo la disposizione di coloro che sono entrati nel  nuovo patto nella terra di Damasco;  20 di prelevare le sacre offerte secondo le loro precise determinazioni; di amare  ognuno il suo fratello 21  come  se stesso;  di  sostenere  la  mano  del  povero,  dell’indigente  e  dello  straniero; di cercare ognuno la pace  Capitolo 7 1 del suo fratello, di non essere infedele, ognuno, verso la carne della sua carne;  di preservarsi dalla lussuria,  2 secondo il comandamento; di correggere ognuno il suo fratello secondo la  disposizione; di non conservare rancore  3  da  un  giorno  all’altro;  di  astenersi  da  tutte  le  impurità,  secondo  la  loro  disposizione, e di non contaminare  4 ognuno il suo spirito santo, secondo la divisione fatta loro da Dio. Per tutti  coloro che camminano  5 in queste (norme) con perfetta santità conforme a tutte le sue obbligazioni, il  patto di Dio sarà per loro un’assicurazione 6 che vivranno per mille generazioni. Se abitano negli accampamenti secondo la  regola della terra, prendano 7 moglie e generino figli, camminino in conformità della  legge e secondo le  prescrizioni 8 delle obbligazioni, secondo la regola della legge, come disse: ―Circa i rapporti  tra marito e moglie e tra padre     9 e figlia. Ma tutti coloro che disprezzano gli ordini e gli statuti, attireranno su  di sé la retribuzione degli empi allorche Dio visiterà̀ la terra, 10 allorché si realizzera la parola scritta nelle parole del profeta Isaia, figlio di  Amos, 11 che disse: ―Verranno su te, sul tuo popolo e sulla casa di tuo padre giorni  quali  12 non vennero dal giorno in cui Efraim si staccò da Giuda. Allorché si  separarono le due case di Israele,  13 Efraim si sottrasse da Giuda e tutti i traditori furono abbandonati alla spada,  mentre coloro che resistettero14 si erano rifugiati nella terra del nord, egli ha detto: ―Deporterò la sikkut del  vostro re     15 e il kijjun delle vostre immagini e la stella del vostro Dio dalla mia tenda, a  Damasco. I libri della Legge sono la sukkat 16 del re, come ha detto: ―Rialzerò la caduta sukkat di David; il re 17 è l’assembramento e il kijjun delle immagini sono i libri dei profeti 18 dei quali Israele ha disprezzato le parole; e la stella è l’interprete della legge  19 che verrà a Damasco, come è scritto: ―Una stella si fa strada da Giacobbe e  uno scettro si leva     20 da Israele. Lo scettro è il principe di tutta l’assemblea, e al suo avvento    21 tutti i figli di Set. Questi erano stati risparmiati nel tempo della prima visita Capitolo 8 1 ma i traditori furono riservati per la spada. Questo sarà il destino di coloro che  sono entrati nel suo patto, ma  2  non  saranno  costanti  in  queste  (obbligazioni),  allorché  li  visiterà  per  lo  sterminio ad opera di Belial. E‘ il giorno  3 in cui Dio, come ha detto, farà la sua visita: ―Coloro sui quali si spanderà il  furore sono i principi di Giuda. 4 Perché sperano nella guarigione, ma egli frantumerà tutti i rivoltosi poiché  non si sono allontanati dalla via 5 dei traditori, si sono contaminati nelle vie della lussuria e nella ricchezza  iniqua, si sono vendicati e hanno conservato rancore, 6 ognuno al suo fratello, ognuno ha odio il suo prossimo, ognuno ha negato il  suo aiuto a quello della sua carne, 7 hanno avuto commerci vergognosi, hanno fatto i forti in vista delle ricchezze e  del guadagno, ognuno ha fatto ciò che pareva buono ai propri occhi,  8 ognuno ha scelto l’ostinazione del suo cuore, e non si sono separati dal popolo,  ma deliberatamente agirono senza alcun freno 9 camminando nella via degli empi, dei quali Dio disse: ―Il loro vino è un tossico  di serpenti 10 e violento veleno di vipere. I serpenti sono i re delle nazioni il loro vino sono 11 le loro vie; il veleno di vipere è il capo dei re di Jawan, venuto per compiere 12  su  di  essi  la  vendetta.  Ma  essi  non  hanno  compreso  tutto  ciò,  questi  costruttori di mura e arricciatori di intonaco, giacche 13 colui che pesa il vento e vaticina menzogne aveva loro vaticinato che la collera  di Dio si sarebbe accesa contro tutta la sua assemblea.  14 Ma come ha detto Mose : ―Non è per la tua giustizia, né per la rettitudine del  tuo cuore, che tu entri in possesso  15 di queste nazioni, ma per merito del suo amore verso i tuoi padri e perché egli  ha mantenuto il giuramento, 16 tale è il giudizio sui ritornati di Israele che si sono allontanati dalla via del  popolo. A motivo dell’amore di Dio verso 17 gli antenati che testimoniarono in suo favore, egli ama coloro che sono venuti  dopo di essi; ad essi, infatti, (appartiene) 18 il patto dei padri. Ma a motivo del suo odio verso i costruttori del muro, si  accese la sua collera.19 Così è di chiunque disprezza le prescrizioni di Dio, le abbandona e si rivolta  con cuore ostinato.  20 Questa è la parola detta da Geremia a Baruc, figlio di Nerija e da Eliseo 21 al suo servo Ghehazi. Tutti gli uomini che sono entrati nel nuovo patto, nella  terra di Damasco, ma se ne sono poi ritornati, hanno tradito e si sono allontanati  dal pozzo delle acque vive. Capitolo 9 1 In tutti i casi in cui si pronuncerà un anatema contro un uomo, quest’uomo  sarà messo a morte secondo gli statuti delle nazioni. 2 A proposito di quanto ha detto: ―Non vendicarti e non serbare rancore verso i  figli del tuo popolo, colui che è̀ entrato     3 nel patto e adduce un’accusa contro il suo prossimo senza averlo (prima)  rimproverato davanti a testimoni 4 o la sostiene con collera ardente o la riferisce ai suoi anziani per attirare su di  lui il disprezzo, costui è uno che si vendica e conserva rancore;  5 ma non sta scritto altro che: ―Egli si vendica dei suoi avversari e serva  rancore per i suoi nemici. 6 Se conserva il silenzio verso il suo prossimo un giorno dopo l’altro e parla (poi)  contro di lui con collera ardente, è un’accusa di morte 7 che egli adduce contro sé stesso, non adempiendo gli ordinamenti di Dio, il  quale gli disse: ―Riprenderai  8 francamente il tuo prossimo e così non avrai a causa sua, la responsabilità di  un peccato. A proposito del giuramento, siccome 9 ha detto: ―Non ti farai giustizia di tua propria mano, colui che fa giurare in  campagna,  10 senza la presenza dei giudici o senza la loro disposizione, costui si fa giustizia  di sua propria mano. Allorché qualche oggetto è perduto, 11 senza che si sappia chi l’ha rubato dal patrimonio del campo ove fu rubato, il  suo proprietario sarà fatto giurare     12 con giuramento imprecatorio: chiunque l’ascolta e, pur conoscendolo, non  rivela (il ladro) sarà colpevole. 13 Ogni oggetto acquisito illegittimamente deve essere restituito: qualora non vi  sia proprietario, colui che restituisce confesserà (la sua colpa) al sacerdote,  14  al  quale  apparterrà  poi  tutto,  ad  eccezione  del  capro  del  sacrificio  di  riparazione. Così ogni oggetto perduto che sarà ritrovato senza  15 che se ne scopra il proprietario andrà ai sacerdoti, poiché colui che l’ha  trovato non conosce a chi appartenga legittimamente;     16 qualora non si trova il suo proprietario, essi custodiranno ogni cosa. Se uno  commette una infrazione 17 contro la legge ed è visto dal suo vicino, ma questo è solo: se si tratta di un  caso passibile di morte, il testimonio lo denunziera 18 in sua presenza, all’ispettore, riprendendolo; l’ispettore lo scriverà di sua  mano in attesa che ne commetta  19  ancora  davanti  a  un  solo  (testimone)  e  questo  lo  denunci  nuovamente  all’ispettore: se è recidivo e colto in fallo davanti 20 a un solo (testimone), il suo caso è giuridicamente completo. Se sono due a  testimoniare su 21 di uno stesso fatto, il colpevole sarà escluso dalla purificazione, a condizione  che i testimoni siano degni di fede.  22 Nello stesso giorno in cui una persona lo vede, deve denunziarlo all’ispettore. Se si tratta di beni, per essere accolti, 23 i testimoni degni di fede devono essere due; sulla (testimonianza) di uno solo  si può escludere dalla purificazione. Non sarà accolto Capitolo 10 1 dai giudici un testimonio solo, condannando a morte sulla sua parola, qualora  non abbia raggiunto l’età richiesta per passare  2 tra i recensiti che temono Dio. Nessuno sia giudicato degno di fede contro il suo  prossimo,3 come testimonio, se ha trasgredito deliberatamente qualche ordinamento, fino  a quando non sia purificato con il ritorno. 4 Questa è la regola per i giudici dell’assemblea. Devono essere dieci uomini  scelti 5 dall’assemblea per un tempo determinato: quattro per la tribù di Levi e di  Aronne, e da Israele sei.    6 Devono essere istruiti nel libro della meditazione e nelle obbligazioni del patto,  in un’età compresa tra i venticinque  7 e i sessant’anni; al di là di sessant’anni non resterà  8  più  in  funzione  per  giudicare  l’assemblea,  giacché  a  causa  dell’infedeltà  dell’uomo, 9 i suoi giorni sono stati diminuiti e nell’ardore della sua ira contro gli abitanti  della terra, Dio decise di privarlo della sua   10  intelligenza  prima  del  compimento  dei  suoi  giorni. A  proposito  della  purificazione con l’acqua. Nessuno 11 si lavi in acque sporche o insufficienti a coprire interamente un uomo. 12 Con quest’acqua non si purifichi un vaso. Ogni pozza (scavata) nella roccia,  non avente la quantità d’acqua sufficiente     13 per coprire interamente (un uomo), se è toccata da un essere impuro le sue  acque diventano come (avverrebbe alle) acque di un vaso.  14 A proposito del sabato per osservarlo secondo la norma dovuta. Nessuno  farà, nel giorno     15 sesto, opera alcuna a partire dal momento in cui il disco solare 16 si è allontanato pienamente dalla porta; poiché è ciò che egli disse: ―Osserva  il 17 giorno del sabato per santificarlo. Nel giorno di sabato, nessuno dica una  parola  18 insensata  o  vana,  non  impresti  qualcosa  al  suo  prossimo,  né  discuta  a  proposito di beni e di guadagni, 19 non parli di questioni di lavoro né di servizi da fare all’indomani; 20 nessuno, di sabato, esca nella campagna per fare il servizio che gli è gradito, 21 né esca fuori della sua città oltre i mille cubiti; 22 nel giorno di sabato, nessuno mangi se non quando è stato preparato o è stato  lasciato  23 in campagna; non mangi e non beva se non ciò che è nell’accampamento. Capitolo 11 1 Se, in cammino, uno scende per bagnarsi, può bere là ove sta, ma non può  attingere con alcun vaso.     2  Nel  giorno  di  sabato,  non  si  mandi  uno  straniero  a  compiere  quanto  si  desidera;   3 nessuno indossi abiti sporchi o portati in un magazzino, senza     4 che siano lavati in acqua e strofinati nell’incenso. Nessuno, di sua volontà,  installi un ‘erub, 5 di sabato. Nessuno segua il bestiame pascolandolo fuori della propria città, per  più 6 di duemila cubiti; ne alzi la sua mano per colpire con un pugno; se  7 una bestia e testarda, non la si lasci uscire di casa sua. Nessuno trasporti  qualcosa dalla casa  8 all’esterno, o dall’esterno nella casa. Anche se si è in una capanna, da essa non  si trasporti nulla  9 e non si faccia entrare nulla in essa. Di sabato non si apra un vaso chiuso con  intonaco. Nessuno porti 10 su di sé profumi, andando e venendo di sabato; nella casa ove abita, uno non  sollevi  11 né una pietra né della terra.  La  balia non  sollevi il lattante, andando e venendo di sabato. 12 Nessuno di sabato, amareggi il suo servo, la sua serva, il suo salariato.13 Nel giorno di sabato, nessuno aiuti una bestia a partorire e se cade in una  cisterna  14 o in una fossa, di sabato, non la si tiri su. Nessuno celebri il sabato in un luogo  vicino ai gentili. 15 Di sabato, nessuno profani il sabato a motivo di ricchezze e di guadagni.  16 Se una qualsiasi persona cade in un luogo (pieno) d’acqua o in un (altro)  luogo,  17 nessuno la faccia salire con una scala, con una corda o con un qualsiasi altro  oggetto. Di sabato, nessuno faccia salire qualcosa sull’altare 18 ad eccezione dell’olocausto del sabato. Cosi infatti sta scritto: ―Tranne i vostri  sabati. Nessuno invii19 all’altare un olocausto, un’oblazione, incenso e legno per mezzo di qualcuno  che è impuro da una  20 qualsiasi impurità, permettendogli così di contaminare l’altare; giacché sta  scritto: ―Il sacrificio 21 degli empi e una abominazione, mentre la preghiera dei giusti è come una  gradita oblazione. Chiunque entra nella 22 casa della prostrazione, non entri con una impurità da abluzione. E quando  suoneranno le trombe dell’assembramento,    23 se in anticipo o in ritardo, non cesseranno da tutto il servizio: è infatti un  servizio sacro. Capitolo 12 1 Nessuno giaccia con una donna nella città del santuario contaminando così 2 la città del santuario con la loro impurita. Ogni persona sulla quale dominano  gli spiriti di Belial  3  e  pronuncia  parole  di  rivolta  sarà  giudicata  con  lo  stesso  giudizio  del  negromante e dell’indovino. Ogni persona che sgarra  4  profanando  il  sabato  e  i  tempi  stabiliti  non  sarà  messa  a  morte,  bensì  incomberà agli uomini 5 la sua custodia: e se da questo guarirà, la custodiranno ancora per sette anni e  dopo  6 rientrerà nell’assembramento. Non si stenda la mano per versare il sangue dei  gentili 7 a motivo di ricchezza e di guadagni, né si prenda alcuno dei loro beni affinché  essi non     8 bestemmino, a meno che vi sia un ordine del consiglio di Israele. Nessuno venda un animale domestico  9 e un uccello puri ai gentili affinché essi non li sacrifichino. Dal suo granaio,  10 e dal suo pressoio non venderà loro nulla per alcun motivo. Né venderà loro il  suo schiavo e la sua schiava, 11 essendo entrati con lui nel patto di Abramo. Nessuno si contamini 12 con un qualsiasi animale ed essere strisciante mangiandone, dalle larve delle  api a tutti gli esseri 13 viventi che strisciano nell’acqua. Non si mangeranno pesci se non sono stati  aperti  14 vivi e versato il loro sangue. Tutte le specie di cavallette saranno messe nel  fuoco o nell’acqua 15 mentre sono vive: tale è infatti l’ordine conforme alla loro natura. Ogni legno,  pietra 16 o terra che siano state contaminate da una impurità umana (derivata) da  impurità di olio: come essi, secondo  17 la loro impurità, diventerà impuro chiunque li tocchi. Ogni strumento, chiodo  e gancio sul muro 18 che si troverà in casa con un morto diventerà impuro dell’impurità di uno  strumento di lavoro.19  Regola  di  abitazione  per  le  città  di  Israele:  secondo  queste  sentenze  distingueranno tra     20  l’impuro  e  il  puro,  e  faranno  conoscere  (la  distinzione)  tra  il  sacro  e  il  profano. E questi sono gli statuti 21 per il saggio affinché cammini in essi con tutti i viventi secondo la norma  corrispondente a ogni tempo. In conformità 22  di  questa  norma  camminerà  tutta  la  stirpe  di  Israele  e  cosi  non  sarà  maledetta. E questa è la regola di abitazione 23 per gli accampamenti. Cammineranno in essa nel tempo determinato dell’empietà, fino all’avvento del messia di Aronne Capitolo 13 1  e  di  Israele,  in  gruppi  di  almeno  dieci  uomini:  per  migliaia,  centinaia,  cinquantine  2 e decine. Nel luogo di dieci persone non manchi un sacerdote istruito nel libro  della meditazione: al  3 suo parere, tutti loro si piegheranno. Ma se egli non è affatto esperto in tutte  queste cose, bensì c’è un levita esperto  4 in queste cose, la sorte di tutti i membri dell’accampamento dipenderà dal suo  parere per andare e venire. Ma se     5 in qualcuno si presenta (il caso) di un giudizio riguardante la legge della  lebbra, verrà il sacerdote, resterà nell’accampamento e l’ispettore l’istruira 6 sul tenore preciso della legge; ed anche se egli è un semplice di spirito, è a lui  che spetta isolarlo; poiché è ad essi che spetta la sentenza.    7 E questa è la regola per l’ispettore dell’accampamento. Istruirà i molti nelle  opere     8 di Dio, insegnerà ad essi le sue meravigliose gesta e narrerà davanti a loro gli  eventi eterni con franchezza. 9 Verso di loro sarà comprensivo come un padre verso i suoi figli e ricondurre  tutti i dispersi come un pastore il suo gregge.  10 Scioglierà tutte le catene che li avvincono, affinché nella sua assemblea non vi  sia piu né oppresso, né affranto. 11 Egli  esaminerà  le  azioni,  l’intelligenza,  la  forza,  il  coraggio  e  i  beni  di  chiunque aderisce alla sua assemblea; 12  lo  si  iscriverà  al  suo  posto,  in  base  alla  sorte  della  verita.  Tra  i  figli  dell’accampamento 13 nessuno si arroghi il diritto di introdurre qualcuno nell’assemblea senza il parere dell’ispettore dell’accampamento. 14 E nessuno di coloro che sono entrati nel patto di Dio intrattenga commercio  con i figli della fossa, eccetto  15 (trattando) da mano a mano; nessuno faccia contratto di acquisto e di vendita  senza renderlo noto     16 all’ispettore dell’accampamento, farà un contratto e non…17 del consiglio. Così sarà per colui che è espulso e colui… 18 gli risponderanno e con benevolo amore non manterrà rancore verso di loro…  19 e colui che non è avvinto…20 Questa è (la regola) di abitazione per gli accampamenti per tutto il tempo  determinato dell’empietà: coloro che 21 in queste (norme) non persevereranno non perverranno ad abitare sulla terra  nell’avvento del messia di Aronne e di Israele, 22 alla fine dei giorni. Queste sono le norme per il saggio… affinché cammini in  esse con tutti i viventi fino a quando 23 Dio visiterà la terra, secondo quanto ha detto: ―Farà venire su di te, sul tuo  popolo e sulla casa di tuo padre, giorni Capitolo 14 1 quali non sono venuti dal giorno in cui Efraim si è separato da Giuda. E per  tutti coloro che camminano in esse, 2 il patto di Dio è l’assicurazione che li libererà da tutte le insidie della fossa,  mentre gli insensati saranno puniti. 3  Regola  di  abitazione  per  tutti  gli  accampamenti. Tutti  saranno  recensiti  secondo il loro nome: prima i sacerdoti, 4 in secondo luogo i leviti in terzo luogo i figli di Israele, in quarto luogo i  proseliti. Saranno scritti secondo il loro nome 5 l’uno dopo l’altro: prima i sacerdoti, in secondo luogo i leviti, in terzo luogo i  figli   6  di  Israele,  in  quarto  luogo  i  proseliti.  Così  siederanno  e  così  saranno  interrogati su di ogni cosa. Il sacerdote che recensira 7 i molti avrà dai trenta ai sessant’anni, sarà istruito nel libro 8 della meditazione e in tutte le sentenze della legge per guidarli secondo le loro  norme. L’ispettore di 9 tutti gli accampamenti avrà dai trenta ai cinquanta anni, la padronanza di  ogni 10 segreto umano e di ogni lingua delle loro famiglie. I membri dell’assemblea  entreranno dietro il suo parere, 11 ognuno  al suo turno. Tutte le cose che ogni uomo avrà da  dire, le dirà  all’ispettore, 12 a proposito di qualsiasi lite e sentenza. Questa è la regola  dei molti per  sovvenire a tutti i loro bisogni. Il salario  13 di almeno due giorni ogni mese lo rimetteranno nella mano dell’ispettore e dei  giudici.  14 D’onde una parte sarà data agli orfani; con una parte sosterranno la mano  del povero, dell’indigente, del vecchio che 15 si spegne, dell’uomo errante o del prigioniero in una nazione straniera, della  vergine 16 che non ha protettore, e dell’orfano del quale nessun si interessa. Tutto il  servizio delle loro mani e non…17 E questa è la norma di abitazione… 18 E questa è la norma delle norme secondo le quali cammineranno nell’epoca 19 dell’empietà fino all’avvento del messia di Aronne e di Israele per espiare la  loro iniquità… 20 a proposito di denaro, e pur sapendolo…   21 sarà punito con sei giorni; e colui che parla… 22 non secondo giustizia, sarà punito con un anno… Capitolo 15 1 Non giurerà né per ―alef e ―lamed, né per ―alef e ―dalet, ma (giurerà) con  il giuramento…2 per le maledizioni del patto, senza menzionare la legge di Mosè, poiché… 3 se giura e poi viola, profana il nome. Se invece uno giura per le maledizioni del  patto davanti     4 ai giudici e poi viola (il giuramento), si rende colpevole di un delitto: se lo  confesserà e riparerà, non si addosserà un peccato e non 5 saràmesso a morte. Allorche uno entra nel patto destinato a tutto Israele quale  statuto eterno, con i suoi figli che hanno raggiunto l’eta 6 per passare tra i recensiti, si impegneranno con il giuramento del patto. 7 Questa è la norma per tutto il tempo determinato dell’empietà per chiunque  ritorna dalla sua via corrotta. Nel giorno in cui avrà parlato  8 con l’ispettore dei molti, lo recensiranno con il giuramento del patto sancito  9 da Mosè con Israele, patto del ritorno alla legge di Mose con tutto il cuore e  con tutta  10  l’anima  per  tutto  quanto  si  troverà  da  compiere  per  tutto  il  tempo  determinato dell’empietà. Nessuno gli farà conoscere 11 le sentenze fino a quando non si sarà presentato davanti all’ispettore, per  timore che quando l’esaminera lo giudichi semplice. 12 Una volta che si è impegnato a ritornare alla legge di Mosè con tutto il cuore e con tutta l’anima,  13 ci si allontanera da lui qualora tradisca. E tutto ciò che è stato rivelato dalla  legge per la conoscenza… 14 l’ispettore darà ordine a suo proposito…   15 fino ad un anno intero in base a……. 16……. 17 Le persone stupide, sciocche, folli, dementi, cieche e storpie, zoppe, sorde,  minorenni non entreranno in seno all’assemblea, poiche gli angeli santi stanno in  mezzo ad essa… Capitolo 16 1 un patto con voi e con tutto Israele. Perciò ognuno si impegnerà per la sua vita  a ritornare alla     2 legge di Mosè; in essa infatti tutto è stabilito con precisione. E la spiegazione  esatta dei tempi determinati per l’accecamento     3 di Israele verso tutte queste cose, ecco che è indicato con precisione nel libro  delle divisioni dei tempi 4 secondo i loro giubilei e le loro settimane (di anni). Nel giorno in cui l’uomo si  impegnerà per la sua vita a ritornare  5 alla legge di Mosè, se manterrà le sue parole, si discosterà da lui l’angelo  dell’ostilita.  6 E‘ per questo che Abramo si circoncise nel giorno in cui lo seppe.A proposito  di ciò che disse: ―Quanto esce dalle tue labbra 7 tu lo osserverai e l’eseguirai: da ogni giuramento obbligatorio con il quale  uno si impegna per la sua vita     8 a praticare qualche punto della legge non ci si dispensi mai, a costo di morire;  ma ogni 9 impegno con il quale uno si sia impegnato per la sua vita a discostarsi dalla  legge, non lo si deve mantenere a costo di morire. 10 A proposito del giuramento della donna. Quanto ha detto: ―Spetta a suo  marito di annullare il suo giuramento; 11 il marito non annulli un giuramento di cui ignora se deve essere eseguito o se  deve essere annullato.     12 Ma se si tratta di trasgredire il patto, allora l’annulli e non l’eseguisca. Tale  norma vale anche per suo padre. 13 A proposito della norma sui doni spontanei. Un uomo non voti all’altare  qualcosa acquisito illegalmente. Ed anche  14 i sacerdoti non accettino da Israele qualcosa acquisito illegalmente. Nessuno  consacri il cibo 15 della sua bocca a Dio, giacché egli è colui che disse: ―Si danno la caccia l’un  l’altro con l’anatema.  16 E non si consacri nulla di tutto… sua proprieta, 17 consacrerà… sarà punito 18 colui che voterà… 19 al giudice…Capitolo 19 1 (Il patto di Dio) è per essi l’assicurazione che vivranno per mille generazioni  come è scritto: ―Mantiene il patto e la benevolenza     2 verso coloro che lo amano e osservano i suoi precetti per mille generazioni. Se  abitano negli accampamenti secondo la regola 3 della terra che c’e dall’antichita, e prendono moglie secondo la norma della  legge e generano figli,4 camminino in conformità della legge e secondo la sentenza delle obbligazioni,  secondo la regola della legge,  5 come disse: ―Circa i rapporti tra marito e moglie e tra padre e figlio. Ma tutti  coloro che disprezzano le prescrizioni   6 e gli statuti, attireranno su di sé la retribuzione degli empi allorché Dio visiterà  la terra,  7 quando verrà la parola scritta da Zaccaria profeta: ―Destati, spada, contro  8 il mio pastore e contro l’uomo che mi è associato, oracolo di Dio! Percuoti il  pastore e sarà disperso il gregge, 13 A proposito della norma sui doni spontanei. Un uomo non voti all’altare  qualcosa acquisito illegalmente. Ed anche 14 i sacerdoti non accettino da Israele qualcosa acquisito illegalmente. Nessuno  consacri il cibo 15 della sua bocca a Dio, giacché egli è colui che disse: ―Si danno la caccia l’un  l’altro con l’anatema.16 E non si consacri nulla di tutto… sua proprietà,17 consacrerà… sarà punito   18 colui che voterà… 19 al giudice… Capitolo 19    1 (Il patto di Dio) è per essi l’assicurazione che vivranno per mille generazioni  come è scritto: ―Mantiene il patto e la benevolenza    2 verso coloro che lo amano e osservano i suoi precetti per mille generazioni. Se  abitano negli accampamenti secondo la regola 3 della terra che c’è dall’antichità, e prendono moglie secondo la norma della  legge e generano figli,  4 camminino in conformità della legge e secondo la sentenza delle obbligazioni,  secondo la regola della legge,  5 come disse: ―Circa i rapporti tra marito e moglie e tra padre e figlio. Ma tutti  coloro che disprezzano le prescrizioni   6 e gli statuti, attireranno su di sé la retribuzione degli empi allorché Dio visiterà  la terra, 7 quando verrà la parola scritta da Zaccaria profeta: ―Destati, spada, contro 8 il mio pastore e contro l’uomo che mi e associato, oracolo di Dio! Percuoti il  pastore e sarà disperso il gregge, 9 ed io volgerò la mia mano contro i piccoli. Quelli che gli prestano attenzione  sono i poveri del gregge.  10 Questi saranno risparmiati nell’epoca della visita, mentre i restanti saranno  dati alla spada, quando verrà il messia 11 di Aronne e di Israele, come fu nell’epoca della prima visita della quale disse 12 per mezzo di Ezechiele, di contrassegnare con un ―tau la fronte di coloro che  sospirano e gemono,  13 mentre i restanti furono riservati per la spada vendicatrice del patto.  Tale sarà il destino di tutti coloro che sono entrati    14 nel suo patto, ma non saranno costanti in questi statuti, quando li visiterà per  lo sterminio ad opera di Belial.  15 E‘ il giorno in cui Dio farà la sua visita, come ha detto: ―I principi di Giuda  sono come coloro che spostano il confine;  16 su di loro spanderò come acqua il mio sdegno. Giacché sono entrati nel patto  del ritorno,17 ma non si sono allontanati dalla via dei traditori, si sono contaminati nelle vie  della lussuria e nella ricchezza iniqua, 18 si sono vendicati e hanno conservato rancore ognuno al suo fratello, ognuno  ha odiato il suo prossimo, ognuno ha negato il suo aiuto 19 a quello della sua carne. Hanno avuto commerci vergognosi, hanno fatto i  forti in vista delle ricchezze e del guadagno, 20 ognuno ha fatto ciò che pareva buono ai suoi occhi, ognuno ha scelto l’ostinazione del suo cuore e non si sono preservati dal popolo 21  e  dal  suo  peccato,  ma  hanno  vissuto  deliberatamente  nella  licenza  camminando sulle vie degli empi, dei quali 22 Dio disse: ―Il loro vino e un tossico di serpenti e violento veleno di vipere. I  serpenti sono 23 i re delle nazioni; il loro vino sono le loro vie; il veleno di vipere è il capo  24 dei re di Jawan, venuto per compiere su di essi la vendetta. Ma essi non  hanno compreso tutto ciò, questi costruttori  25 di mura e arricciatori di intonaco; giacché egli insegue il vento, solleva le  tempeste e vaticina agli uomini   26  menzogne,  di  modo  che  la  collera  di  Dio  si  accese  contro  tutta  la  sua  assemblea. Ma come ha detto Mose 27 a Israele: ―Non è per la tua giustizia né per la rettitudine del tuo cuore, che tu  entri in possesso di queste nazioni,   ma per merito del suo amore verso i tuoi padri e perché ha mantenuto il  giuramento; cosi 29 è del giudizio sui ritornati di Israele che si sono allontanati dalla via del  popolo. A causa dell’amore di Dio verso gli antenati 30 che testimoniarono contro il popolo, in favore di Dio, egli ama coloro che sono  venuti dopo di essi; ad essi, infatti, appartiene     31 il patto dei padri. Ma a motivo del suo odio verso i costruttori del muro, la  sua collera si accese contro tutti  32 quelli che li seguono. Cosi e per chiunque disprezza le prescrizioni di Dio, 33 le abbandona e si rivolta con cuore ostinato; così tutti gli uomini che sono  entrati nel patto  34 nuovo, nel paese di Damasco, ma se ne sono poi ritornati, hanno tradito e si  sono allontanati dal pozzo delle acque vive: 35 non saranno contati nel convegno del popolo e non saranno scritti nel suo  registro dal giorno in cui fu tolto Capitolo 20 1 il maestro unico fino all’avvento del messia di Aronne e di Israele. Tale è pure la sentenza 2 per tutti coloro che sono entrati nell’assemblea degli uomini della perfetta  santità e si sono scoraggiati nella pratica dei precetti   3 dei giusti. Questi e l’uomo fuso in mezzo al crogiolo. Quando le sue opere  appariranno, sarà scacciato dall’assemblea  4 come colui la cui sorte non è quella di trovarsi in mezzo ai discepoli di Dio. In  conformità alla sua infedeltà, uomini  5 di conoscenza lo rimprovereranno fino al giorno in cui riprenderà il (suo) posto tra gli uomini della perfetta santità…6 Quando appariranno le sue opere,in conformita all’interpretazione della legge  sulla quale camminano 7 gli uomini della perfetta santità , nessuno si unisca a lui per i beni e per il  lavoro,  8 giacché tutti i santi dall’Altissimo lo hanno maledetto. Questa è la sentenza per  tutti coloro che disprezzano i primi 9 e gli ultimi, che hanno posto immondezze nel loro cuore e hanno seguito  l’ostinazione 10 del loro cuore: per essi non v‘è parte alcuna nella casa della legge. Tale è la  sentenza per i loro compagni che sono ritornati  11 con gli uomini della arroganza, essi saranno giudicati perché pronunciarono  cose aberranti contro gli statuti della giustizia e disprezzarono 12 il patto e l’impegno che avevano contratto nel paese di Damasco, cioè il nuovo  patto. 13 Per loro e per le loro casate non vi sarà parte alcuna nella casa della legge.  Dal giorno  14 in cui fu tolto il maestro unico fino alla soppressione di tutti gli uomini di  guerra, ritornati  15  con  l’uomo  di  menzogna,  ci  saranno  circa  quarant’anni. In  quel  tempo  determinato si infiammera 16 la collera di Dio contro Israele, come disse: ―Non c’è né re né principe, ne giudice e né 17 persona  che  ammonisca  secondo  giustizia.  Ma  coloro  che  sono  ritornati  dall’iniquità di Giacobbe hanno mantenuto il patto di Dio; ognuno parlera 18 al suo prossimo affinché ognuno renda giusto il proprio fratello sostenendone  i passi sulla via di Dio; e Dio presterà attenzione     19 alle loro parole, ascolterà e davanti a lui sarà scritto un libro memoriale per  coloro che temono Dio e per coloro che riveriscono  20 il suo nome, fino a quando sarà manifestata la salvezza e la giustizia per  coloro che temono Dio. Vedrete nuovamente la differenza tra il giusto 21 e l’empio, tra colui che ha servito Dio e colui che non l’ha servito; egli usera misericordia verso le migliaia, verso quelli che l’amano 22 e gli rimangono fedeli fino a mille generazioni… Casa di Peleg, sono coloro  che, usciti dalla città santa, 23 si erano appoggiati a Dio nel tempo in cui Israele era infedele e contaminava  il santuario, e ritornarono poi di nuovo 24 verso la via del popolo con parole empie: tutti, ognuno in conformità del suo  spirito, saranno giudicati nel consiglio santo. 25 E tutti coloro che, entrati nel patto, hanno violato la frontiera della legge,  quando apparirà 26 la gloria di Dio a Israele, saranno recisi di mezzo all’accampamento, e con  essi tutti quelli di Giuda  27 che agiscono ampiamente, nei giorni delle loro fornaci. Ma tutti coloro che  sono perseveranti in queste sentenze, sia uscendo 28 che entrando, in conformità della legge, ascolteranno la voce del maestro e  confesseranno davanti a Dio: ―Veramente noi  29 pure siamo stati empi, noi e i padri nostri camminando contro gli statuti dei  patti. Giustizia  30 e verità sono le tue sentenze verso di noi. Essi non alzeranno la mano contro  gli statuti della sua santità , le sentenze  31 della sua giustizia e le testimonianze della sua verità. Ma si istruiranno nelle  prime sentenze, secondo le quali 32 sono stati giudicati gli uomini dell’Unico, presteranno orecchio alla voce del  maestro di giustizia e non respingeranno 33 gli statuti della giustizia allorche li ascolteranno; si rallegreranno e il loro  cuore sara forte, e domineranno su tutti i figli del mondo. 34 Dio li perdonera ed essi vedranno la sua salvezza, poiche si sono rifugiati nel suo santo nome.

DOCUMENTO DI DAMASCO CD (TESTO INTEGRALE)ultima modifica: 2009-09-21T16:07:00+02:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.