MAX HEINDEL E LA ROSACROCE di OCEANSIDE

Schermata 02-2458538 alle 20.39.29

di Mike Plato

Nel 1909, il danese Max Heindel (nome iniziatico di Carl Louis von Grasshoff) fonda la Rosicrucian Fellowship con l’obiettivo di annunciare l’Età dell’Acquario che viene, e promulgare “la vera filosofia” dei Rosacroce. La filosofia alla base della Fratellanza attinge pesantemente alla Teosofia piuttosto che ai puri insegnamenti mistici della Rosacroce del XVII secolo, e presenta i misteri cristiani esoterici e la conoscenza esoterica , alludendo a Matteo 13:11 e Luca 8:10 (A voi è dato conoscere i misteri del regno di Dio, ma agli altri solo in parabole, perché vedendo non vedano e udendo non intendano), per stabilire un terreno di incontro per l’arte, la religione e la scienza, e preparare l’individuo al servizio disinteressato per l’umanità attraverso lo sviluppo armonioso della mente e del cuore. La sua sede è a Monte Ecclesia in Oceanside, California , e i suoi studenti si trovano organizzati in tutto il mondo in centri e gruppi di studio. Il testo chiave di Heindel e della Fratellanza è La Cosmogonia dei Rosacroce, stampata sempre nel 1909. Secondo Heindel, l’Ordine invisibile della Croce Rosa esiste nei mondi interiori, è stato fondat0 nel 1313 ed è composto da dodici grandi adepti appartenenti all’evoluzione umana, ma già avanzati ben oltre il ciclo delle rinascite. La loro missione viene spiegata come volta a preparare tutto il mondo ad una nuova fase religiosa che include la consapevolezza dei mondi interiori e dei corpi sottili, e che sarà guida sicura nel graduale risveglio delle latenti facoltà spirituali dell’uomo : «per preparare una nuova fase della religione cristiana che sarà utile nella prossima era acquariana ormai imminente». Heindel afferma di aver ottenuto questi misteri iniziatici dalla vera Rosacroce ancora presente in Germania nel 1907. Una delle condizioni fondamentali dietro cui gli Insegnamenti della Saggezza Occidentale furono dati a Heindel era quella di diffonderli gratuitamente. Questa condizione sarà sempre fedelmente osservata da lui fino alla fine della sua vita, e sarà sempre rigorosamente rispettata da tutti coloro che lavoreranno all’interno della Fellowship. Per Heindel, la religione cristiana è la religione delle razze più progredite e la più progredita religione, ed ha celato la reincarnazione volutamente affinchè la razza conquistasse il mondo della materia, nonostante lo stesso Gesù abbia detto che il Battista fosse l’anima di Elia reincarnata. Poiché il principio fondamentale di ogni religione di razza è la separatività, che consiste nell’inculcare il sentimento della propria supremazia a spese degli altri uomini e nazioni, risulta evidente che, se questo principio si spinge fino alle sue estreme conseguenze, la tendenza distruttrice frusterebbe l’evoluzione, a meno che non fosse seguito da una religione di tipo costruttivo. Pertanto, le religioni separatiste dello Spirito Santo debbono cedere il posto all’unificante religione del Figlio, qual è la religione Cristiana. La Legge deve lasciare il posto all’Amore, e le razze e nazioni separate devono unirsi in una Fratellanza Universale con il Cristo come Fratello Maggiore. Ci sarebbero state quattro grandi epoche: la Polare, l’Iperborea, la Lemuriana, l’Atlantidea, e oggi l’Ariana, in un succedersi di fasi che conducono ad una sempre maggiore evoluzione spirituale, fino a convertire la coscienza in divina onniscienza. Gli insegnamenti della scuola sostengono che l’uomo è uno Spirito con tutti i poteri di Dio, poteri che si stanno lentamente sviluppando in una serie di esistenze, in un processo sotto la guida di esseri esaltati che hanno ordinato i nostri piani evolutivi: i Signori della Fiamma, che risvegliarono nell’uomo nascente, nel periodo di Saturno, il germe dello Spirito Divino e diedero il germe del corpo denso. In termini rosacrociani, sono chiamati Signori della Fiamma a causa della brillante luminosità dei loro veicoli e dell’estensione dei loro poteri spirituali. Nella Bibbia sono chiamati “Troni” e lavorano all’evoluzione dell’uomo di loro propria volontà, non avendo più nulla da imparare con questa esperienza. L’uomo deve il suo veicolo più elevato – lo Spirito Divino – e quello più basso – il corpo denso – all’evoluzione del periodo di Saturno, e i Signori della Fiamma aiutarono volontariamente questa manifestazione. A questo scopo, noi viviamo molte vite di natura sempre più sottile. Attraverso la “legge di causa ed effetto”, costantemente generiamo nuove cause in un’operazione che creerà nuovi effetti per riequilibrare e migliorare il vecchio karma ereditato dal passato. La filosofia di Heindel insegna che la Terra è una grande scuola alla quale ritorniamo continuamente in esistenze successive rinascendo. Ad ogni soggiorno che noi compiamo quaggiù, vi apprendiamo nuove lezioni. In questo modo evolviamo verso una maggiore perfezione e sviluppiamo le nostre facoltà spirituali. Tutte le diversità di destino che possiamo riscontrare intorno a noi, sono dovute unicamente al diverso grado di evoluzione a cui ciascuno perviene ad ogni nuova tappa compiuta in questa scuola. In tal senso, la razza umana, simboleggiata da Adamo ed Eva nel testo di Genesi, gradatamente si assunse il potere della procreazione divenendo responsabile davanti alla Legge di Conseguenza e separandosi, perciò, dall’Albero della Vita e dallo stato che conosciamo come eterico. La Bibbia ci dice che venne proibito agli uomini di mangiare del frutto dell’albero della conoscenza, pena la morte; però i frutti di quest’albero aprirono gli occhi di Adamo ed Eva, in maniera che poterono conoscere il Bene e il Male e poterono esercitare la funzione creatrice indipendentemente, divenendo capaci di creare un nuovo corpo ogniqualvolta uno ne venisse perduto, senza tener conto delle influenze planetarie, producendo così il dolore, la sofferenza e l’infermità. D’altra parte, l’abuso di questa sacra funzione per soddisfare la natura passionale, è riconosciuto dagli esoteristi come il “peccato imperdonabile”. Inoltre, se l’uomo in quel lontanissimo passato avesse appreso, come fece per il veicolo fisico, come rinnovare il suo corpo vitale, la morte sarebbe stata impossibile, ed egli sarebbe stato immortale come gli Dei. Allora avrebbe però immortalato anche le sue imperfezioni, e reso impossibile il progresso. Se l’uomo avesse mangiato dell’albero della vita, si sarebbe reso immortale, però avrebbe fallito nella sua evoluzione, perché le esperienze che l’uomo compie quaggiù costituiscono gli apporti determinanti per convertire l’uomo da dio statico a dio dinamico. L’insegnamento rosacrociano di Heindel spinge ad uno sviluppo equilibrato di corpo, cuore e mente. Il nostro corpo deve essere sano perché è uno strumento prezioso, il più perfezionato che attualmente possediamo. È tramite esso che si sviluppa la nostra coscienza in questo campo di esperienza che è il mondo fisico. È un errore disprezzare il mondo fisico, ed anche trascurarlo: vi apprendiamo lezioni di grande valore. È importante, allo stesso tempo, avere un cuore sensibile, in sintonia con tutti i sentimenti elevati e capace, soprattutto, di essere in comunicazione con tutti gli uomini, di donare se stesso per aiutarli con il più completo disinteresse; un cuore che irradi la divina fiamma dell’amore e che diffonda la sua pace sopra tutti gli esseri. È nostro dovere sviluppare l’intelligenza e possedere un cervello ben organizzato affinché il giusto pensiero possa controllare gli istinti e le passioni indesiderabili, e guidare la nostra vita. Mente e cuore si uniscono: la mente illumina i sentimenti, il cuore riscalda il pensiero e, con l’intuizione che gli è propria, ne aumenta la profondità. così, il corpo messo al servizio dello spirito, esegue quello che comprendiamo e sentiamo. I Rosacroce non insegnano che si debba diventare vegetariani o naturisti improvvisamente; ciò che promulgano realmente è che la dieta di vegetali, frutta e affini genera molta più energia della carne. Si tratta di energia non solo fisica, ma anche spirituale, con la conseguenza che se una persona conduce una vita sedentaria ed è di indole materialistica, essa non trova un impiego naturale e causa quindi disturbi al corpo fisico. La carne fu aggiunta alla dieta dell’uomo per abbassare il suo tasso vibratorio e rendere più denso il suo corpo, fino allo stadio nel quale potesse funzionare nel mondo fisico. Essa lo aiutò inoltre a sviluppare energia e coraggio. Quando la carne fu aggiunta alla dieta umana (nell’Epoca Atlantidea), gli animali mancavano ancora del grado di coscienza così concentrata nel piano fisico come possiedono oggi, per cui la perdita delle loro forme fisiche non li danneggiava allo stesso modo. Inoltre, il passionale veicolo del desiderio animale era molto meno sviluppato di adesso e il loro corpo fisico possedeva una costituzione molto differente dall’attuale. sulla Terra, nella presente epoca, vi sono quattro onde di vita separate e distinte: i minerali, i vegetali, gli animali e il genere umano, i quali tutti stanno realizzando la propria evoluzione attraverso la forma, e sanno che nel nostro sistema solare non vi è altra vita se non quella di Dio medesimo, che evolve ed anima tutto ciò che è. Da questo deduciamo che se togliamo la vita ad una qualsiasi creatura, distruggiamo la forma costruita da Dio per la sua manifestazione. Gli animali sono spiriti in evoluzione e possiedono una loro sensibilità. È il desiderio di acquisire esperienza che li spinge a costruire forme fisiche per la loro espressione. Distruggendo la loro forma, noi li priviamo della opportunità di acquisire esperienze, causando così un danno alla loro evoluzione, anziché un beneficio. Peraltro, i Rosacroce ricnoscono il fatto che il divenire delle generazioni ha reso l’uomo parzialmente carnivoro, di modo che nel caso di una grande moltitudine di persone il passaggio da una dieta mista ad una esclusivamente vegetariana si deve realizzare in maniera graduale. Secondo Heindel, gli Angeli appartengono ad una corrente evolutiva antecedente la nostra, e furono umani in una precedente incarnazione della Terra, chiamata dai Rosacroce Periodo della Luna. La loro evoluzione è quindi molto differente da quella degli attuali umani. Così come noi costruiamo i nostri corpi con particelle chimiche della terra, gli Angeli costruiscono il loro con etere. Gli Angeli sono perfettamente addestrati nella costruzione del corpo vitale, perché nel Periodo della Luna, durante il quale erano umani, l’etere costituiva lo stadio più denso della materia. Grazie a questa capacità, essi sono gli istruttori appropriati dell’uomo, degli animali e dei vegetali, rispetto alle loro funzioni vitali: propagazione, nutrizione, ecc. Invece gli angeli del Destino sono potenti individualità, ambasciatori dei Grandi Angeli Planetari e, come tali, sono in relazione con la nascita dell’uomo, aiutandolo a scegliersi l’ambiente confacente e assegnando a ciascuna vita il destino, che deve produrre gli affetti necessari. Sono coloro che guidano le influenze planetarie in modo tale che ciascuno ne venga influenzato nella maniera più conveniente per facilitare la liquidazione dei suoi debiti passati, aiutandolo anche a raccogliere i benefici di un qualsiasi credito messo in moto in una vita precedente. Qui è evidente la grande differenza tra questa presunta Rosacroce e lo gnosticismo dei primi secoli, che invece vedeva i Signori del Destino come tiranni di una prigione cosmica, per nulla interessati all’evoluzione spirituale dell’uomo.

MAX HEINDEL E LA ROSACROCE di OCEANSIDEultima modifica: 2019-02-23T20:40:29+01:00da mikeplato
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.